Sten Sture il Vecchio

Sten Sture il Vecchio
Sten Sture rappresentato come San Giorgio in una scultura di Bernt Notke. Storkyrkan, Stoccolma.

Reggente di Svezia
Durata mandato16 maggio 1470 –
6 ottobre 1497
PredecessoreCarlo VIII (re)
SuccessoreGiovanni II (re)

Durata mandato12 novembre 1501 –
14 dicembre 1503
PredecessoreGiovanni II (re)
SuccessoreSvante Nilsson

Sten Sture il Vecchio (Sten Sture den äldre) (14401503) governò la Svezia durante l'Unione di Kalmar tra il 1470 e il 1497 e dal 1501 al 1503.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque intorno al 1440, figlio di Gustavo Anundsson della famiglia Sture e di Brigitta Stensdotter Bielke, sorellastra del futuro Re Carlo VIII di Svezia. Si sposò con Ingeborg Tott nel 1476, ma il matrimonio rimase senza discendenza. Secondo il sistema di successione, il padre di Sten Sture discendeva dal Re Sverker II di Svezia.

Alla Battaglia di Brunkeberg, nel 1471, trionfò contro le forze svedesi e danesi in aiuto di Cristiano I di Danimarca. Questa vittoria elevò Sture alla posizione di salvatore della nazione. La scultura San Giorgio e il drago creata dallo scultore tedesco Bernt Notke a Stoccolma fu ideata per commemorare l'evento. Durante il regno di Sture e anche grazie al suo sostegno, avvenne la fondazione della prima università di Svezia, l'Università di Uppsala, fondata nel 1477 dall'arcivescovo Jakob Ulvsson.

Sten Sture giunse al potere alla morte di Carlo VIII e consolidò la sua posizione con la vittoria di Brunkeberg. Per un quarto di secolo governò la Svezia rendendo la reggenza quasi un suo diritto. Era sostenuto dai contadini e dalla bassa nobiltà. Fu obbligato a dimettersi dal Re Giovanni di Danimarca, che conquistò rapidamente la Svezia nel 1497. Nonostante questo, durante un'altra ribellione contro i danesi nel 1501, Sten Sture tornò al potere, guidando la battaglia svedese per l'indipendenza. Governò di nuovo fino alla sua morte.

I suoi parenti più prossimi e gli eredi erano quelli della sorella, la Casata di Vasa. Il pronipote, il futuro re Gustavo I di Svezia era nato alcuni anni prima della morte di Sten. A quel tempo, comunque, nessuno della famiglia aveva esperienza politica, o faceva parte dell'élite svedese. Il Reggente Sten fu succeduto dal collega e dall'ex-nemico Svante Nilsson, nuovo reggente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Reggente di Svezia Successore
Carlo VIII 14701497 Giovanni I
Giovanni 15011503 Svante Nilsson II
Controllo di autoritàVIAF (EN77216088 · ISNI (EN0000 0000 5199 9484 · CERL cnp01394115 · LCCN (ENno99065341 · GND (DE123208114 · BNF (FRcb15540743r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no99065341
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie