Maria d'Austria (1584-1649)

Maria d'Asburgo
L'arciduchessa Maria d'Austria, Servitenkloster, Innsbruck.
Arciduchessa d'Austria
NascitaInnsbruck, 16 giugno 1584
MorteInnsbruck, 3 marzo 1649 (64 anni)
Luogo di sepolturaChiesa dei Servi di Maria, Innsbruck
DinastiaAsburgo
PadreFerdinando II d'Austria
MadreAnna Caterina Gonzaga
ReligioneCattolicesimo
Governatore del Tirolo e Arciduca d'Austria
Asburgo

Ferdinando II
Figli
Mattia
Massimiliano
Leopoldo V
Ferdinando Carlo
Sigismondo Francesco
Leopoldo
Modifica

Maria d'Austria, arciduchessa d'Austria (Innsbruck, 16 giugno 1584Innsbruck, 3 marzo 1649), è stata una religiosa austriaca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Ferdinando II d'Austria e della sua seconda moglie Anna Caterina Gonzaga. Insieme con la madre, abbracciò la vita religiosa nel monastero delle terziarie regolari dell'Ordine dei Servi di Maria di Innsbruck.[1]

Venne sepolta, assieme alla madre, nella Chiesa dei Servi di Maria di Innsbruck.[2]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
8. Filippo I d'Asburgo 16. Massimiliano I d'Asburgo  
 
17. Maria di Borgogna  
4. Ferdinando I d'Asburgo  
9. Giovanna di Castiglia 18. Ferdinando II d'Aragona  
 
19. Isabella di Castiglia  
2. Ferdinando II d'Austria  
10. Ladislao II di Boemia 20. Casimiro IV di Polonia  
 
21. Elisabetta d'Asburgo  
5. Anna Jagellone  
11. Anna di Foix-Candale 22. Gastone II di Foix-Candale  
 
23. Caterina di Navarra  
1. Maria d'Austria  
12. Federico II Gonzaga 24. Francesco II Gonzaga  
 
25. Isabella d'Este  
6. Guglielmo Gonzaga  
13. Margherita Paleologa 26. Guglielmo IX del Monferrato  
 
27. Anna d'Alençon  
3. Anna Caterina Gonzaga  
14. Ferdinando I d'Asburgo (= 4) 28. Filippo I d'Asburgo (= 8)  
 
29. Giovanna di Castiglia (= 9)  
7. Eleonora d'Austria  
15. Anna Jagellone (= 5) 30. Ladislao II di Boemia (= 10)  
 
31. Anna di Foix-Candale (= 11)  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Tirolerportraits.it., su tirolerportraits.it. URL consultato il 1º gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 25 ottobre 2019).