Ludmilla di Boemia

Disambiguazione – Se stai cercando la moglie del duca Ludovico I di Baviera, vedi Ludmilla di Boemia (XIII secolo).
Ludmilla
Duchessa consorte di Boemia
In carica874 circa –
888/891
Predecessoreprima duchessa storicamente certa
SuccessoreDrahomíra
NascitaMělník, 860
MorteTetín, 15 settembre 921
Luogo di sepolturaChiesa di San Michele di Tetín, poi Basilica di San Giorgio di Praga
PadreSlavibor
ConiugeBořivoj I di Boemia
FigliSpytihněv I di Boemia
Vratislao I di Boemia
Santa Ludmilla
Particolare del polittico dell'arcivescovo di Praga Johann Očko di Wlašim, opera di Teodorico di Praga (1370)
 

Duchessa consorte di Boemia

 
NascitaMělník, 860
MorteTetín, 15 settembre 921
Venerata daChiesa cattolica, Chiesa cristiana ortodossa
Santuario principaleBasilica di San Giorgio
Ricorrenza16 settembre: Chiesa cattolica
29 settembre: Chiesa ortodossa
Attributivelo
Patrona diRepubblica Ceca

Ludmilla di Boemia, o Ludmila (Mělník, 860Tetín, 15 settembre 921), nonna di san Venceslao, duchessa di Boemia, è venerata come santa e martire dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa ortodossa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque intorno all'860 a Mělník, in Boemia (ora Repubblica Ceca), dal principe slavo Slavibor. Venne data in sposa a Bořivoj I di Boemia, noto come il primo duca di Boemia cristiano della storia: la coppia si convertì al cristianesimo intorno all'871, probabilmente in seguito all'azione dei futuri santi Cirillo e Metodio.

I loro iniziali tentativi di convertire il popolo boemo non furono ben accolti in prima istanza, tanto da portarli all'esilio, su pressione dei pagani. In seguito la coppia di sovrani poté fare ritorno in patria e governare, finché non si ritirò a Tetín, nel distretto di Beroun.

Ludmilla fu coinvolta nell'educazione religiosa del nipote Venceslao. Secondo il racconto tramandato, sua nuora Drahomíra era gelosa dell'influenza della donna su suo figlio e inviò due nobili ad assassinarla a Tetín; si dice che la donna fosse stata strangolata con il suo stesso velo.[senza fonte]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ludmilla diede a Bořivoj almeno due figli:

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Fu canonizzata poco tempo dopo la morte. Inizialmente Ludmilla fu sepolta nella Chiesa di San Michele a Tetín. Prima dell'anno 1100 le sue reliquie furono traslate nella basilica di San Giorgio, nel castello di Praga.

Santa Ludmilla è venerata come patrona della Boemia, nonché dei convertiti, della Repubblica Ceca, delle duchesse, dei problemi con le nuore e delle vedove e delle suocere.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duchessa consorte di Boemia Successore
prima duchessa storicamente certa 874 circa-888/891 Drahomíra
Controllo di autoritàVIAF (EN263664275 · ISNI (EN0000 0003 8210 4702 · CERL cnp00548921 · LCCN (ENn87817354 · GND (DE119163950 · BNE (ESXX1040057 (data) · BNF (FRcb18009749q (data) · J9U (ENHE987007283774405171