Lingua ligure

Disambiguazione – Se stai cercando la lingua parlata dagli antichi Liguri, vedi Lingua ligure antica.
Ligure
Lìgure
Pronuncia/'ligyre/
Parlato inBandiera dell'Italia Italia
Argentina
Bandiera della Francia Francia
Bandiera di Monaco Monaco
Regioni Liguria
(tranne che in parte della Val Bormida[1][2], e in alcuni comuni della porzione più orientale della Lunigiana)
Piemonte
(Caprauna, Briga Alta, Alto, Oltregiogo e alta Val Tanaro)
Emilia-Romagna
(alta Val Trebbia e alta Val di Taro)
Lombardia
(Valle Staffora)

Sardegna
(Carloforte, Calasetta[3])
Alpi Marittime
(Tenda, Briga, Piena, Val Roia)
Corsica
(Bonifacio, Ajaccio e Calvi)
Buenos Aires

Locutori
Totale508.210 (2021)
Altre informazioni
ScritturaAlfabeto latino (ortografia ligure)
Tassonomia
FilogenesiLingue indoeuropee
 italiche
  romanze
   italo-occidentale
    gallo-romanze
     Gallo-italiche
      Ligure
Codici di classificazione
ISO 639-2roa
ISO 639-3lij (EN)
Linguist Listlij (EN)
Glottologligu1248 (EN)
Linguasphere51-AAA-oh
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
Tutti i òmmi nàscian liberi e pægi in dignitæ e drîti. Son dotæ de raxon e de conscensa e dêvan agî i-un verso i-âtri inte'n spirito de fraternitæ.

La lingua ligure (nome nativo lengoa lìgure /'ligyre/) è la lingua originaria della regione della Liguria. Come spiegato nel corpo della voce, «genovese» è la denominazione usata tradizionalmente con riferimento alle parlate di tipo ligure (nome nativo zeneize o zeneise /ze'neize/); ciononostante, sia per influenza dell'italiano quanto per essere venuti meno i legami con la ex Repubblica di Genova, in tempi recenti sta prendendo piede anche la dizione «ligure». È una lingua romanza[4][5] tradizionalmente associata a quelle galloitaliche (piemontese, lombardo, emiliano e romagnolo), nonostante se ne discosti per una serie di caratteristiche.

La denominazione di «ligure» è stata adottata a livello scientifico come termine che coinvolgesse l'intero contesto regionale, sebbene tale scelta abbia generato qualche confusione con l'antica lingua dei Liguri preromani[senza fonte]. La denominazione in uso per le varietà romanze della Liguria corrisponde in realtà al "genovese" fin dal XIV secolo, con riferimento all'etnonimo relativo agli abitanti della Repubblica di Genova. Tale denominazione risulta ancor oggi maggioritaria fra gli stessi parlanti, in alternativa alla quale ciascuna varietà può essere denominata con il gentilizio riferito al centro corrispondente[6].

Il ligure deve ritenersi una lingua regionale o minoritaria ai sensi della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie che, all'articolo 1 afferma che per "«lingue regionali o minoritarie» si intendono le lingue... che non sono dialetti della lingua ufficiale dello Stato"[7]. È inoltre censito nell'Atlante delle lingue del mondo in pericolo gestito dall'UNESCO tra le lingue meritevoli di tutela.

(LIJ)

«E tanti sun li zenoexi, e per lo mondo sì destexi, che und'eli van o stan un'atra Zenoa ge fan.»

(IT)

«I genovesi sono così numerosi e sparsi per il mondo che ovunque vadano o risiedano un'altra Genova creano.»

Manifesto di AMT in lingua ligure (variante genovese) nella metropolitana di Genova, presso la Stazione ferroviaria di Piazza Principe. Il manifesto riporta il messaggio in genovese, con l'equivalente in italiano formale sotto, in caratteri più piccoli. La traduzione letterale in italiano informale è: «entrare e uscire non si può! (da dove si scende non si sale)».

Il ligure, considerato nell'insieme delle sue varianti, è parlato in tutta la Liguria, escludendo parte della Val Bormida in provincia di Savona, in cui caratteri piemontesi sono prevalenti, e l'estremità orientale della regione, intorno alla città di Sarzana, dove i dialetti lunigiani assumono caratteristiche proprie. Varietà di transizione verso gli altri dialetti gallo-italici, ma ancora con nette caratteristiche liguri, sono quelle del cosiddetto Oltregiogo, il territorio che comprende i solchi vallivi al di sopra dello spartiacque alpino-appenninico, includendo anche aree amministrativamente legate ad altre regioni italiane:

Una varietà ligure occidentale denominata monegasco viene tradizionalmente parlata nel Principato di Monaco dove, sebbene non sia lingua ufficiale (status riservato al solo francese, dal 1961)[9], viene però insegnata nelle scuole dal 1976: a partire dal 2022 lo studio della lingua è obbligatorio dal terzo anno del percorso elementare fino all'ultima classe di livello medio (per un totale di sette anni scolastici); rimane facoltativo nelle scuole di indirizzo superiore e può essere scelto come materia dell'esame di baccalauréat[10]. Dialetti liguri di tipo alpino (roiasco e brigasco) si parlano in val Roia, ad esempio nei centri di La Brigue (Briga Marittima, località originariamente intemelia poi in provincia di Cuneo, quindi ceduta alla Francia nel 1947), Tende (Tenda, anch’essa inizialmente e per secoli in giurisdizione intemelia poi cuneese quindi, dopo l’Ultima Guerra, francese), Saorge (Saorgio), Breil-sur-Roya (Breglio), Piène Haute (Piena), Libre (Libri): queste ultime due località appartenevano alla Provincia di Imperia fino alla mezzanotte del 15 settembre 1947.

Circa 10.000 persone in Sardegna tra Carloforte e Calasetta (provincia del Sud Sardegna) parlano il dialetto tabarchino formando un'isola linguistica ligure. Ciò è dovuto ad una migrazione di coloni genovesi, soprattutto di Pegli, che a partire dal 1541 si erano trasferiti nella piccolissima isola di Tabarka (Tunisia) su invito della famiglia genovese dei Lomellini (che aveva in concessione quel territorio) per praticarvi la pesca del corallo e il commercio in generale. La permanenza della regione perdurò fino a quando (1738), a causa delle angherie dei corsari barbareschi, dell'esaurimento progressivo dei banchi di corallo e, soprattutto, dell'incremento della popolazione (insostenibile per le minuscole dimensioni dell'isola), venne concordato con il Re Carlo Emanuele III il loro trasferimento nell'allora deserta isola di San Pietro in Sardegna, dove fondarono la città di Carloforte (in onore del Re) e, successivamente (1770), nella costa settentrionale della vicina isola di Sant'Antioco, la città di Calasetta.[11]

Un'altra isola linguistica genovese è Bonifacio in Corsica, quale conseguenza di un popolamento risalente al XII secolo (vedi lingua corsa).

Determinante fu il ruolo delle parlate liguri dell'Oltregiogo occidentale (alta val Bormida) nella formazione in epoca medievale dei cosiddetti dialetti gallo-italici di Basilicata (Potenza, Picerno, Tito, ecc.), e anche i cosiddetti dialetti gallo-italici (o altoitaliani) della Sicilia (Aidone, Piazza Armerina, Nicosia, San Fratello ecc.) presentano una componente ligure, la cui esatta origine resta però da determinare. Sempre in Sicilia, La variante caltagironese del siciliano orientale presenta un evidente sostrato ligure, relitto della storica presenza genovese in città.

A Bonifacio, nell'estremità meridionale della Corsica, si è conservata fino a tempi recenti una varietà particolarmente arcaica di ligure.

Dialetti liguri importati nel XV secolo dalla zona di Oneglia furono parlati fino ai primi anni del Novecento in alcune località della Provenza orientale (Biot, Vallauris, Mons ed Escragnolles) e anche il ramo spagnolo della diaspora tabarchina, stanziato sull'isola di Nuova Tabarca presso Alicante, si estinse soltanto all'inizio del XX secolo. Più a lungo è sopravvissuta la comunità di parlata genovese installatasi a partire dai primi anni del Settecento a Gibilterra (ove gli ultimi parlanti scomparvero verso il 1980), che ha influenzato il dialetto composito attualmente parlato (il llanito), mentre erano vitali ancora fino a tempi abbastanza recenti diverse comunità di parlanti in America Latina, soprattutto in Cile, Argentina e in Perù.

