Nazionale di calcio del Messico

Bandiera del Messico
Messico
Campione del Nord e Centro America in carica Campione del Nord e Centro America in carica
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Calcio
FederazioneFEMEXFUT
Federación Mexicana de Fútbol Asociación
ConfederazioneCONCACAF
Codice FIFAMEX
Soprannomeel Tricolor (il Tricolore)
el Tri
la Verde
los Aztecas (gli Aztechi)
SelezionatoreBandiera del Messico Jaime Lozano
Record presenzeAndrés Guardado (181)
CapocannoniereJavier Hernández (52)
Ranking FIFA14º (30 novembre 2023)[1]
Sponsor tecnicoAdidas
Esordio internazionale
Bandiera del Guatemala Guatemala 1 - 2 Messico Bandiera del Messico
Città del Guatemala, Guatemala; 1º gennaio 1923
Migliore vittoria
Bandiera del Messico Messico 13 - 0 Bahamas Bandiera delle Bahamas
Toluca, Messico; 28 aprile 1987
Peggiore sconfitta
Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra 8 - 0 Messico Bandiera del Messico
Londra, Regno Unito; 10 maggio 1961
Campionato del mondo
Partecipazioni17 (esordio: 1930)
Miglior risultatoQuarti di finale nel 1970, 1986
Campionato CONCACAF/Gold Cup
Partecipazioni25 (esordio: 1963)
Miglior risultatoOro Campioni nel 1965, 1971, 1977, 1993, 1996, 1998, 2003, 2009, 2011, 2015, 2019, 2023
Copa América
Partecipazioni10 (esordio: 1993)
Miglior risultatoArgento Secondo posto nel 1993, 2001
Confederations Cup
Partecipazioni7 (esordio: 1995)
Miglior risultatoOro Campioni nel 1999
Torneo Olimpico
Partecipazioni2[2] (esordio: 1928)
Miglior risultatoOttavi di finale nel 1928, 1948
CONCACAF Nations League
Partecipazioni3 (esordio: 2019-2020)
Miglior risultatoArgento Secondo posto nel 2019-2020, 2023-2024
Il Messico a Uruguay 1930
Il Messico a Russia 2018. Da sinistra, in alto: Ochoa, Álvarez, Salcedo, Herrera, Moreno. Seconda fila, da sinistra: Lozano, Gallardo, Guardado, Layún, Vela, Hernández.

La nazionale di calcio del Messico (selección de fútbol de México in spagnolo e Mexko xoteololoh olocholistli in nahuatl) è la rappresentativa nazionale di calcio dell'omonimo paese nordamericano ed è posta sotto l'egida della Federación Mexicana de Fútbol Asociación, la quale a sua volta è associata alla CONCACAF sin dalla sua fondazione, avvenuta nel 1961, e affiliata alla FIFA dal 1929.[3]

La nazionale messicana esordì il 9 dicembre 1923 vincendo per 2-1 contro il Guatemala in un incontro amichevole. Ha partecipato a diciassette edizioni del campionato del mondo, dove i suoi migliori piazzamenti sono i quarti di finale, raggiunti nelle edizioni casalinghe, del 1970 e 1986. In termini di posizionamenti, in entrambe le suddette edizioni il Messico concluse al sesto posto la manifestazione. È la nazionale con più partecipazioni alla Coppa del mondo che non ha mai raggiunto la semifinale della competizione.

I maggiori traguardi del Messico sono la vittoria di una FIFA Confederations Cup (nel 1999), le dodici vittorie nella Gold Cup, la manifestazione continentale organizzata dalla CONCACAF (nel 1965, 1971, 1977, 1993, 1996, 1998, 2003, 2009, 2011, 2015, 2019 e 2023), e le tre vittorie nel campionato nordamericano (nelle edizioni 1947, 1949 e 1991). La squadra si è inoltre classificata seconda nelle edizioni del 1993 e 2001 della Coppa America e seconda nelle edizioni 2019-2020 e 2023-2024 della CONCACAF Nations League. Degno di nota è anche il titolo olimpico vinto a Londra 2012, competizione nella quale la nazionale messicana a cinque cerchi ha vinto la medaglia d'oro.

La FIFA riconosce al Messico il merito di essere la rappresentativa nazionale che ha disputato il maggior numero di competizioni ufficiali dalla sua fondazione: ben nove tornei.[4] Inoltre la nazionale del Messico è stata la seconda al mondo (dopo la selezione della Costa Rica) ad aver vinto il titolo continentale di due confederazioni diverse, nello specifico il campionato nordamericano di calcio e la Gold Cup. Tutto ciò fa del Messico la nazionale di calcio più titolata del Nord America e Centro America, anche se tuttora non è riuscita ad aggiudicarsi il titolo mondiale o a raggiungere un piazzamento nei primi quattro posti della massima competizione FIFA per nazionali.

Deve il proprio soprannome el Tricolor (spesso abbreviato el Tri) al fatto che la sua divisa tipica si è sempre contraddistinta dai colori verde (maglia), bianco (pantaloncini) e rosso (calzettoni), tipici della bandiera nazionale. Di solito gioca le partite interne allo stadio Azteca di Città del Messico.

Nella classifica mondiale della FIFA, istituita nell'agosto 1993, il Messico ha ottenuto quale miglior piazzamento il 4º posto nel febbraio e nel giugno 1998 e nel maggio e nel giugno 2006, mentre il peggiore piazzamento è il 40º posto del luglio 2015. Attualmente occupa il 14º posto della graduatoria.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Il Messico esordì vincendo per 3-2 contro il Guatemala il 1º gennaio 1923. La Federación Mexicana de Fútbol Asociación fu fondata nel 1927 e si affiliò alla FIFA nel 1929.

Nel 1930 i messicani parteciparono alla prima edizione della Coppa del mondo. Qui terminarono all'ultimo posto il girone A con Argentina, Cile e Francia. Nella partita di debutto, persa per 1-4 contro la Francia, Juan Carreño segnò il primo gol dei messicani in una fase finale della Coppa del Mondo. Alla sconfitta iniziale seguirono quelle contro i cileni (0-3) e contro gli argentini (3-6, con doppietta di Manuel Rosas e gol di Roberto Gayón per il Messico).

