Scipione Roero

Scipione Roero
vescovo della Chiesa cattolica
 
Incarichi ricopertiVescovo di Asti (1529-1536)
 
Natoad Asti
Nominato vescovo16 luglio 1529 da papa Clemente VII
Consacrato vescovo17 agosto 1529 dall'arcivescovo Gabriele Mascioli, O.E.S.A.
Deceduto1548 ad Asti
 

Scipione Roero (Asti, ... – Asti, 1548) è stato un vescovo cattolico italiano, vescovo di Asti tra il 1529 e il 1536.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Roero (famiglia) e Torri e palazzi dei Roero.

Discendente da una delle più antiche e nobili casane astigiane, i Roero, che avevano le loro case nella contrada omonima, Fra Scipione era un monaco dell'ordine degli Umiliati. Divenne priore della chiesa di San Marco e nel 1529 venne consacrato vescovo di Asti.[1]

L'opera[modifica | modifica wikitesto]

Scipione si distinse per la sua pietà ma anche per il carattere zelante.[2]

Mentre in Asti imperversa la peste, nel 1530, dopo la sua elezione concesse il priorato di san Marco con tutte le dipendenze ed i benefici annessi alle monache francescane della chiesa del Gesù un tempo collocato sulla contrada maestra (l'odierno Corso Alfieri a ponente della cattedrale).[3]

Al vescovo Scipione viene riconosciuto di aver organizzato nel 1539 il più antico Sinodo astigiano che ha conservato totalmente i propri scritti e che ha raccolto i frammenti dei precedenti sei sinodi cittadini (1316, 1328, 1471, 1474, 1476, 1485).

Nelle "costituzioni sinodali" del 1539, in Scipione, traspare l'evidente volontà del vescovo di consigliare ai propri ecclesiastici di intervenire il meno possibile nelle faccende politiche o materiali, invitandoli a non prendere parte ai consigli di città o di circoscrizione, di portare armi, di viaggiare la notte, di non accettare beni, di giocare, di cacciare, di esercitare la "mercatura", di evitare la propria sepoltura al di fuori della propria parrocchia, di ricevere o confessare parrocchiani di altre parrocchie senza il diretto consenso del parroco, comminando pene severissime ai trasgressori.[4]

Il miracolo dell'ostia[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 luglio 1525, secondo quanto tramandato da antichi documenti, il vescovo Scipione, mentre presenziava in San Secondo alla celebrazione per la festa di San Giacomo Apostolo, vide l'ostia stillare sangue mentre veniva spezzata durante la "comunione".[5]

Subito scrisse l'accaduto a papa Paolo III, il quale concesse un'indulgenza plenaria a tutti i fedeli che in quel giorno avessero visitato la chiesa recitando tre Pater ed Ave secondo l'intenzione del Pontefice[6]. Nella chiesa di San Secondo è ancora presente un quadro che raffigura l'accaduto.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Incisa S.G., Asti nelle sue chiese ed iscrizioni . Ristampa anastatica dell'appendice del Giornale di Asti del 1806,C. R.A. 1974, p. 86.
  2. ^ Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006, p. 159.
  3. ^ Incisa S.G., Asti nelle sue chiese ed iscrizioni . Ristampa anastatica dell'appendice del Giornale di Asti del 1806,C. R.A. 1974, p. 91.
  4. ^ Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006, p. 150.
  5. ^ Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006, p. 148.
  6. ^ Pietro Giovanni Boatteri, Serie cronologica-storica de' Vescovi della Chiesa d'Asti, Asti 1807, pp. 97-98.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Assandria, Il libro verde della Chiesa di Asti.
  • Pietro Giovanni Boatteri,Serie cronologica-storica de' Vescovi della Chiesa d'Asti, Asti 1807.
  • Gaspare Bosio, Storia della Chiesa di Asti, Asti 1894.
  • Gabotto F., Le più antiche carte dell'archivio capitolare di Asti (Corpus Chart. Italiae XIX), Pinerolo, Chiantore-Mascarelli, 1904.
  • Lorenzo Gentile Storia della Chiesa di Asti, Asti 1934.
  • Ughelli, in Italia Sacra, Astenses Episcopi, Venezia 1719.
  • Carlo Vassallo, Gli Astigiani sotto la denominazione straniera, Firenze 1879.
  • Guglielmo Visconti, Diocesi di Asti e Istituti di vita religiosi, Asti 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Asti Successore
Agostino Trivulzio
(amministratore apostolico)
16 luglio 15291536 Agostino Trivulzio
(amministratore apostolico)