Polisportiva Libertas Livorno

Libertas Livorno 1947
Pallacanestro
Segni distintivi
Uniformi di gara
Casa
Trasferta
Colori sociali Bianco e Amaranto
Dati societari
CittàLivorno
NazioneBandiera dell'Italia Italia
ConfederazioneFIBA Europe
FederazioneFIP
CampionatoSerie A2
Fondazione1947
Scioglimento1991
Rifondazione2020
DenominazionePolisportiva Libertas Livorno (1947-1991)

Libertas Pallacanestro Livorno (1991-1994)

Libertas Livorno 1947 (2019-)

PresidenteRoberto Consigli
General managerDino Seghetti
AllenatoreMarco Andreazza
ImpiantoPalaMacchia
(2 470 posti)
Sito webwww.libertaslivorno1947.it
Palmarès
Altri titoli1 Serie A2

2 Serie B Nazionale

La Libertas Livorno 1947 è una società di pallacanestro di Livorno. L’attuale società è l’erede della Polisportiva Libertas Livorno, meglio conosciuta come Libertas Livorno o più semplicemente Libertas.

Ha disputato per 17 volte il Campionato di Serie A (pallacanestro maschile) risultando tra le prime 20 squadre italiane per maggior numero di partecipazioni. Inoltre ha disputato la controversa finale scudetto del 1989[1] contro la Philips Milano e per 2 volte ha raggiunto i quarti di finale di Coppa Korac (1984/1985, 1989/1990).

La Libertas è stata fondata il 1º novembre 1947, con la maglia color vinato con striscia bianca e scudo sul petto. Nel 1948 una squadra Libertas, allenata da Chimenti (che diverrà successivamente uno degli arbitri nazionali più famosi) partecipò ai campionati nazionali Allievi a Trieste classificandosi al terzo posto.

Con il passare degli anni la società, attraverso un'oculata politica dei giovani (numerosi i titoli nazionali conquistati al livello giovanile) e grazie ad alcuni allenatori livornesi capaci (Piero Benvenuti e Gianfranco "Cacco" Benvenuti, Otello Formigli, Silvio Gatto, Mauro Baroncini e Gianfranco Guantini, per citare i più conosciuti) raggiunse la massima serie ottenendo risultati di grande valore sportivo, sino all'atroce beffa della finale scudetto del 1989 contro la Philips Milano, con un canestro a tempo scaduto di Andrea Forti, che sembrò inizialmente essere stato convalidato: solo alcuni minuti dopo negli spogliatoi si scoprirà che il canestro non era stato messo a referto in quanto il tiro fu giudicato a tempo scaduto.[2]

Il 28 giugno 1991, sotto la regia del professor Francesco Alessandro Querci, arriva la clamorosa fusione con la Pallacanestro Livorno: nasce la Libertas Pallacanestro Livorno, oggetto non molto amato dalla città, destinato a fallire nel 1994 a seguito di una fidejussione fasulla presentata alla FIP.

Lo stesso argomento in dettaglio: Libertas Liburnia Basket Livorno.

Nel 1979, al fine di curare da vicino il settore giovanile ed il minibasket della società, venne creata ad-hoc una società parallela, la Libertas Liburnia Basket Livorno, che dopo il fallimento della Libertas ha proseguito la sua attività iscrivendosi nel 2004 alla Serie D. Nel 2019 un'altra società, la Invictus Meloria, raccoglie l'eredità societaria della Libertas tramite il comitato Associazione Tifosi Libertas, cambiando il proprio nome in Libertas Livorno 1947, iscrivendosi nel 2020 alla Serie B. Dare continuità alla Libertas Livorno e proiettarla nel futuro. Tutto nasce da un'iniziativa dell’Associazione Tifosi Libertas, che nell’inverno del 2018 decide di progettare la rinascita e battezza l’acquisizione dell’Invictus Meloria, squadra che milita in C Silver.

Il 30 Gennaio 2019 avviene il cambio di denominazione e pochi mesi più tardi un gruppo di 24 amici manager e imprenditori crea la nuova Libertas Livorno 1947 SSDARL guidata dal presidente Alessandro Cirinei.

La nuova è sostenuta da tanti grandi ex giocatori e figure di spicco del passato tra cui Fantozzi, Forti, Tonut, Carera, De Raffaele, Chirico, Baroncini, Guidi, Raffaele e tantissimi altri.[senza fonte]

Nell’estate del 2020 viene acquisito il titolo di serie B dalla Stella Azzurra Roma. Nella stagione 2020/2021, i bianco-tinti sfiorano la promozione in Serie A2 2021-2022 (pallacanestro maschile) perdendo gara-5 contro Piacenza.

Nella stagione 2021/2022 invece, dopo il cambio in panchina con Marco Andreazza in successione della bandiera Alessandro Fantozzi, la Libertas aggancia i playoff come ottava classificata ed esce in gara-3 contro Cividale del Friuli.

Nella stagione 2022/2023 la squadra guidata da Coach Andreazza arriva 1a nella regular season del girone A di Serie B, perdendo la finale play-off per l'accesso alle final four contro la Nuova Pallacanestro Vigevano 1955.

Nella stagione successiva 2023/2024 la Libertas Livorno 1947 partecipa alla Serie B Nazionale riformata nell'estate precedente. Dopo essersi classificata 2a nella regular season, vince Gara 5 nella finale play-off contro la Pallacanestro Roseto ottenendo così la promozione in Serie A2 dopo 33 anni di assenza.

Formazione 2023-2024

[modifica | modifica wikitesto]
n. Nome Cognome Ruolo Naz.
11 Luca Tozzi A/C ITA
3 Andrea Bargnesi P ITA
4 Francesco Fratto A/C ITA
9 Nicola Vicenzini PM/G ITA
5 Leon Williams G OLA
8 Tommaso Fantoni C ITA
13 Federico Madeo P ITA
12 Antonello Amos Ricci G ITA
1 Dorin Buca C ITA
14 Andrea Saccaggi A ITA
19 Gregorio

Diego

Jacopo

Allinei G/A ITA
22 Terenzi G ITA
99 Lucarelli G ITA
24 Samuele Balestri C ITA

Molti giocatori libertassini hanno vestito la maglia azzurra: tra essi Mario Andreo, Sauro Bufalini, Flavio Carera, Massimo Cosmelli, Alberto Tonut, Massimo Villetti. Un capitolo a parte merita indubbiamente Alessandro Fantozzi, fedelissimo per eccellenza vantando 442 presenze e ben 7.342 punti realizzati in 15 stagioni (8 in A1, 2 in A2, 4 in B e l'ultimo in C2, dove è tornato a giocare nel 2006 alla Libertas Liburnia Basket Livorno, a 45 anni di età, portando una squadra di giovani usciti dal vivaio ad una insperata salvezza) di militanza con la maglia Libertas e con 33 presenze nella nazionale maggiore.

Lungo sarebbe anche l'elenco dei giocatori emersi a livello nazionale così come molti sono stati i dirigenti che si sono impegnati nella conduzione della società. Fra essi si ricordano il primo presidente Dino Lugetti unitamente ai soci fondatori, per poi andare a Giorgio Galleni, Franco Pupilli, Mario Fava, Ivo Bertolini, Ugo Pieri, Carlo Carlesi, Luigi Dominici, Giorgio Gabriel, Marcello Davini, Angiolino Gallinari, Luciano Scardino, Gilberto Boris, Gaetano Nino e Nello D'Alesio, Stefano Falsini e Cristiano Falsini.

Cronistoria della Polisportiva Libertas Livorno
  • 1º novembre 1947 · Fondazione della Polisportiva Libertas Livorno.

Ottavi di finale di Coppa Italia.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
  • 1969-1970 · 1ª nel girone B di Serie B, perde la finale per il titolo, promossa in Serie A.
Ottavi di finale di Coppa Italia.

