XXIV legislatura del Regno d'Italia

XXIV legislatura
Vittorio Emanuele III inaugura la XXIV Legislatura nella sala del senato a Palazzo Madama
StatoBandiera dell'Italia Italia
MonarcaVittorio Emanuele III di Savoia
Inizio27 novembre 1913
Fine29 settembre 1919
Sessioni
SessioneUnica
Camera
Elezioni26 ottobre 1913 (Dettagli)
PresidenteGiuseppe Marcora
DeputatiElenco
Senato
PresidenteGiuseppe Manfredi
Adeodato Bonasi
SenatoriElenco
Capi di governo
GoverniGiolitti IV (1911-1914)
Salandra I (1914)
Salandra II (1914-1916)
Boselli (1916-1917)
Orlando (1917-1919)
Nitti I (1919-1920)

La XXIV legislatura del Regno d'Italia ebbe inizio il 27 novembre 1913 e si concluse il 29 settembre 1919.

Come previsto dalla legge elettorale del 1912, venne ampliato notevolmente il numero dei votanti (dai 2.930.473 delle elezioni del 1909 a 8.443.205), includendo tutti i cittadini maschi di oltre 30 anni (compresi gli analfabeti) e parte dei cittadini tra 21 e 30 (alfabeti oppure in possesso dei requisiti fissati dalle precedenti leggi oppure in regola con il servizio militare); era stabilito il doppio turno con ballottaggio nei collegi uninominali.[1]

Composizione della Camera dei Deputati[modifica | modifica wikitesto]

Questo grafico non è disponibile a causa di un problema tecnico.
Si prega di non rimuoverlo.

Composizione della Camera dei Deputati durante la XXIV legislatura del Regno d'Italia a seguito delle elezioni del 1913

  Socialisti indipendenti 8
  Partito Socialista Italiano 52
  Repubblicani dissidenti 9
  Partito Repubblicano Italiano 8
  Partito Socialista Riformista Italiano 19
  Radicali dissidenti 11
  Partito Radicale Italiano 62
  Partito Democratico 11
  Partito Democratico Costituzionale 29
  Unione Elettorale Cattolica Italiana 20
  Unione Liberale 270
  Cattolici Conservatori 9

Gruppi parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

Partiti Seggi[2]
Liberale 270
Costituzionale democratico 29
Democratico 11
Conservatore cattolico 9
Radicale 62
Radicale dissidente 11
Socialista ufficiale 52
Socialista riformista 19
Socialista indipendente sindacalista 8
Repubblicano 8
Repubblicano dissidente 9
Cattolico 20
Totale 508

Governi[modifica | modifica wikitesto]

Governi formati dai Presidenti del Consiglio dei ministri su incarico reale.

  1. Governo Giolitti IV (30 marzo 1911 - 21 marzo 1914), presidente Giovanni Giolitti
  2. Governo Salandra I (21 marzo 1914 - 5 novembre 1914), presidente Antonio Salandra
  3. Governo Salandra II (5 novembre 1914 - 18 giugno 1916), presidente Antonio Salandra
  4. Governo Boselli (18 giugno 1916 - 30 ottobre 1917), presidente Paolo Boselli
  5. Governo Orlando (30 ottobre 1917 - 23 giugno 1919), presidente Vittorio Emanuele Orlando
  6. Governo Nitti I (23 giugno 1919 - 21 maggio 1920), presidente Francesco Saverio Nitti

Parlamento[modifica | modifica wikitesto]

Camera dei Deputati[modifica | modifica wikitesto]

Nella legislatura la Camera tenne 393 sedute.[3]

Senato del Regno[modifica | modifica wikitesto]

Nella legislatura il Senato tenne 201 sedute.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maggioritario: uninominale (1892-1913)], su storia.camera.it.
  2. ^ Compendio delle statistiche elettorali italiane dal 1848 al 1934, vol. 2, Roma, 1947, pp. 130-131.
  3. ^ a b F. Bartolotta, vol. I, pag. 164.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Bartolotta (a cura di), Parlamenti e governi d'Italia dal 1848 al 1970, Roma, Vito Bianco Ed., 1971.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]