Il Messico non riuscì a qualificarsi per il campionato del mondo 1934 e in vista del campionato del mondo 1938 non partecipò neanche alle eliminatorie, come del resto molte altre nazionali del mondo.

La costanza del Messico (1950-1966)[modifica | modifica wikitesto]

Al campionato del mondo 1950 il Messico fu sconfitto da Brasile (0-4), Jugoslavia (1-4, gol messicano di Hector Ortiz) e Svizzera (1-2, rete centroamericana di Horacio Cesarín).

Al campionato del mondo 1954 fu ancora il Brasile a battere il Messico all'esordio (0-5), mentre nel secondo e ultimo incontro i messicani furono superati dalla Francia (2-3, reti di José Lamadrid e José Balcázar).

Al campionato del mondo 1958 il Messico raccolse il suo primo punto in un mondiale pareggiando contro il Galles (1-1, gol di Jaime Belmonte), prima di patire due sconfitte contro Svezia (0-3) e Ungheria (0-4).

Nel 1961 la federcalcio messicana si affiliò alla CONCACAF. Il 10 maggio 1961 il Messico fece registrare la più larga sconfitta nella gara contro l'Inghilterra (0-8).

L'anno seguente, al campionato del mondo di Cile 1962, nonostante le sconfitte contro Brasile (0-2) e Spagna (0-1), il Messico vinse la sua prima partita di Coppa del mondo, superando per 3-1 la Cecoslovacchia (marcature di Isidoro Díaz, Alfredo Del Aguila e Hector Hernández). Malgrado il successo nell'ultimo impegno, i centroamericani non riuscirono a superare il turno.

Al campionato del mondo 1966 il Messico fu eliminato nel girone che lo vedeva opposto a Inghilterra, paese ospitante, Uruguay e Francia. Sconfitti per 0-2 all'esordio dagli inglesi, i verdi pareggiarono contro gli uruguaiani (0-0) e i francesi (1-1, gol di Enrique Borja) e si piazzarono terzi nel girone.

Il mondiale del 1970 in casa[modifica | modifica wikitesto]

Dal 31 maggio al 21 giugno 1970 fu il Messico ad ospitare il campionato del mondo. La nazionale di casa, nella quale erano riposte grandi aspettative, capitò nel girone contro Unione Sovietica, Belgio e El Salvador. Dopo il pareggio a reti bianche contro i sovietici giunse un importante successo per 4-0 contro i salvadoregni (gol di Javier Valdivia, Javier Fragoso e Juan Ignacio Basaguren). Nell'ultimo incontro la vittoria di misura contro il Belgio in virtù di una rete di Gustavo Peña consentì ai messicani di terminare il girone al primo posto a pari merito con l'URSS, che però risultò prima per aver segnato più gol. Per il Messico si trattò della prima storica qualificazione ai quarti di finale di un campionato mondiale. L'avventura dei padroni di casa finì dopo la sconfitta per 1-4 (gol del vantaggio di José Luis González) contro l'Italia, futura finalista del torneo.

Alla ricerca di un'identità (1970-1986)[modifica | modifica wikitesto]

A dispetto delle ottime prestazioni al mondiale del 1970 disputato in casa, il Messico fallì la qualificazione al campionato del mondo 1974 e si ripresentò ai nastri di partenza della fase finale di una Coppa del mondo ad Argentina 1978, dove collezionò tre sconfitte contro Tunisia (1-3, gol di Arturo Vásquez-Ayala), Germania Ovest (0-6) e Polonia (1-3, gol di Víctor Rangel). Non ottenne poi la qualificazione al campionato del mondo 1982.

Secondo mondiale in casa (1986)[modifica | modifica wikitesto]

La tredicesima edizione della Coppa del mondo, quella del 1986, si sarebbe dovuta svolgere in Colombia, che diede forfait per problemi economici. Per tale ragione l'organizzazione del torneo fu assegnata al Messico, a sedici anni dal primo mondiale svolto nel paese. Il 19 settembre 1985 un forte terremoto rischiò di mettere a repentaglio lo svolgimento della manifestazione, ma gli stadi non subirono gravi danni e la preparazione proseguì senza intoppi. I padroni di casa vinsero con autorevolezza il girone iniziale battendo Belgio (2-1, gol di Fernando Quirarte e Hugo Sánchez), Iraq (1-0, gol di Fernando Quirarte) e pareggiando contro il Paraguay (1-1, rete di Luis Enrique Flores). Agli ottavi di finale arrivò una vittoria per 2-0 contro la Bulgaria (2-0 grazie a Manuel Negrete e Raúl Servín) e ai quarti la Germania Ovest fu costretta dai messicani allo 0-0, anche se i tedeschi, futuri finalisti del torneo, si imposero con il punteggio di 4-1 ai tiri di rigore. I messicani eguagliarono, così, il risultato ottenuto sedici anni prima.

La squalifica e l'ascesa continentale (1986-1993)[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 aprile 1987 il Messico conseguì la vittoria più larga della propria storia, sconfiggendo le Bahamas per 13-0. La nazionale fu poi radiata dalle qualificazioni al campionato del mondo 1990 per aver impiegato, nelle qualificazioni al campionato mondiale Under-20 del 1989, dei giocatori di età superiore al limite consentito dalla FIFA. Inizialmente la sanzione era rivolta alla nazionale olimpica e non a quella maggiore, ma in seguito si decise di estendere la punizione a tutte le nazionali messicane per due anni.

Fu nei primi anni novanta che il Messico, sotto la guida di César Luis Menotti, ottenne maggiore gloria internazionale. Già nella prima edizione della CONCACAF Gold Cup, nel 1991, i messicani giunsero terzi, prima di aggiudicarsi il trofeo nel 1993, battendo per 4-0 in finale gli Stati Uniti allo Stadio Azteca di Città del Messico. Nello stesso anno, in Coppa America, alla quale fu invitato dalla CONMEBOL, il Messico si piazzò secondo alle spalle dell'Argentina, vittoriosa per 2-1 in finale.