  • 1970-1971 · 12ª in Serie A, perde gli spareggi salvezza, retrocessa in Serie B.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Seconda fase di Coppa Italia.
  • 1974-1975 · 1ª nel girone A di Serie B, 2ª nel girone A di seconda fase, 2ª nel girone A di fase finale.
  • 1975-1976 · 2ª nel girone C di Serie B, 1ª nel girone C di seconda fase, 2ª nel girone C di poule A2, 4ª nel concentramento A di super poule.
  • 1976-1977 · 4ª nel girone B di Serie B, 3ª nel girone C di poule A2.
  • 1977-1978 · 2ª nel girone D di Serie B, 6ª nel girone B di poule promozione A2.
  • 1978-1979 · 3ª nel girone B di Serie B, 7ª nel girone A di poule promozione A2.
  • 1979-1980 · 5ª nel girone B di Serie B, 6ª nel girone A di poule promozione A2.

  • 1980-1981 · 1ª nel girone A di Serie B, 1ª nel girone A di poule A2, vince i play-off promozione, promossa in Serie A2.
  • 1981-1982 · 4ª in Serie A2, promossa in Serie A1, ottavi di finale dei play-off scudetto.
  • 1982-1983 · 9ª in Serie A1.
  • 1983-1984 · 5ª in Serie A1, quarti di finale dei play-off scudetto.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Semifinali di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Korać.
  • 1985-1986 · 1ª in Serie A2, promossa in Serie A1, ottavi di finale dei play-off scudetto.
Ottavi di finale di Coppa Italia.
Semifinali di Coppa Italia.
Semifinali di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Italia.
Fase a gironi di Coppa Italia.
Quarti di finale di Coppa Korać.
Semifinali di Coppa Italia.

Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.
  • 1993-1994 · 14ª in Serie A1, 2ª nel girone verde dei play-out, retrocessa in Serie A2.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.

  • 1994 · La società viene radiata a causa di mancate garanzie relative a versamenti economici.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia.

  • 2020Nasce la Libertas Livorno 1947 ammessa in Serie B.
  • 2020-2021 · 2ª nel girone A di Serie B, finale dei play-off promozione.
  • 2021-2022 · 8ª nel girone A di Serie B, quarti di finale dei play-off promozione.
  • 2022-2023 · 1ª nel girone A di Serie B, finale tabellone play-off promozione.
  • 2023-2024 · 2ª nel girone A di Serie B, vincitrice finale tabellone play-off promozione. promossa in Serie A2.

Competizioni nazionali

[modifica | modifica wikitesto]
1986
1980/1981 - 2023/2024

Altri piazzamenti

[modifica | modifica wikitesto]
Finale play-off scudetto: 1988-1989

1958/1959 - 1965/1966 - 1969/1970 - 1981/1982 - 1985/1986

1981/1982 - 1983/1984 - 1985/1986 - 1986/1987 - 1987/1988 - 1988/1989 - 1989/1990 - 1990/1991

Competizioni giovanili

[modifica | modifica wikitesto]
  • Campionato Italiano Juniores d'Eccellenza: 1 1967-1968
  • Campionato Italiano Allievi: 2 1964/1965 -1987/1988
  • Campionato Italiano Ragazzi: 2 1983/1984 - 1986/1987
  • Campionato Italiano Propaganda: 1 1981/1982

Cestisti e Allenatori

[modifica | modifica wikitesto]

Campioni stranieri

[modifica | modifica wikitesto]
  1. ^ Flavio Vanetti, Livorno batte Milano, anzi no: perdere uno scudetto mentre sei già in piazza a festeggiare, su Corriere della Sera, 5 gennaio 2020. URL consultato il 2 luglio 2024.
  2. ^ Livorno-Milano, finale ’89, l’arbitro Zeppilli: “Troppo tardi, non era canestro” Il Fatto Quotidiano
  3. ^ Bryant: Alessandro Fantozzi,'Ero suo idolo, resterà un mito' - Basket - Ansa.it, su Agenzia ANSA, 27 gennaio 2020. URL consultato il 13 luglio 2024.
  Portale Pallacanestro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pallacanestro