Agazio Guidacerio

Agazio Guidacerio, o Agacio Guidacerio, o Agathius Guidacerius (Rocca Falluca, 1477Parigi, 1542), è stato un umanista, linguista, filologo ed ebraista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Rocca Falluca, un antico borgo medievale disabitato dalla fine del XVI secolo i cui ruderi sono situati nel territorio comunale dell'odierna Tiriolo, in Calabria. Ricevette una prima istruzione presso l'abbazia di San Giuliano di Rocca Falluca.

Fu professore di lingua ebraica a Roma ai tempi di Leone X. Possedeva una imponente raccolta di codici e libri in lingua ebraica che andarono persi durante il sacco di Roma (1527) a cui scampò rifugiandosi ad Avignone presso il vicelegato Giovanni Niccolai. Si trasferì successivamente a Parigi dove nel 1530 ottenne la cattedra di lingua ebraica al Collège de France. A Parigi nel 1539 preparò una nuova versione della Gramatica ebraica, la cui prima edizione era stata pubblicata a Roma nel 1520 con dedica a Leone X; preparò inoltre dei commenti ad alcuni testi dell'Antico Testamento, il cui elenco è contenuto nella Bibliotheca sacra del Le Long[1], nei quali confrontò il testo latino con quello greco e con l'originale in lingua ebraica.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Roma
  • Grammatica hebraicae linguae (1520)
  • Canticum canticorum Selomonis (1524)
Parigi
  • Institutiones grammaticae hebraicae linguae (1529)
  • Canticum canticorum Selomonis (1531)
  • In preciosissimos septem Davidicos psalmos, qui poenitentiales merito dicuntur, secundum fontes Hebraeorum, nova jam nunc aedita commentaria (1836)
  • Grammatica hebraica. In hoc libello continetur: de Literis hebraicis, de punctis, de accentibus, de quantitate syllabarum, deque vera linguae hebraicae pronunciandi ratione, quatenus scriptis ostendi potest (1537)
  • Canticum canticorum Ecclesiastes (1539)
  • Grammaticae in sanctam Christi linguam institutiones, aeditae per Agathium Guidacerium. De octo partibus orationis, ab ejus peculio, liber secundus (1539)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jacques Lelong, Bibliotheca sacra in binos syllabos distincta, quorum prior qui jam tertio acutior prodit, omnes sive textus sacri sive versionum ejusdem quavis lingua exprssarum editiones; nec non praestatiores mss. codices, cum notis historicis & criticis exhibet ... Huic ... subjiciuntur grammaticae et lexica linguarum, praesertim orientalium, quae ad illustrandas sacras paginas aliquid adjumenti conf, Parisiis: apud F. Montalant, bibliopolam, ad ripam pp. Augustinianorum, prope pontem sancti Michaelis, 1723

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Opere di Agazio Guidacerio, su MLOL, Horizons Unlimited. Modifica su Wikidata
  • Pierre-Louis Ginguené e Francesco Saverio Salfi, Histoire litéraire d'Italie, Michaud, Paris, vol. VII, 1819, p. 267
  • Girolamo Tiraboschi, Storia della letteratura italiana, Società tipografica de' classici italiani, Milano, vol. VII, 1824, p. 1585 [1].
  • Gianbernardino Tafuri, Istoria degli scrittori nati nel Regno di Napoli, Vol. 3, p. 653 e seg., Napoli: nella Stamperia di Felice Carlo Mosca per Giuseppe Severini Boezio, 1744-1760 (Rist. anast. Sala Bolognese: Forni, stampa 1974)
  • Cesare Mulè, Agazio Guidacerio: un umanista catanzarese a Parigi, Roma, etc., Gangemi Editore, 1990, ISBN 88-7448-268-X.
Controllo di autoritàVIAF (EN78657745 · ISNI (EN0000 0001 1448 9853 · SBN BVEV022723 · BAV 495/22397 · CERL cnp01004644 · LCCN (ENnr94003901 · GND (DE119092379 · BNF (FRcb12070807h (data) · J9U (ENHE987007262009905171 · NSK (HR000164751 · WorldCat Identities (ENlccn-nr94003901