Omicidio di Guillem Agulló

Wikipedia open wikipedia design.

Guillem Agulló i Salvador (Burjassot, 6 settembre 1974 - Montanejos, 11 aprile 1993) era un giovane valenziano, militante nei movimenti di sinistra indipendentisti catalani, e della SHARP, che fu ucciso da un gruppo di militanti dell'estrema destra[1].

Assassinio[modifica | modifica wikitesto]

Era l'alba dell'11 aprile 1993 quando Guillem Agulló, che era a Montanejos con i suoi amici per le vacanze di Pasqua, venne avvicinato da un gruppo di giovani fascisti al grido di Sieg Heil e "Viva España" e uno di loro lo uccise con una coltellata al cuore[2]. Gli assassini se ne andarono cantando l'inno fascista spagnolo Cara al Sol[3].

La sua famiglia e numerose organizzazioni della sinistra denunciarono che il motivo del crimine era politico, poiché l'assassino era un militante fascista conosciuto e sapeva che Guillem era antifascista. Tutti i partiti politici condannarono i fatti, tranne la Falange Spagnola, il Partito Popolare, e l'Unione Valenciana[4]. Le Corti Valenciane hanno anche mostrato il rifiuto dell'omicidio[5].

Per l'assassinio furono arrestati: Gerardo Mora, Juan Manuel Sánchez (alias el Picha), José Cuñat (alias el Pollo), Francisco Garcia (alias el Mody) e Pedro Cuevas (alias el Ventosa), quest'ultimo come autore materiale della coltellata[6]. Tutti facevano parte del gruppo valenziano di estrema destra "Komando Marchalenes IV Reich", nome in onore del Terzo Reich nazista.

Giudizio[modifica | modifica wikitesto]

Il processo si è tenuto nel 1995 e la sentenza è stata pubblicata nel maggio 1996. Il giudice ha condannato solo uno degli imputati, Pedro Cuevas, il confessore e autore dell'accoltellamento, a quattordici anni di carcere per omicidio e ha assolto gli altri imputati, che sono stati rilasciati. Secondo il giudice la morte è stata per una rissa tra i giovani e non per un crimine politico[7].

Durante il processo giudiziario il quotidiano valenziano Las Provincias ha svolto una campagna per criminalizzare la vittima e i gruppi antifascisti e indipendentisti dove Guillem era un militante e ha cercato di cancellare tutta la connotazione politica del caso e presentandolo come una rissa più o meno fortuita tra gruppi di giovani radicali[8].

Invece, la rivista valenziana El Temps ha indagato e denunciato il legame tra il principale gruppo neonazista che sembrava a Valencia, i gruppi di ultras di estrema destra della squadra di calcio Valencia CF e il gruppo neonazista spagnolo Acción Radical[9].

L'impunità dell'assassino[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene Pedro Cuevas sia stato condannato a quattordici anni di prigione, ne ha scontati solo quattro: è stato rilasciato nel 1997 per buona condotta.

Nel 2005, Pedro Cuevas è stato nuovamente arrestato insieme a una ventina di altre persone, nella cosiddetta "Operazione Panzer" svolta contro un gruppo nazista violento che operava nella Comunità Valenciana e si definiva Frente Antisistema (FAS). Tra i membri del gruppo c'erano militare dell'esercito spagnolo. Il gruppo aveva pianificato attacchi contro immigrati, militanti di partiti di sinistra e indipendentisti catalani, ed è stato accusato di associazione illecita e possesso e fabbricazione di armi. Il nome dell'operazione di polizia deriva dal nome che Pedro Cuevas diede ai tirapugni, da lui fabbricati, il nome di Panzer in memoria dei carri armati nazisti[6].

Quanto scoperto dall'"Operazione Panzer" è stato giudicato nel 2013, e tutti gli imputati sono stati assolti. Il tribunale ha annullato i tabulati telefonici come prova di accusa e e quando ha deciso si controllare l'arsenale di armi che era stato loro requisito, questo era misteriosamente scomparso. Un "operazione anomala dell'amministrazione della giustizia", l’ha definita il Consiglio Generale della Magistratura Spagnola. In pratica, era successo che qualque agente della Guardia Civilaveva precedentemente distrutto le armi prima del processo[10]. A fine processo, le persone arrestate durante l'"Operazione Panzer" hanno preteso la restituzione delle loro armi e, visto che erano state distrutte, hanno chiesto un risarcimento che il giudice ha approvato[11].

Nel 2007, Pedro Cuevas si è presentato alle elezioni comunali per il partito di estrema destra Alianza Nacional nelle comune valenziano di Xiva[12], ottenendo solo ventitré voti, lo 0,34% dei voti totali[13].