Il Messico tra le potenze calcistiche mondiali (dal 1993)[modifica | modifica wikitesto]

Dal mondiale 1994 ai nuovi successi in Gold Cup[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1994 il Messico ha sempre partecipato alla fase finale della Coppa del mondo. Al campionato del mondo 1994, tenutosi negli Stati Uniti, fu inserito nel cosiddetto "gruppo della morte" comprendente anche Italia, Irlanda e Norvegia. Vinto il girone grazie al numero di gol fatti (tutte e quattro le compagini ottennero 4 punti frutto di una vittoria, un pareggio e una sconfitta a testa e una differenza reti pari a 0), la squadra allenata da Miguel Mejía Barón cadde agli ottavi di finale per mano della Bulgaria, vittoriosa per 3-1 tiri di rigore dopo l'1-1 dei tempi supplementari.

Nel 1996 il Messico colse il secondo successo nella Gold Cup, raggiunto grazie alla vittoria nella finale di Los Angeles contro il quotato Brasile (2-0, gol nella ripresa di Luis García Postigo e di Cuauhtémoc Blanco).

Nel 1997, in Bolivia, il Messico si classificò terzo in Coppa America.

Nel 1998 la nazionale messicana vinse la Gold Cup per la terza volta (la seconda consecutiva), battendo per 1-0 gli USA (rete di Luis Hernández) nella finale di Los Angeles.

Dal mondiale 1998 alla vittoria in Confederations Cup[modifica | modifica wikitesto]

Al campionato del mondo di Francia 1998 il Messico raggiunse nuovamente gli ottavi di finale. Inserita nel non facile girone con Paesi Bassi, Belgio e Corea del Sud, la squadra allenata da Manuel Lapuente vinse brillantemente all'esordio contro gli asiatici per 3-1 e poi ottenne due pareggi contro il Belgio e contro l'Olanda. In entrambi i casi i messicani riuscirono a raggiungere il 2-2 rimontando l'iniziale svantaggio di 0-2. Anche grazie al pareggio della Corea del Sud nel finale della gara contro il Belgio (1-1), il Messico si qualificò insieme con l'Olanda (pari merito a quota 5 punti, ma gli arancioni arrivarono primi per differenza reti) e affrontò la Germania agli ottavi. Questa volta il destino si capovolse e l'iniziale vantaggio messicano (firmato da Luis Hernández) venne vanificato dalla rimonta tedesca. La gara si concluse con il risultato di 2-1 in favore della Mannschaft.

Nel 1999 i messicani si aggiudicarono la Confederations Cup giocata in casa. Ottennero il primo posto nel girone grazie al pari contro l'Egitto (2-2), alla netta vittoria contro l'Arabia Saudita (5-1) e al successo contro la Bolivia (1-0), guadagnando così un posto in semifinale, dove si imposero di misura (1-0) contro gli Stati Uniti. In finale ebbero la meglio sul Brasile per 4-3, ottenendo il primato di unica nazionale della CONCACAF a vincere la Confederations Cup. L'attaccante Cuauhtémoc Blanco fu eletto miglior giocatore del torneo insieme a Ronaldinho.

Coppa America 2001 e mondiale 2002[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 i messicani giunsero secondi in Coppa America, uscendo battuti dalla finale contro la Colombia padrona di casa.

Dal 2000 gli Stati Uniti si dimostrarono rivali molto duri per il Messico, contendendogli il dominio della scena continentale; vinsero la Gold Cup 2002 ed estromisero il Messico agli ottavi di finale del campionato del mondo del 2002. In Giappone e Corea del Sud il Tricolor, inserito nel raggruppamento con Italia, Croazia ed Ecuador, vinse il girone con autorevolezza. Sconfitti i croati per 1-0 e gli ecuadoregni per 2-1, fermò sul pari (1-1) gli italiani, i quali riuscirono a rimontare l'iniziale vantaggio di Jared Borgetti solo nel finale di partita. Grazie al primo posto con 7 punti, il Messico si qualificò agli ottavi di finale, ma fu nuovamente sconfitto a questo punto del torneo. A prevalere nel derby continentale furono gli Stati Uniti di Bruce Arena, che vinsero per 2-0.

La ripresa e la vittoria della Gold Cup 2003[modifica | modifica wikitesto]

Da quel momento in poi il Messico si risollevò calcisticamente, progredendo così tanto da raggiungere la gloria passata sia a livello internazionale che a livello di club. Grazie a regolari e soddisfacenti partecipazioni della nazionale messicana e dei club messicani a tornei della CONMEBOL quali la Coppa Libertadores (che nell'edizione del 2006 vide la sorprendente squadra dei Chivas Guadalajara sconfiggere gli argentini del Boca Juniors per 4-0), il calcio messicano riguadagnò il proprio antico ruolo di squadra egemone nella zona CONCACAF. La vittoria per 1-0 contro l'Argentina nella Coppa America 2004 e la vittoria della Gold Cup 2003 furono chiari segnali di una svolta nel calcio messicano.

Il quarto posto in Confederations Cup[modifica | modifica wikitesto]

Molto più che i successi a livello continentale, a dimostrare la grande forza del Messico a livello mondiale fu la partecipazione alla Confederations Cup 2005, giocata a giugno in Germania. Dopo aver sconfitto i campioni del mondo in carica del Brasile per 1-0, i messicani furono protagonisti di un'altra ottima prestazione in semifinale, dove la squadra allenata dall'argentino Ricardo La Volpe tenne testa all'Argentina, che ottenne l'accesso in semifinale solo dopo una combattutissima serie di rigori. Sfumata l'occasione di vincere per la seconda volta la Confederations Cup, il Messico concentrò tutte le proprie forze sull'obiettivo del terzo posto. Nella finale per la terza posizione fu un'altra superpotenza del calcio mondiale, la Germania padrona di casa, a dover sudare prima di sconfiggere i messicani per 4-3 dopo i tempi supplementari. Il quarto posto nella Confederations Cup confermò la forza della squadra centroamericana.