Il genovese esportato per motivi storico-politici in vari ambiti del Mediterraneo e dell'Atlantico ai tempi della Repubblica di Genova e durante l'Ottocento ha influenzato notevolmente la lingua corsa, il dialetto greco dell'isola di Chios, la lingua sassarese e altri idiomi; ha contribuito inoltre alla formazione di varietà miste, come il dialetto dell'isola di Capraia (a base còrsa) e quello di La Maddalena (vera e propria varietà di transizione corso-sardo-ligure), oltre a una varietà di cocoliche chiamata lengua giacumina che fu parlata a Buenos Aires e che ha lasciato tracce significative nel lessico del gergo lunfardo e, più in generale, nella varietà rioplatense dello spagnolo.[12]

Una maglietta con la scritta «Io sono genovese». Nonostante la crisi nell'uso parlato, l'utilizzo nella gadgettistica e il successo che continua a riscontrare sono forse indice di un ruolo ancora «rappresentativo» (ancorché decisamente ridimensionato) della lingua locale in Liguria.

Il sistema delle parlate liguri nel continente è caratterizzato da una profonda crisi dell'uso: molte delle sue varianti, in particolare quelle urbane, sono ormai cadute da vario tempo in desuetudine, a causa dei mancati processi di trasmissione generazionale che riguardano in Italia anche diverse altre lingue prive di prerogative istituzionali. Le cause di tale processo sono varie e riferibili a processi comuni alle diverse regioni italiane, soprattutto settentrionali: l'abbandono dei dialetti liguri da parte dei parlanti obbedisce infatti a una logica che permea la storia linguistica italiana a partire dall'Unità d'Italia[13].

Quanto alla Liguria, i dati ISTAT per il 2006 (pubblicati nel 2007) relativi agli usi linguistici tradizionali[14] descrivono un 68,5% della popolazione che parla preferibilmente italiano in famiglia, contro un 8,3% che preferisce il "dialetto" (quindi non solo il tipo ligure, ma anche varietà risalenti alla terra d'origine di immigrati da altre regioni), mentre un 17,6% alterna i due codici e un 5,2% (verosimilmente immigrati stranieri per la gran parte) utilizza un altro codice ancora; con gli amici, i cittadini della regione si esprimono in italiano per il 70%, in "dialetto" per il 6%, alternano i due codici per il 19,6% e usano un'altra lingua per il 2,5%; con estranei si preferisce l'italiano per l'87,1%, il "dialetto" per il 2,5%, l'alternanza dei due codici per l'8,7% e un altro idioma per l'1,1%. Questi dati lasciano supporre che la percentuale di locutori attivi sia alta soprattutto tra la popolazione nata prima del boom economico del Novecento (anni cinquanta, sessanta e settanta) e che scenda rapidamente fino a toccare lo zero tra le nuove generazioni; la distribuzione geografica vede inoltre una maggiore tenuta nelle aree rurali e rivierasche rispetto ai centri urbani principali.

Targa bilingue in francese e monegasco. Il Principato di Monaco riconosce la varietà ligure locale come lingua nazionale (a fronte del francese riconosciuto come ufficiale) e come tale la include in specifici programmi di promozione, che coinvolgono ad esempio la presenza della lingua in ambito scolastico o nella toponomastica[15].

Nel Principato di Monaco il regresso della parlata rimonta invece già agli ultimi decenni del XIX secolo, quando cominciò a verificarsi una repentina crescita della popolazione in virtù dell'afflusso di lavoratori stranieri: la quasi completa scomparsa di questa varietà, già testimoniata in profonda crisi negli anni 1920 e ancor più per gli anni 1940, è definitivamente confermata negli anni 1960[16]. Una trafila non troppo dissimile, relativamente all'abbandono della parlata, può essere supposta per il caso di Bonifacio in Corsica.

La scomparsa del ligure (figun) delle comunità di Biot, Mons ed Escragnolles in Provenza è da datare generalmente ai primi anni del Novecento, mentre a Gibilterra l'uso del genovese sopravvisse fin oltre alla seconda metà del secolo XX. Nelle comunità ligurofone presenti fino a tempi recenti in diversi paesi dell'America Latina (la più nutrita delle quali fu quella bonaerense) l'uso comunitario del genovese venne meno a partire dalla seconda metà del secolo scorso, in concomitanza con il cessare degli ultimi flussi migratori, e sopravvive oggi solo come mezzo di comunicazione familiare fra alcuni degli ultimi liguri emigrati e i loro discendenti.

