Valerij Klimov

Valerij Aleksandrovič Klimov (in russo Валерий Александрович Кли́мов?; Kiev, 16 ottobre 19312022[1]) è stato un violinista e docente russo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Valerij Klimov è figlio di Aleksandr Klimov, direttore dell’Opera di Kiev e saggista.[2] Dal 1938 Valerij Klimov ha studiato con Pëtr Stoljarskij alla sua Scuola di musica di Odessa e dal 1945 con Veniamin Zinov'evič Mordkovič. Trasferitosi a Kiev nel 1951, Klimov prosegue gli studi con B. S. Fishman al Conservatorio di Kiev. Nel 1953 Klimov è ammesso al Conservatorio di Mosca nella classe di David Ojstrach. Prima del diploma (1959) Klimov ha partecipato a diversi concorsi internazionali: nel 1955 si è aggiudicato il 6º premio al Long-Thibaud di Parigi, nel 1956 ha vinto il concorso J. Slavik e F. Ondříček di Praga e nel 1958 ha vinto il primo premio al Čajkovskij di Mosca.[3]

In seguito ha iniziato un’intensa attività concertistica che l’ha portato, dagli anni Sessanta, ad esibirsi sui principali palcoscenici europei, americani ed australiani. In Australia ha soggiornato spesso ed è entrato in contatto con la scuola australiana guidata da Jan Sedivka[4] Dal 1965 Klimov è stato assistente al Conservatorio di Mosca; dal 1974 è stato professore (succedendo a David Ojstrach), e nel contempo direttore del dipartimento di violino. Nel 1972 è stato insignito del titolo di Artista del popolo della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa.[5] Nel 1989 ha terminato in suo incarico di docente al Conservatorio di Mosca. Dallo stesso 1989 ha insegnato all'Accademia musicale di Saarbrücken. Ha inciso dischi per diverse etichette discografiche e ha partecipato alla giuria di numerosi concorsi internazionali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ö1 Kalender, su oe1kalender.orf.at. URL consultato il 3 luglio 2023.
  2. ^ Cfr. Henry Roth, Valeri Klimov, in Violin Virtuosos, From Paganini to the 21st Century, 1997, p. 296
  3. ^ Henry Roth, Great Violinists in Performance, Critical Evaluations of over 100 Twentieth-Century Virtuosi, 1987, p. 136
  4. ^ Elinor Morrisby, Up is down, a life of violinist Jan Sedivka, Melbourne, Lyrebird, 2008
  5. ^ -, voce Klimov Valerij, in Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti, Appendice, 1990, p. 442

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Henry Roth, Great Violinists in Performance, Critical Evaluations of over 100 Twentieth-Century Virtuosi, Los Angeles, Panjandrum Books, 1987, pp. 136-137
  • Henry Roth, Valeri Klimov, in Violin Virtuosos, From Paganini to the 21st Century, Los Angeles, California Classics Books, 1997, p. 296
  • -, voce Klimov Valerij, in Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti (diretto da Alberto Basso), Utet, Torino, Appendice, 1990, p. 442
  • Elinor Morrisby, Up is down, a life of violinist Jan Sedivka, Melbourne, Lyrebird, 2008

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

https://www.discogs.com/artist/2949742-Valeri-Klimov?noanv=1 Valerij Klimov su Discogs

Controllo di autoritàVIAF (EN44487976 · ISNI (EN0000 0000 2308 4615 · Europeana agent/base/24603 · LCCN (ENn83125425 · GND (DE1135580707 · BNF (FRcb13931299f (data) · J9U (ENHE987007407602205171 · WorldCat Identities (ENlccn-n83125425
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie