Troilo II de' Rossi

Troilo II de' Rossi
Particolare di Troilo II de' Rossi nel Ritratto di Camilla Gonzaga coi tre figli 1539-1540 circa, attribuito al Parmigianino ed altri; conservato nel Museo del Prado a Madrid.
Marchese di San Secondo Parmense
Stemma
Stemma
In carica15 agosto 1547 –
31 gennaio 1591
PredecessorePier Maria III de' Rossi
SuccessoreTroilo III de' Rossi
Conte di San Secondo
In carica15 agosto 1547 –
31 gennaio 1591
PredecessorePier Maria III de' Rossi
SuccessoreTroilo III de' Rossi
TrattamentoSua Grazia
Altri titoliConte di Berceto
Signore di Roccaferrata
Signore di Bardone
Signore di Pietra Balza
Signore di Corniana
Signore di Felino
Signore di Roccabianca
NascitaSan Secondo, 1525 circa
MorteSan Secondo, 31 gennaio 1591
Luogo di sepolturaOratorio di Santa Caterina all'interno della Rocca dei Rossi (San Secondo Parmense)
DinastiaRossi di San Secondo
PadrePier Maria III de' Rossi
MadreCamilla Gonzaga
ConiugeEleonora Rangoni di Modena dal 1550 sino al 1569
FigliBianca
Pietro Maria
Giulia (avuta in seconde nozze)
ReligioneCattolica
Troilo II de' Rossi
Particolare di Troilo II de' Rossi nell'affresco raffigurante, nella Sala delle Gesta Rossiane della Rocca dei Rossi (San Secondo Parmense), l'investitura di Pier Maria III de' Rossi a capo delle truppe del Re di Francia.
NascitaSan Secondo, 1525 circa
MorteSan Secondo, 31 gennaio 1591
Dati militari
Paese servito Regno di Francia
Stato Pontificio
Ducato di Milano
Impero spagnolo
Ducato di Firenze
Forza armata
Grado
  • Luogotenente delle Fanterie Italiane nelle Armate del Re di Francia
  • Colonnello delle Armate Pontificie
  • Capitano di cavalleria
GuerreGuerra d'Italia del 1551-1559
BattaglieAssedio della Mirandola (1551)
voci di militari presenti su Wikipedia

«S’havea Troilo acquistato nome, non pure di soldato intrepido, ma di prudente Capitano»

Troilo II de' Rossi (San Secondo, 1525 circa – San Secondo, 31 gennaio 1591) è stato un nobile, militare e condottiero italiano, terzo marchese di San Secondo e ottavo conte dello stesso.

Troilo II fu uno dei più illuminati committenti dell'apparato pittorico della rocca dei Rossi di San Secondo Parmense. In aggiunta, lo storico Bonaventura Angeli gli dedicò la seconda parte della sua storia di Parma La historia della città di Parma et la descrittione del fiume Parma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Famiglia d'origine[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente al casato dei Rossi di San Secondo, era figlio di Pier Maria III de' Rossi e Camilla Gonzaga; era fratello del condottiero Sigismondo de' Rossi e del cardinale Ippolito de' Rossi.

Investiture e carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte del padre Pier Maria III de' Rossi, avvenuta nel 1547, gli succedette come Conte di San Secondo, assistendo al burrascoso quanto incerto periodo della creazione del Ducato di Parma e Piacenza sotto la dinastia dei Farnese. Dal padre ereditò il titolo di comandante delle fanterie italiane al servizio del Regno di Francia. Dai francesi, schierati apertamente dalla parte dei Farnese, si distaccò subito; anche se nella guerra di Parma non prese posizione marcata, finì per unirsi alle truppe pontificie, con la carica di colonnello, con le quali partecipò all'assedio della Mirandola del 1551. Vincolato al giuramento di fedeltà al Papa Giulio III, si oppose più volte alle pressione del duca di Parma Ottavio Farnese, affinché facesse atto di vassallaggio al neonato ducato di Parma e Piacenza. Tra il 1554 e il 1555 militò al servizio di Cosimo de Medici, partecipando all'impresa di Siena. Nel dicembre del 1556, di fronte ad una lettera del Re Filippo II di Spagna, il quale ordinava al Rossi di cedere San Secondo ai Farnese,[1] dovette cedere. Nel ventennio tra il 1560 e il 1580, dopo essersi riappacificato con i Farnese, fu al servizio del Ducato di Milano con il grado di capitano di cavalleria e delle armate del Re di Spagna Filippo II. Nel 1570 Trolio II accompagnò Cosimo I de' Medici a Roma quando ricevette da papa Pio V in titolo di Granduca di Toscana.[2][3]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Troilo II morì il 31 gennaio 1591 e fu sepolto a San Secondo nell'oratorio di Santa Caterina all'interno della Rocca.

Committenze pittoriche per la Rocca di San Secondo[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Rocca dei Rossi (San Secondo Parmense).

Troilo II de' Rossi è ricordato soprattutto per aver voluto abbellire e decorare la Rocca di San Secondo; alla sua volontà si devono le rappresentazioni e decorazioni delle sale di rappresentanza, e soprattutto la realizzazione e decorazione della sala delle Gesta Rossiane.[4]

Matrimoni e discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Troilo II sposò Eleonora Rangoni dei Rangoni di Modena e da lei ebbe due figli:

Dopo la morte della moglie avvenuta nel 1569 si risposò ed ebbe un'altra figlia:[5]

  • Giulia.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni de' Rossi, V conte di San Secondo Pier Maria II de' Rossi, IV conte di San Secondo  
 
Antonia Torelli  
Troilo I de' Rossi, I marchese di San Secondo  
Angela Scotti Douglas Francesco Scotti Douglas, conte di Carpaneto e Vigoleno  
 
 
Pier Maria III de' Rossi, II marchese di San Secondo  
Girolamo Riario, signore di Imola e Forlì Paolo Riario  
 
Bianca della Rovere  
Bianca Riario  
Caterina Sforza Galeazzo Maria Sforza, duca di Milano  
 
Lucrezia Landriani  
Troilo II de' Rossi, III marchese di San Secondo  
Federico I Gonzaga, marchese di Mantova Ludovico III Gonzaga, marchese di Mantova  
 
Barbara von Brandenburg  
Giovanni Gonzaga, signore di Vescovato  
Margarete von Bayern Albrecht III, duca di Baviera  
 
Anna von Braunschweig-Grubenhagen  
Camilla Gonzaga  
Giovanni II Bentivoglio, signore di Bologna Annibale I Bentivoglio, signore di Bologna  
 
Donnina Visconti  
Laura Bentivoglio  
Ginevra Sforza Alessandro Sforza, signore di Pesaro  
 
 
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mons. Giuseppe Maria Cavalli, Cenni storici della borgata di San Secondo, 1870.
  2. ^ Storia dei Conti di San Secondo, su webalice.it (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2016).
  3. ^ Personaggi Rossiani, su cortedeirossi.it.
  4. ^ Rocca dei Rossi, su cortedeirossi.it.
  5. ^ Genealogia famiglia Rossi, su geneall.net.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mons. Giuseppe Maria Cavalli, Cenni storici della borgata e chiesa di San Secondo, 1870
  • Pier Luigi Poldi Allaj, La contea di San Secondo, Ed. Battei, 2008

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Marchese di San Secondo Successore
Pier Maria III de' Rossi 1547 - 1591 Troilo III de' Rossi