In memoria di Guillem[modifica | modifica wikitesto]

L'11 aprile di ogni anno, Guillem viene ricordato in varie manifestazioni che si svolgono nella Comunità Valenciana e in Catalogna.

Sono diversi i gruppi musicali che hanno composto canzoni per rendergli omaggio, come ad esempio: "No tingues por" (Obrint Pas), "Guillem Agulló" (Cagant Melodies), "No sé què sent" (Feliu Ventura), "Company Guillem" (Opció k-95), "11 d'abril" (Greska), "11 d'abril del 93" (Odi), "Soldats catalans" (Orgull Roig) o "Sangre por sangre" (Non Servium).

Diversi comuni valenziani e catalani hanno dedicato strade e piazze a Guillem come Burjassot, Simat, Quart de les Valls, Sallent, Cerdanyola del Vallès, Vic, Arbúcies, Molins de Rei. Nel 2017 il Consiglio Comunale di Valencia ha deciso che la passeggiata centrale dei Jardins de Vivers avrebbe preso il suo nome, in sua memoria e di altre vittime di crimini d'odio[14].

Il 12 aprile 2016 le Corti Valenciane hanno reso omaggio a Guillem Agulló, ventitré anni dopo il suo omicidio, con una dichiarazione istituzionale firmata da tutti i gruppi parlamentari. Attraverso questa dichiarazione istituzionale, le Corti hanno creato il Premio Guillem Agulló, pensare per premiare e riconoscere "le persone e le eccezionali iniziative nella lotta contro la xenofobia, il razzismo e il crimine di odio"[15].

Il 23 gennaio 2019 il Senato spagnolo ha approvato la creazione del fondo Guillem Agulló, un fondo economico statale per il risarcimento alle famiglie delle vittime di crimini d'odio[16].

Il 28 novembre 2019 è stato presentato "La lluita continua" (La lotta continua) ambizioso progetto per ricordare Guillem Agulló con un romanzo di Núria Cadenas, un film di Carlos Marqués-Marcet, concerti, conferenze e una pagina web per non dimenticare la sua figura come simbolo antifascista[17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Guillem Agulló, 25 años del asesinato nazi que marcó una época, El Periódico de Cataluña.
  2. ^ (CA) Genar Martí, Un neonazi d'Alacant es confessa autor de la mort d'un jove antiracista, in Diari Avui, 15/04/1993.
  3. ^ (ES) Joaquin Gil, La lacra ultra sobre los Agulló, El País.
  4. ^ (CA) 20 anys de l'assassinat de Guillem Agulló, su Llibertat.com.
  5. ^ (CA) Les Corts Valencianes rebutgen la mort de Guillem Agulló, in Diari Avui, 22/04/1993.
  6. ^ a b (CA) La impunitat de l’assassí de Guillem Agulló, su Vilaweb.
  7. ^ Salvador Enguix, El tribunal considera que Agulló murió en una reyerta y no en una represalia fascista, in La Vanguardia, 21/05/1996.
  8. ^ (CA) Jordi Muñoz, Quan vam perdre la innocència, su Nació Digital.
  9. ^ (CA) Moisés Pérez, La trama feixista que no fou investigada al judici de Guillem Agulló, El Temps.
  10. ^ (ES) Un neonazi absuelto en el juicio de la operación Pánzer será indemnizado por la destrucción de su arsenal, Levante-emv.
  11. ^ (ES) José Antonio Hernández, El Estado indemnizará a un ultra por destruir su arsenal de armas, El País.
  12. ^ (CA) L'assassí de Guillem Agulló es presenta a les eleccions, El Punt-Avui.
  13. ^ (ES) Resultado elecciones municipales 2007 Chiva, El País.
  14. ^ (CA) València inaugura el Passeig Guillem Agulló, ubicat als jardins de Vivers, La Vanguardia.
  15. ^ (CA) Homenatge històric de les Corts Valencianes a Guillem Agulló, vint-i-tres anys després, su Vilaweb.
  16. ^ (ES) El Senado insta al Gobierno a crear el fondo Guillem Agulló contra los delitos de odio, Levante-emv.
  17. ^ (CA) ‘La lluita continua’: el projecte ambiciós per a reivindicar Guillem Agulló, Vilaweb.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

https://lalluitacontinua.org/ca/



This page is based on a Wikipedia article written by contributors (read/edit).
Text is available under the CC BY-SA 4.0 license; additional terms may apply.
Images, videos and audio are available under their respective licenses.

Destek