Advertising Enquiries

Yves Tumor

Wikipedia open wikipedia design.

Yves Tumor
Yves Tumor in 2019 (cropped).jpg
Yves Tumor (2019)
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereMusica sperimentale
Musica elettronica
EtichettaPAN, Warp
Album pubblicati4

Yves Tumor, pseudonimo di Sean Bowie (...), è un musicista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene le origini di Yves Tumor siano incerte (si presume che fosse nato a Miami durante gli anni ottanta e non è nemmeno sicuro che il suo vero nome sia Sean Bowie), egli affermò di essere cresciuto a Knoxville, nel Tennessee.[1][2] Bowie si appassionò alla musica all'età di 17 anni sentendo l'esigenza di ribellarsi in modo creativo a "un ambiente noioso e conservatore" e imparò a suonare la batteria, il basso, la chitarra e la tastiera. Insoddisfatto della sua vita nel Tennessee, Yves Tumor si trasferì, all'età di vent'anni, a San Diego e, in un secondo momento, a Los Angeles, dove fece la conoscenza di Mykki Blanco. Nel 2012, i due artisti parteciparono assieme a una serie di tournée in Europa e Asia che perdurarono per due anni e mezzo.[3]

Gli esordi discografici di Yves Tumor risalgono ai primi anni 2010, periodo in cui, adottando l'alias Teams, registrò musica definita "post-chillwave" da AllMusic. Le prime uscite a nome Yves Tumor furono due EP usciti per l'etichetta berlinese di experimental club music Janus e per la Dogfood MG di proprietà di Mykki Blanco.[4][5][6] Nel 2015, l'artista e la sua band auto-pubblicarono il loro primo album When Man Fails You, che venne nuovamente inciso per la Apothecary Compositions il 29 aprile 2016.[7]

Nel settembre 2016, Tumor firmò un contratto con la PAN Records e pubblicò per essa Serpent Music, registrato nell'arco di tre anni e inciso fra Miami, Lipsia, Los Angeles e Berlino.[3] In una recensione di Serpent Music, il critico di Pitchfork correlò la stilista del musicista statunitense a quella di James Ferraro e Dean Blunt dai quali l'artista americano riprenderebbe l'uso di "loop percussivi inquietanti e field recording mirati a creare uno stato d'animo che ti fa sentire in uno strano panorama urbano".[8]

Nel settembre 2017, Tumor pubblicò una compilation gratuita intitolata Experiencing the Deposit of Faith. Una settimana dopo, fu dichiarato che l'artista avrebbe intrapreso una tournée organizzato dalla Warp Records comprendente nuovi show audiovisivi.[9][10]

Dopo aver pubblicato alcuni singoli per la Warp (ovvero Noid, Licking an Orchid, una collaborazione con James K, e Lifetime, usciti rispettivamente il 24 luglio, il 29 agosto e il 3 settembre del 2018), Tumor pubblicò, senza alcun annuncio promozionale, Safe in the Hands of Love, suo primo album per l'etichetta britannica che ricevette il plauso della critica.[1][11] Riferendosi al disco, Jayson Greene di Pitchfork dichiarò che "eclissa tutto ciò che l'artista ha pubblicato in diversi ordini di grandezza. Il cambiamento è così repentino da essere disorientante".[12]

Il quarto album Heaven to a Tortured Mind, che vide la partecipazione di Justin Raisen, uscì il 3 aprile 2020 preceduto dal singolo Kerosene! con Diana Gordon, uscito il 3 marzo.[1][13] Recensendo l'album per The Guardian, Alexis Petridis giudicò questa uscita l'"album della settimana" e lo definì "straordinario: sperimentale, capace di cimentarsi in qualsiasi genere e dotato di una logica interna che alimenta i cambiamenti di umore della musica".[14]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile eclettico e inquietante di Yves Tumor spazia da collage ambientali, soul a bassa fedeltà e rumorismo.[4] Yves Tumor affermò che fra i maggiori ispiratori vi sono i Throbbing Gristle dai quali avrebbe ripreso le "vibrazioni ipnotiche in trance".[3]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Poco si sa di Yves Tumor. Pare che risieda a Berlino o a Torino e, durante un'intervista rilasciata nel 2017, dichiarò di non essere predisposto a parlare di sé al pubblico:[1]

«Non mi piace che i giornalisti conoscano il mio nome e dove vivo. Uno posta cose personali on line, aumentando il numero di fan, che a quel punto sono convinti di conoscerlo anche se non l'hanno mai incontrato. Io non voglio che nessuno passi quella linea di demarcazione, e quindi ho iniziato a tirarmi indietro.»

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 – When Man Fails You
  • 2016 – Serpent Music
  • 2018 – Safe in the Hands of Love
  • 2020 – Heaven to a Tortured Mind

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2018 – Noid
  • 2018 – Licking an Orchid (con James K)
  • 2018 – Lifetime
  • 2020 – Gospel for a New Century
  • 2020 – Kerosene!
  • 2020 – Romanticist/Dream Palette

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

  • 2017 – Experiencing the Deposit of Faith

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Mauro Fenoglio, Arca - Yves Tumor - Nicolas Jaar, in Rumore, maggio 2020.
  2. ^ Chi è Yves Tumor?, su giornaledellamusica.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  3. ^ a b c (EN) Yves Tumor is making mood music in spiritual solitude, su dazeddigital.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  4. ^ a b (EN) Yves Tumor, su allmusic.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  5. ^ (EN) Experiencing the Deposit of Faith, su pitchfork.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  6. ^ (EN) PAN signs Yves Tumor for debut album, Serpent Music, su residentadvisor.net. URL consultato il 10 maggio 2020.
  7. ^ (EN) Mykki Blanco affiliate Yves Tumor to release Serpent Music on PAN, su factmag.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  8. ^ (EN) pitchfork.com, https://pitchfork.com/reviews/albums/22472-serpent-music/. URL consultato il 10 maggio 2020.
  9. ^ (EN) Yves Tumor signs to Warp Records, su residentadvisor.net. URL consultato il 10 maggio 2020.
  10. ^ (EN) Yves Tumor signs to Warp, releases new album Experiencing The Deposit Of Faith, su factmag.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  11. ^ (EN) SAFE IN THE HANDS OF LOVE - by Yves Tumor, su metacritic.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  12. ^ (EN) Yves Tumor - Safe in the Hands of Love, su pitchfork.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  13. ^ (EN) Listen to Yves Tumor’s New Song “Kerosene”, su pitchfork.com. URL consultato il 10 maggio 2020.
  14. ^ (EN) Yves Tumor: Heaven to a Tortured Mind review – strong, wrong songs of a rare genius, su theguardian.com. URL consultato il 10 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]



This page is based on a Wikipedia article written by contributors (read/edit).
Text is available under the CC BY-SA 4.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.

Destek