Maarten van Rossum

Raffigurazione di Maarten van Rossum

Maarten van Rossum (o Maarten van Rossem; Zaltbommel, 1478-1490 circa – Anversa, 7 giugno 1555) è stato un condottiero olandese, comandante delle truppe al servizio del duca di Gheldria e statolder della Frisia.

Altra raffigurazione di Maarten van Rossum
Stemma di Maarten van Rossum

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maarten van Rossum era il secondo figlio di Johan van Rossum, signore di Rossum, Broekhuizen, Poederoijen, Oijen e Meinerswijk.[1] La data della sua nascita è rimasta ignota[1]: anche se esistono numerose fonti che la pongono intorno al 1478 [1], è tuttavia più plausibile una datazione vicina al 1490 [1].

La sua carriera militare conobbe l'ascesa da quando fu reclutato al servizio del duca Carlo di Gheldria.[1]

La sua prima missione militare risale all'agosto 1516, quando fu inviato in alcune città della regione dell'Alblasserwaard, tra cui Nieuwpoort.[1]

Nel 1527 occupò Utrecht[1] e l'anno seguente saccheggiò L'Aia [1][2]

Dopo la morte di Carlo di Gheldria, passò al servizio del nuovo duca di Gheldria, Guglielmo di Jülich-Kleve-Berg.[1] In seguito, passò al servizio di Carlo V[1], per il quale condusse campagne nell'Île de France, Lotaringia e Champagne [1].

Maarten van Rossum morì in ricchezza[1] nel 1555[1].

Museo[modifica | modifica wikitesto]

Alla vita di Maarten van Rossum è dedicato il Maarten van Rossummuseum, ricavato nella sua casa a Zaltbommel.[2]

Maarten van Rossum nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m Maarten van Rossem su Biografisch Woordenboek Gelderland
  2. ^ a b Harmans, Gerard M. L., Olanda, Dorling Kindersley, London, 2005 - Mondadori, Milano, 2007-2009, p. 345
  3. ^ a b IMDb: Maarten van Rossem (Character), su imdb.com. URL consultato il 2 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72254374 · ISNI (EN0000 0000 5434 6999 · CERL cnp00565722 · LCCN (ENnr93009243 · GND (DE121637018 · WorldCat Identities (ENlccn-nr93009243