Nella Gold Cup 2005, però, il Messico non si comportò altrettanto bene, venendo eliminato dai padroni di casa della Colombia ai quarti di finale (sconfitta per 2-1, con un gol dei colombiani a pochi minuti dalla fine della partita). Il torneo terminò con la vittoria degli Stati Uniti.

Dal mondiale tedesco all'argento in Gold Cup (2006-2007)[modifica | modifica wikitesto]

Il Messico affronta l'Argentina a Germania 2006

Proprio gli statunitensi si assicurarono la qualificazione al campionato del mondo 2006 sconfiggendo il Messico per 2-0 il 3 settembre 2005. Ciononostante i verdi riuscirono ad ottenere un posto per la Germania quattro giorni dopo, sconfiggendo Panama per 5-0 a Città del Messico.

Nella rassegna mondiale del 2006, in Germania, i messicani superarono il primo turno come secondi classificati (erano considerati teste di serie). Con una vittoria all'esordio con l'Iran 3-1, un pareggio contro l'Angola (0-0) e una sconfitta di misura contro il Portogallo (1-2), fu garantito l'accesso agli ottavi di finale, dove i Messicani trovarono l'Argentina, che prevalse per 2-1 dopo i tempi supplementari, eliminando così il Tricolor. Il 15 luglio 2006 il commissario tecnico Lavolpe si dimise e fu sostituito da Hugo Sánchez.

Il Messico partecipò come nazionale ospite alla Copa América 2007 in Venezuela. Nel torneo la squadra di Sánchez vinse il proprio girone e si qualificò ai quarti di finale, dove sconfisse il Paraguay per 6-0 prima di cadere in semifinale per mano dell'Argentina (3-0). Riuscì a guadagnare il terzo posto battendo nella "finalina" l'Uruguay per 3-1.

Nella Gold Cup 2007, svoltasi negli Stati Uniti, il Messico raggiunse la finale, dove il 24 giugno fu battuto per 2-1 in rimonta dagli statunitensi.

Alterne fortune nella Gold Cup (2009-2013)[modifica | modifica wikitesto]

I giocatori del Messico impegnati contro la Francia durante Sudafrica 2010

Il 27 maggio 2008 il presidente della FMF annunciò la sostituzione di Sánchez con il tecnico Svedese Sven-Göran Eriksson[5], che cominciò la propria avventura sulla panchina messicana il 14 giugno seguente in Belize contro la nazionale locale in un incontro valido per il secondo turno delle qualificazioni al campionato del mondo del 2010. Dopo neanche un anno, però, l'allenatore fu esonerato in seguito agli scarsi risultati conseguiti nel girone finale di qualificazione al mondiale. L'allontanamento fu conseguenza della sconfitta per 3-1 subita contro l'Honduras[6].

Allo svedese subentrò il 3 aprile 2009 Javier Aguirre, tornato sulla panchina della nazionale dopo sette anni. Con il nuovo tecnico la squadra vinse la Gold Cup 2009, battendo nella finale del Giants Stadium di East Rutherford gli Stati Uniti con il netto risultato di 5-0. Aguirre condusse poi la squadra alla qualificazione al campionato del mondo 2010 in Sudafrica con cinque vittorie consecutive, tra cui quella decisiva contro El Salvador (4-1, 10 ottobre 2009), e un pareggio nell'ultima gara.

Inserito nel gruppo A con Francia, Uruguay e Sudafrica, il Messico esordì al mondiale sudafricano l'11 giugno nella gara inaugurale del torneo, pareggiando in rimonta (1-1) contro i Bafana Bafana padroni di casa a Johannesburg. Nella seconda partita del girone i messicani si imposero per 2-0 contro la Francia vice-campione del mondo con reti di Javier Hernández e del trentasettenne Cuauhtémoc Blanco, unico calciatore nella storia del Messico a segnare in tre fasi finali del campionato del mondo[7]. Nonostante la sconfitta per 1-0 contro l'Uruguay, il Messico si qualificò agli ottavi come seconda classificata e qui incontrò, come quattro anni prima, l'Argentina. A caccia della rivincita, il Tricolor subì la seconda sconfitta del torneo, perdendo per 3-1 (gol messicano di Javier Hernández), risultato che estromise gli uomini di Aguirre dal campionato mondiale. Da segnalare le inutili proteste messicane indirizzate all'arbitro italiano Roberto Rosetti e al suo assistente Nicola Ayroldi per aver convalidato il gol del vantaggio argentino realizzato da Carlos Tévez in chiara posizione di fuorigioco[8], decisione che potrebbe aver influenzato il seguito del match. Il 30 giugno 2010 Aguirre, in una conferenza stampa, si dimise affermando di aver fallito, poiché l'obbiettivo pattuito con la federazione erano i quarti di finale[9].

Nell'ottobre del 2010 José de la Torre divenne il nuovo commissario tecnico del Messico, coadiuvato dal vice Luis Fernando Tena. Nel 2011 la nazionale messicana partecipa a due competizioni: la Gold Cup vinta a giugno (nuovamente a spese degli Stati Uniti, battuti in finale per 4-2) e la Coppa America a luglio. Nella Coppa America la nazionale messicana fu eliminata al primo turno, dopo tre sconfitte contro Cile, Perù e Uruguay.

Grazie al successo nella Gold Cup 2011 il Messico si qualificò alla Confederations Cup del 2013 in Brasile. Sorteggiata nel girone con i padroni di casa brasiliani, l'Italia e il Giappone, la rappresentativa messicana perse le prime due partite contro Italia (1-2) e Brasile (0-2) e vinse inutilmente l'ultima partita contro i giapponesi per 2-1, chiudendo con l'eliminazione al primo turno.

In seguito fu eliminata nelle semifinali della Gold Cup 2013.

Dal mondiale 2014 al successo nella Gold Cup 2015[modifica | modifica wikitesto]

Il Messico si qualificò al campionato del mondo del 2014 passando per i play-off, dopo aver chiuso al quarto posto l'esagonale, cioè il girone finale di qualificazione centroamericano. Nello spareggio interzona il Messico vinse contro la Nuova Zelanda per 5-1 in casa e per 4-2 al ritorno in trasferta.

L'esordio dei messicani al mondiale brasiliano coincise con una vittoria per 1-0 il Camerun grazie ad un gol di Oribe Peralta, in una partita in cui Giovani dos Santos si vide annullati due gol regolari. Nella seconda uscita il Messico tenne testa ai padroni di casa del Brasile, riuscendo a strappare un ottimo pareggio per 0-0, anche grazie alle parate decisive del portiere Guillermo Ochoa. Nell'ultimo e decisivo match batté per 3-1 la Croazia, accedendo così agli ottavi di finale come seconda nel girone, a pari merito con il Brasile (7 punti) ma con una differenza reti peggiore. L'avversario della prima gara ad eliminazione diretta furono i Paesi Bassi: il 29 giugno, a Fortaleza, gli oranje si imposero per 2-1, ma solo nei minuti finali, dopo che i messicani erano passati in vantaggio ad inizio ripresa con una rete di Dos Santos. Per il Messico fu la sesta eliminazione consecutiva agli ottavi di finale di un campionato del mondo.

Nella Gold Cup 2015 il Messico si piazzò secondo nel girone con Cuba e Guatemala e sconfisse la Costa Rica nei quarti di finale. In semifinale ebbe ragione di Panama dopo una partita rocambolesca, in cui i messicani riuscirono a pareggiare all'ottavo minuto di recupero del secondo tempo grazie ad un calcio di rigore e a vincere grazie ad un altro calcio di rigore concesso all'ultimo minuto dei tempi supplementari. In finale il Messico batté agevolmente la Giamaica per 3-1, aggiudicandosi il proprio decimo titolo continentale.

Il CT Herrera fu sollevato dall'incarico il 27 luglio 2015, dopo aver aggredito con un pugno un giornalista[10]. Al suo posto fu ingaggiato Ricardo Ferretti come CT ad interim[11].

Il 10 ottobre 2015 il Messico sconfisse per 3-2 dopo i tempi supplementari gli USA al Rose Bowl di Pasadena aggiudicandosi lo spareggio per accedere alla Confederations Cup 2017, aggiudicandosi quindi un posto nel torneo.

Nel novembre 2015 sulla panchina del Messico subentrò il colombiano Juan Carlos Osorio.

Dalla Coppa America Centenario alla Confederations Cup 2017[modifica | modifica wikitesto]

Alla Coppa America Centenario, disputata nel 2016 negli Stati Uniti, il Messico si presentò con una striscia di imbattibilità di 16 partite, iniziata nel giugno 2015. Dopo aver sconfitto l'Uruguay per 3-1, batté per 2-0 la Giamaica e pareggiò per 1-1 contro il Venezuela, qualificandosi al turno successivo come prima classificata nel girone. Ai quarti di finale andò incontro ad una disfatta (7-0) contro il Cile, ponendo fine alla propria striscia di imbattibilità dopo 22 partite.

Nel giugno 2017 il Messico disputò, avendo vinto lo spareggio contro gli USA dell'ottobre 2015, la Confederations Cup in Russia. Superato il girone di prima fase come seconda classificata grazie ad un pareggio (2-2 al debutto contro il Portogallo) e due vittorie (2-1 contro la Nuova Zelanda e contro la Russia), perse la semifinale contro la Germania (4-1). Nella finale di consolazione fu battuto per 2-1 dopo i tempi supplementari dal Portogallo, concludendo così il torneo al quarto posto, come nella Confederations Cup 2005.

Dal mondiale 2018 al nuovo titolo continentale nel 2019[modifica | modifica wikitesto]

Il Messico che batté la Germania campione del mondo in carica a Russia 2018.

Qualificatosi in scioltezza per il campionato del mondo 2018 (5 vittorie e un pareggio nel girone del quarto turno CONCACAF delle qualificazioni al mondiale e 6 vittorie, 3 pareggi e una sconfitta nel girone del quinto turno), il Messico fu inserito in un girone con Germania, Svezia, Corea del Sud. Nella gara d'esordio batté la Germania campione del mondo in carica per la prima volta nella propria storia in una partita dei mondiali (1-0). Dopo la vittoria per 2-1 contro la Corea del Sud, perse per 3-0 l'ultima sfida contro la Svezia, ma si qualificò comunque agli ottavi di finale come seconda classificata, beneficiando della clamorosa sconfitta dei tedeschi contro la Corea del Sud. Agli ottavi di finale il Messico fu sconfitto poi dal Brasile. Dopo un primo tempo equilibrato, terminato col risultato di 0-0, a decidere l'incontro furono le reti di Neymar e Roberto Firmino, che sancirono la settima eliminazione consecutiva dei messicani agli ottavi di finale di un mondiale.

Affidata nel gennaio 2019 all'argentino Gerardo Martino, nella Gold Cup 2019 il Messico vinse agevolmente il girone di prima fase, piegando Cuba (7-0), Canada (3-1) e Martinica (3-2), poi eliminò la Costa Rica ai quarti di finale (5-4 ai tiri di rigore dopo l'1-1 dei tempi supplementari) e Haiti in semifinale (1-0). Nella finale di Soldier Field di Chicago batté per 1-0 gli Stati Uniti padroni di casa, aggiudicandosi il titolo continentale per l'undicesima volta[12].

Gli argenti e il bronzo in CONCACAF Nations League (2019-2024)[modifica | modifica wikitesto]

Nella CONCACAF Nations League 2019-2020 il Messico vinse facilmente il girone con Panama e Bermuda, accedendo alla seconda fase, disputata nel giugno 2021. Eliminata la Costa Rica ai tiri di rigore ai quarti di finale, la selezione messicana affrontò in finale gli Stati Uniti, da cui fu battuta per 3-2, concludendo il torneo al secondo posto. Un mese dopo la squadra fu impegnata nella Gold Cup 2021, in cui superò la prima fase vincendo il girone con due successi e un pari in tre gare. Ai quarti di finale ebbe ragione dell'Honduras e in semifinale del Canada, accedendo alla finale contro gli Stati Uniti, da cui fu nuovamente battuta, stavolta per 1-0 dopo i tempi supplementari.

