Valdemaro di Brandeburgo

Valdemaro di Brandeburgo
Statua di Valdemaro al ponte Mühlendamm a Berlino, creata nel 1894/95 dallo scultore Max Unger, prototipo per il monumento collocato nel Siegesallee
Margravio di Brandeburgo
Stemma
Stemma
In carica1308 –
14 agosto 1319
PredecessoreOttone IV
SuccessoreEnrico
Altri titoliConte palatino di Turingia
Nascita1280 ca.
MorteMieszkowice, 14 agosto 1319
DinastiaAscanidi
PadreCorrado di Brandeburgo-Stendal
MadreCostanza
ConiugeAgnese

Valdemaro il Grande (in tedesco Waldemar der Große; 1280 circa – Mieszkowice, 14 agosto 1319) fu margravio di Brandeburgo-Stendal dal 1308 alla morte.

Divenne unico sovrano del margraviato di Brandeburgo dopo la morte di suo cugino Giovanni V di Brandeburgo-Salzwedel nel 1317. Valdemaro è noto come l'ultimo dei margravi della dinastia degli Ascanidi, la quale resse il margraviato a partire dal 1157 con Alberto l'Orso; gli successe il cugino minore Enrico II, che morì un anno dopo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio del margravio Corrado di Brandeburgo-Stendal e della moglie Costanza, figlia maggiore del duca Przemysł I della Grande Polonia della dinastia Piast. Valdemaro fu co-reggente della marca di Brandenburgo dal 1302 e successe come margravio dopo la morte dello zio Ottone IV nel 1308.

La Pomerelia all'interno di una mappa dello Stato monastico dell'Ordine Teutonico nel 1410.

Nel 1307 Valdemaro firmò un accordo con la dinastia Swienca cedendogli le terre di Pomerelia (Pomerania orientale), dopodiché le truppe del margraviato di Brandeburgo occuparono Świecie, Tczew e tutte le posizioni strategiche presenti fino a Danzica. A sua volta, il re polacco Ladilslao I chiese il sostegno dei Cavalieri Teutonici e, dopo la loro presa di Danzica, Valdemaro con il trattato di Soldin del 1309 cedette le sue pretese sulla Pomerelia a est del fiume Łeba all'Ordine Teutonico con un pagamento di 10.000 marchi d'argento. I distretti dei castelli di Schlawe e Stolp, tra cui la residenza Swienca di Rügenwalde, rimasero inizialmente a Valdemaro.

Nel 1312 Valdemaro intraprese una guerra contro il margravio Federico I di Meißen. Federico fu catturato e imprigionato; per riguadagnare la libertà, dovette cedere la marca della Lusazia e le città di Torgau e Großenhain al margraviato di Brandeburgo e pagare un riscatto di 32.000 marchi d'argento. Alle elezioni imperiali del 1314, Valdemaro votò per il candidato di Wittelsbach Ludovico il Bavaro contro il suo rivale asburgico Federico il Bello. Nel 1316 Valdemaro occupò di nuovo Dresda fino alla fine della guerra con il margraviato di Meißen nel 1317.

Nel conflitto contro il principe Enrico II di Meclemburgo, Valdemaro sostenne i cittadini di Stralsund contro l'imminente invasione del Meclemburgo e occupò la signoria di Stargard, un ex possedimento della defunta moglie di Enrico, Beatrice di Brandeburgo. In tal modo però creò una grande coalizione contro sé stesso formata da Meclemburgo, Werle e il Regno di Danimarca. Nell'agosto 1316 le truppe di Valdemaro furono sconfitte vicino a Gransee. Con il trattato di Templin del 1317 il margravio dovette cedere Stargard e Neubrandenburg al Meclemburgo. Dovette anche rinunciare alle precedenti acquisizioni pomereliane di Schlawe e Stolp, che passarono al duca Wartislao IV di Pomerania.

Nel 1319 Valdemaro acquistò le città della Slesia di Züllichau e Schwiebus .

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Reinhold Begas facente parte della Siegesallee, 1900

Nel 1309 sposò sua cugina Agnese (1296 circa-1334), figlia del margravio Ermanno di Brandenburg-Salzwedel. Il matrimonio non generò figli.

Valdemaro fu l'ultimo membro al governo del margraviato di Brandeburgo della dinastia Ascanide. Con la morte di suo cugino Giovanni V nel 1317, la giovane linea Salzwedel dei margravi di Brandeburgo si estinse. Dal 1318 Valdemaro fungeva anche da tutore per suo cugino minore Enrico II, margravio di Brandeburgo-Stendal. La sua avanzata verso le terre prussiane fu ripresa più di 200 anni dopo, quando il Brandeburgo e il ducato di Prussia erano sotto il dominio della dinastia Hohenzollern.

Dopo la morte di Valdemaro, sua moglie Agnese sposò nel dicembre 1319 il duca Ottone di Brunswick-Göttingen. Quando il cugino e protetto Enrico II morì nel luglio 1320, il ramo ascanide del Bradenburgo si estinse. Il feudo venne ripristinato e detenuto successivamente dal re Wittelsbach Ludovico il Bavaro. Nel 1323 cedette il margraviato al figlio maggiore Ludovico V di Baviera, ignorando le rivendicazione dei principi della dinastia ascanide di Anhalt.

Il falso Valdemaro[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Falso Valdemaro.

Nel 1348 un impostore apparve nell'arcivescovado di Magdeburgo e riuscì a convincere gli astanti di essere Valdemaro, tornando dal pellegrinaggio in Terra santa dopo che seppe che qualcun altro era stato sepolto al suo posto. Ottenne credito facilmente grazie alla rivalità presente tra la dinastia Wittelsbach e la dinastia lussemburghese. Il re Carlo IV di Lussemburgo gli ridiede il margraviato e lo tenne per circa due anni prima che "l'ultimo ascanide" fosse smascherato e fuggito presso la corte di Anhalt a Dessau, dove trascorse il resto della sua vita.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Alberto II, margravio di Brandeburgo Ottone I, margravio di Brandeburgo  
 
Giuditta di Polonia  
Giovanni I, margravio di Brandeburgo  
Matilde di Lusazia Corrado II, margravio di Lusazia  
 
Elisabetta di Polonia  
Corrado, margravio di Brandeburgo-Stendal  
Valdemaro II, re di Danimarca Valdemaro I, re di Danimarca  
 
Sofia di Minsk  
Sofia di Danimarca  
Berengaria del Portogallo Sancho I, re del Portogallo  
 
Dolce di Barcellona  
Valdemaro, margravio di Brandeburgo  
Ladislao, duca della Grande Polonia Oddone, duca di Poznań e Kalisz  
 
Viacheslava Yaroslavna di Halych  
Przemysł I, duca della Grande Polonia  
Edvige  
 
 
Costanza della Grande Polonia  
Enrico II, granduca di Polonia Enrico I, granduca di Polonia  
 
Edvige di Andechs  
Elisabetta di Polonia  
Anna di Boemia Ottocaro I, re di Boemia  
 
Costanza d'Ungheria  
 

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Margravio di Brandeburgo Successore
Ottone IV di Brandeburgo 1308-14 agosto 1319 Enrico di Brandeburgo
Controllo di autoritàVIAF (EN49142761 · ISNI (EN0000 0001 0128 3303 · CERL cnp00541938 · LCCN (ENnr98027028 · GND (DE118907425