Martino fu al timone della Tricolor anche durante le eliminatorie CONCACAF del campionato del mondo 2022, nel terzo turno delle quali il Messico, con otto vittorie e quattro pareggi in quattordici incontri, ottenne la qualificazione alla rassegna qatariota chiudendo a pari punti con il Canada primo e piazzandosi secondo per una peggiore differenza reti. In Qatar la nazionale messicana pareggiò per 0-0 contro la Polonia, fu sconfitta per 0-2 dall'Argentina e vinse per 2-1 contro l'Arabia Saudita, chiudendo con l'eliminazione al primo turno causata dal terzo posto nel girone, a pari punti con i polacchi, ma con una peggiore differenza reti (-1 contro 0).

Nella CONCACAF Nations League 2022-2023 il Messico si assicurò il primato nel girone con Giamaica e Suriname, poi fu eliminato dagli Stati Uniti (3-0) in semifinale e ottenne il terzo posto sconfiggendo Panama nella finale di consolazione. Nella successiva Gold Cup 2023 la compagine messicana superò il girone da prima classificata con due vittorie e una sconfitta ed eliminò la Costa Rica ai quarti di finale e la Giamaica in semifinale, per poi trionfare nel torneo battendo in finale Panama per 1-0. La CONCACAF Nations League 2023-2024 vide il Messico superare l'Honduras ai quarti di finale e Panama in semifinale, per poi perdere per 2-0 la finale contro gli Stati Uniti.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione della divisa[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1928 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1950 trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1950 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1954 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1958 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1962 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1962 trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1966 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1966 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1970 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1970 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1978 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1978 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1983-85 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1983–85 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1986 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1986 trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1992-94 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1992-94 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1995 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1995 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1996-98 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1996-98 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
1999 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1999 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2000-01 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2001 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2002 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2002 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2003 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2003 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2004 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2004 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2006 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2006 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2007 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
2007 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2008 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2008 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2010 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2010 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2010 Bicentenario
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2011-13 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2011-13 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2013 terza
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2013-14 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2014 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2015-16 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2015-17 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2016-17 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2017-18 casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2018-19 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2019-20 casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2020 trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2021 casa

Commissari tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore Periodo G V N P % V
Bandiera del Messico Adolfo Frías Beltrán 1923 6 4 1 1 66,6
Bandiera del Messico Alfonso Rojo de la Vega 1928 2 0 2 0 0
Bandiera della Spagna Juan Luque de Serrallonga 1930 3 0 3 0 0
Bandiera del Messico Rafael Garza Gutiérrez 1934, 1937-1938, 1949 16 14 1 1 87,5
Bandiera dell'Inghilterra Alfred C. Crowle 1935 5 5 0 0 100
Bandiera dell'Ungheria György Orth 1947 2 2 0 0 100
Bandiera del Messico Abel Ramírez Herrera 1948 1 0 0 1 0
Bandiera del Messico Octavio Vial 1950 5 0 4 1 0
Bandiera della Spagna Antonio López Herranz 1950, 1952, 1953-1954, 1956-1958 22 9 10 3 40,9
Bandiera del Messico Horacio Casarín 1953 1 1 0 0 100
Bandiera del Messico Ignacio Trelles 1958, 1960-1969, 1975-1976 106 50 27 29 47,1
Bandiera del Messico Fernando Marcos 1959 3 3 0 0 100
Bandiera dell'Ungheria Árpád Fekete 1963 3 1 1 1 33,3
Bandiera del Messico Raúl Cardenas 1968, 1969, 1970, 1979-1981 59 25 20 14 42,3
Bandiera del Messico Diego Mercado 1969 5 1 2 2 20
Bandiera del Messico Javier de la Torre 1970-1973 38 20 7 11 52,6
Bandiera del Messico Ignacio Juáregui 1974 3 2 1 0 66,6
Bandiera del Messico José Antonio Roca 1977-1978 20 11 3 6 55
Bandiera del Messico José Moncebáez 1979 3 1 1 1 33,3
Bandiera del Messico Gustavo Peña 1979 1 1 0 0 100
Bandiera della Jugoslavia Bandiera del Messico Bora Milutinović 1983-1986, 1995-1997 104 52 32 20 50
Bandiera del Messico Mario Velarde 1987-1989 15 13 0 2 86,6
Bandiera del Messico Alberto Guerra 1989 3 3 0 0 100
Bandiera del Messico Manuel Lapuente 1990-1991, 1997-2000 67 33 18 16 49,2
Bandiera del Messico Luis Fernando Tena 1991, 2011, 2013 5 1 0 4 14,2
Bandiera dell'Argentina César Luis Menotti 1991-1992 19 7 7 5 36,8
Bandiera dell'Argentina Cayetano Rodríguez 1992 1 1 0 0 100
Bandiera del Messico Miguel Mejía Barón 1993-1995 2017 54 25 17 12 46,2
Bandiera del BrasileBandiera del Messico Ricardo Ferretti 1993, 2015, 2018 5 3 2 0 60
Bandiera del Messico Mario Carrillo 1999 1 0 0 1 0
Bandiera del Messico Gustavo Vargas 1999 2 1 1 0 50
Bandiera del Messico Enrique Meza 2000-2001, 2010 20 5 4 11 25
Bandiera del Messico Hugo Sánchez 2000, 2006-2008 28 15 4 9 53,6
Bandiera del Messico Javier Aguirre 2001-2002, 2009-2010 55 35 10 10 63,6
Bandiera dell'Argentina Bandiera del Messico Ricardo La Volpe 2002-2006 71 38 16 17 53,5
Bandiera del Messico Jesús Ramírez 2008 5 4 0 1 80
Bandiera della Svezia Sven-Göran Eriksson 2008-2009 13 6 1 6 46,2
Bandiera del Messico Efraín Flores 2010 3 1 1 1 33,3
Bandiera del Messico José Manuel de la Torre 2011-2013 47 27 12 8 57,4
Bandiera del Messico Víctor Manuel Vucetich 2013 2 1 0 1 50
Bandiera del Messico Miguel Herrera 2013-2015 37 19 11 7 51,4
Bandiera della Colombia Juan Carlos Osorio 2015-2018 52 33 9 10 63,5
Bandiera dell'Argentina Gerardo Martino 2019-2022 9 9 1 0 90

Dati aggiornati al 1 dicembre 2022.

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Campionato del mondo
Edizione Risultato
1930 Primo turno
1934 Non qualificata
1938 Non iscritta
1950 Primo turno
1954 Primo turno
1958 Primo turno
1962 Primo turno
1966 Primo turno
1970 Quarti di finale
1974 Non qualificata
1978 Primo turno
1982 Non qualificata
1986 Quarti di finale
1990 Non ammessa
1994 Ottavi di finale
1998 Ottavi di finale
2002 Ottavi di finale
2006 Ottavi di finale
2010 Ottavi di finale
2014 Ottavi di finale
2018 Ottavi di finale
2022 Primo turno
2026 Paese ospitante
CONCACAF Gold Cup
Edizione Risultato
1991 Terzo posto
1993 Campione
1996 Campione
1998 Campione
2000 Quarti di finale
2002 Quarti di finale
2003 Campione
2005 Quarti di finale
2007 Secondo posto
2009 Campione
2011 Campione
2013 Semifinali
2015 Campione
2017 Semifinali
2019 Campione
2021 Secondo posto
2023 Campione
Giochi olimpici[13]
Edizione Risultato
1928 Ottavi di finale
1948 Ottavi di finale
Confederations Cup
Edizione Risultato
1992 Non qualificata
1995 Terzo posto
1997 Primo turno
1999 Campione
2001 Primo turno
2003 Non qualificata
2005 Quarto posto
2009 Non qualificata
2013 Primo turno
2017 Quarto posto


Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni

Campione CONCACAF Championship (3):

Campionato NAFC (3):

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Messico 1999
1965, 1971, 1977, 1993, 1996, 1998, 2003, 2009, 2011, 2015, 2019, 2023

Statistiche dettagliate sui tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo FIFA[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Primo turno 0 0 3 4:13
1934 Bandiera dell'Italia Italia Non qualificato - - - -
1938 Bandiera della Francia Francia Non iscritto - - - -
1950 Bandiera del Brasile Brasile Primo turno 0 0 3 2:10
1954 Bandiera della Svizzera Svizzera Primo turno 0 0 2 2:8
1958 Bandiera della Svezia Svezia Primo turno 0 1 2 1:8
1962 Bandiera del Cile Cile Primo turno 1 0 2 3:4
1966 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Primo turno 0 2 1 1:3
1970 Bandiera del Messico Messico Quarti di finale 2 1 1 6:4
1974 bandiera Germania Ovest Non qualificato - - - -
1978 Bandiera dell'Argentina Argentina Primo turno 0 0 3 2:12
1982 Bandiera della Spagna Spagna Non qualificato - - - -
1986 Bandiera del Messico Messico Quarti di finale 3 2 0 6:2
1990 Bandiera dell'Italia Italia Non ammesso - - - -
1994 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Ottavi di finale 1 2 1 4:4
1998 Bandiera della Francia Francia Ottavi di finale 1 2 1 8:7
2002 Bandiera del Giappone Giappone / Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Ottavi di finale 2 1 1 4:4
2006 Bandiera della Germania Germania Ottavi di finale 1 1 2 5:4
2010 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Ottavi di finale 1 1 2 4:5
2014 Bandiera del Brasile Brasile Ottavi di finale 2 1 1 5:3
2018 Bandiera della Russia Russia Ottavi di finale 2 0 2 3:6
2022 Bandiera del Qatar Qatar Primo turno 1 1 1 2:3
2026 Bandiera del Canada Canada / Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti / Bandiera del Messico Messico Paese ospitante

FIFA Confederations Cup[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Non qualificato - - - -
1995 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Terzo posto 1 2 0 4:2
1997 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Primo turno 1 0 2 8:6
1999 Bandiera del Messico Messico Campione 4 1 0 13:6
2001 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud / Bandiera del Giappone Giappone Primo turno 0 0 3 1:8
2003 Bandiera della Francia Francia Non qualificato - - - -
2005 Bandiera della Germania Germania Quarto posto 2 2 0 4:2
2009 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Non qualificato - - - -
2013 Bandiera del Brasile Brasile Primo turno 1 0 2 3:5
2017 Bandiera della Russia Russia Quarto posto 2 1 2 8:10

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1912 Stoccolma Non partecipante - - - -
1920 Anversa Non partecipante - - - -
1924 Parigi Non partecipante - - - -
1928 Amsterdam Ottavi di finale 0 0 1 1:7
1936 Berlino Non partecipante - - - -
1948 Londra Ottavi di finale 0 0 1 3:5

NOTA: per le informazioni sui risultati ai Giochi Olimpici nelle edizioni successive al 1948 visionare la pagina della Nazionale olimpica.

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della Nazionale messicana.

Lista dei giocatori convocati preconvocati per la Copa América 2024.[14]

Presenze e reti aggiornate al momento delle convocazioni.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Luis Malagón 2 marzo 1997 (27 anni) 4 -4
P Julio Gonzalez 23 aprile 1991 (33 anni) 0 0
P Raúl Rangel 25 febbraio 2000 (24 anni) 0 0
D César Montes 24 febbraio 1997 (27 anni) 44 1
D Jorge Sánchez 10 dicembre 1997 (26 anni) 41 1
D Gerardo Arteaga 7 settembre 1998 (25 anni) 22 1
D Johan Vásquez 22 ottobre 1998 (25 anni) 22 1
D Israel Reyes 23 maggio 2000 (24 anni) 14 2
D Víctor Guzmán 7 marzo 2002 (22 anni) 3 0
D Jesús Orozco 19 febbraio 2002 (22 anni) 2 0
D Alexis Peña 13 gennaio 1996 (28 anni) 1 0
C Edson Álvarez 24 ottobre 1997 (26 anni) 76 5
C Orbelín Pineda 24 marzo 1996 (28 anni) 68 10
C Uriel Antuna 21 agosto 1997 (26 anni) 59 13
C Carlos Alberto Rodríguez 3 gennaio 1997 (27 anni) 49 0
C Luis Romo 5 giugno 1995 (28 anni) 44 3
C Roberto Alvarado 7 settembre 1998 (25 anni) 43 5
C Luis Chávez 15 gennaio 1996 (28 anni) 30 4
C Erick Sánchez 27 settembre 1999 (24 anni) 27 3
C Diego Lainez 9 giugno 2000 (23 anni) 26 3
C Fernando Beltrán 10 maggio 1998 (26 anni) 10 0
C Marcelo Flores 1º ottobre 2003 (20 anni) 3 0
C Jordán Carrillo 30 novembre 2001 (22 anni) 1 0
D Brian García 31 ottobre 1997 (26 anni) 1 0
D Bryan González 10 aprile 2003 (21 anni) 1 0
C Andrés Montaño 22 maggio 2000 (24 anni) 0 0
A Alexis Vega 25 novembre 1997 (26 anni) 27 6
A Santiago Giménez 17 aprile 2001 (23 anni) 25 4
A César Huerta 3 dicembre 2000 (23 anni) 6 1
A Julián Quiñones 24 marzo 1997 (27 anni) 3 1
A Guillermo Martínez 15 marzo 1995 (29 anni) 1 1

Record individuali[modifica | modifica wikitesto]

Claudio Suárez, secondo per numero di presenze con la nazionale messicana (177 in 14 anni)

Statistiche aggiornate al 24 marzo 2024.

I giocatori in grassetto sono ancora in attività in nazionale.

Record presenze
Pos. Giocatore Presenze Reti Periodo
1 Andrés Guardado 181 28 2005-2022
2 Claudio Suárez 177 6 1992-2006
3 Guillermo Ochoa 151 0 2005-
4 Rafael Márquez 147 19 1997-2018
5 Pável Pardo 146 11 1996-2009
Gerardo Torrado 6 1999-2013
7 Héctor Moreno 132 5 2007-
8 Jorge Campos 130 0 1991-2004
9 Carlos Salcido 124 10 2004-2014
10 Ramón Ramírez 121 15 1991-2000
Record reti
Pos. Giocatore Reti Presenze Periodo
1 Javier Hernández 52 109 2009-2019
2 Jared Borgetti 46 89 1997-2008
3 Cuauhtémoc Blanco 39 120 1995-2014
4 Carlos Hermosillo 35 90 1984-1997
Luis Hernández 85 1995-2002
6 Raúl Jiménez 34 108 2013-
7 Enrique Borja 31 65 1966-1975
8 Luis Roberto Alves 30 84 1988-2001
9 Luis Flores 29 62 1983-1993
Luis Garcia 78 1991-1999
Hugo Sánchez 58 1977-1998

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo FIFA 1930
Bonfiglio, P Sota, D F. Garza Gutiérrez, D R. Garza Gutiérrez, D M. Rosas, C Amézcua, C Rodríguez, C F. Rosas, C Sánchez, A Carreño, A Castro, A Gayón, A López, A Mejía, A Olivares, A Pérez, A Ruiz, CT: Luque de Serrallonga
Coppa del Mondo FIFA 1950
Carbajal, D Córdoba, D Gómez, D Gutiérrez, D Montemayor, D Roca, D Ruiz, D Zetter, C Cuburu, C Flóres, C Guevara, C Hernández, C Ochoa, C Ortiz, C Pérez, A Borbolla, A Casarín, A Naranjo, A Navarro, A Prieto, A Septién, A Velázquez, CT: Vial
Coppa del Mondo FIFA 1954
Carbajal, 2 López, 3 Romo, 4 Martínez, 5 Cárdenas, 6 Ávalos, 7 Torres, 8 Naranjo, 9 Lamadrid, 10 Balcázar, 11 Arellano, 12 Mota, 13 Bravo, 14 Gómez, 15 Blanco, 16 Nájera, 17 Septién, 18 Carus, 19 Jinich, 20 Roca, 21 Ochoa, 22 Cortés, CT: López Herranz
Coppa del Mondo FIFA 1958
Carbajal, 2 del Muro, 3 Romo, 4 Villegas, 5 Portugal, 6 Flores, 7 Hernández, 8 Reyes, 9 Calderón de la Barca, 10 C. Gutiérrez, 11 Sesma, 12 Camacho, 13 Gómez, 14 M. Gutiérrez, 15 Sepúlveda, 16 Roca, 17 Cárdenas, 18 Salazar, 19 Belmonte, 20 Blanco, 21 López, 22 González, CT: López Herranz
Coppa del Mondo FIFA 1962
Carbajal, 2 del Muro, 3 Sepúlveda, 4 Villegas, 5 Cárdenas, 6 Nájera, 7 del Aguila, 8 Reyes, 9 H. Hernández, 10 Ortíz, 11 Díaz, 12 Gómez, 13 Chaires, 14 Romero, 15 Jáuregui, 16 Farfán, 17 Ruvalcaba, 18 A. Hernández, 19 Jasso, 20 Velarde, 21 Baeza, 22 Mota, CT: Trelles
Coppa del Mondo FIFA 1966
Carbajal, 2 Chaires, 3 Peña, 4 del Muro, 5 Jáuregui, 6 Díaz, 7 Ruvalcaba, 8 Padilla, 9 Cisneros, 10 Fragoso, 11 Jara, 12 Calderón, 13 González, 14 Núñez, 15 Hernández, 16 Regueiro, 17 Mercado, 18 Muñoz, 19 Reyes, 20 Borja, 21 Navarro, 22 Vargas, CT: Trelles
Coppa del Mondo FIFA 1970
Calderón, 2 Alejándrez, 3 Peña, 4