A simili dinamiche fa eccezione solamente il tabarchino delle comunità sarde di Carloforte e Calasetta, caratterizzato da una tenuta diametralmente opposta all'abbandono della pratica linguistica in continente: stime del 1998 davano tale varietà come parlata dall'87% degli abitanti di Carloforte e dal 68% degli abitanti di Calasetta, situazione sostanzialmente confermata anche da dati più recenti[17].

Storia linguistica interna

[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista storico il ligure rappresenta l'evoluzione locale del latino volgare, caratterizzata - come si è visto - dall'emergere, insieme a fenomeni comuni con le lingue gallo-italiche, di caratteri nettamente peculiari e di raccordo con le lingue Italo-romanze dell’Italia centro-meridionale.

Tra i caratteri gallo-italici, non ugualmente condivisi in tutte le varietà del ligure, si segnalano ad esempio:

  • l'evoluzione in [y] di Ū latino (PLŪS > ['ʧy]) e in [ø] di Ŏ latino (NŎVU(M) > ['nø:vʊ]);
  • I nessi latini CE e CI sono stati assibilati in [ts] e, nella maggior parte dei dialetti, nella fase successiva [s]. (es. [fyˈgat͡sa] > [fy'gasa] "focaccia", [t͡si'ga:] > [si'ga:] "cicala").
  • I nessi GE, GI, DJ, J hanno avuto esito [ʤ], si è verificato poi un passaggio ulteriore che ha portato a [dz] (caratteristica condivisa con la quasi totalità delle lingue gallo-italiche). Nelle varietà più evolute [dz] si è poi deaffricato in [z]. (es. genovese medievale ['dzʊvɛn] "giovane", moderno ['zwenʊ]).
  • l'evoluzione di [ky] a [jt] secondo un modello che viene dubitativamente riferito a influsso celtico (FACTU(M) > genovese del sec. XIV e dialetti arcaici ['fai̯tʊ] > genovese moderno ['fɛ:tʊ]);
  • la palatizzazione di CL- e GL- in [ʧ], [ʤ] (es. CLAMARE > [ʧa'mɑ:] ‘chiamare’, GLANDE(M) > ['ʤaŋda] 'ghianda');
  • la lenizione delle consonanti sorde, che può raggiungere la completa sparizione (LŎCU > ['lø:gʊ] ‘luogo’, CEPULLA > [se'ula] > ['sjɔwla] ‘cipolla’, DIGITU(M) > ['di:ʊ] ecc.). La lenizione di [v] sia primaria che secondaria, (come sviluppo da [p], [b]) è un tratto molto precoce, essendo attestato già in documenti del XI secolo. Questa caratteristica è condivisa con piemontese, lombardo e veneto.

Tra i caratteri di raccordo con l'area centro-meridionale:

  • la conservazione delle vocali atone, tranne di quelle finali dopo -[n] e -[l], -[r] (ad esempio in ['gatu] ‘gatto’, contro il lombardo e piemontese [gat], il ligure [me'nestra] contro il piemontese ['mnɛstra], ma ['kaŋ] per 'cane');
  • la palatizzazione spinta fino all'affricazione/spirantizzazione di PL-, BL- e FL- quale si ritrova anche in napoletano e siciliano, ma anche in portoghese: (PLANTA > ['ʧaŋta] ‘pianta’, BLASPHEMIA > [ʤa'stema] ‘bestemmia’, FLORE > ['ʃu:(a)]). Questo tratto è stato probabilmente adottato inizialmente dai dialetti centro-occidentali e successivamente dal genovese, quest'ultimo ha diffuso il fenomeno nel resto della Liguria. Questo viene suggerito dalla scarsa diffusione della palatizzazione di questi nessi (soprattutto di [fl]) andando verso levante. (es. genovese ['ʃämä] "fiamma" contro il ligure orientale e centro-orientale [fjämä]). Nell'Oltregiogo centrale (novese, ovadese) invece la palatalizzazione di PL-, BL- e FL- è totalmente assente (es. genovese [ʤa'ŋkʊ], e novese [bja'ŋkʊ]).
  • la maggior parte delle caratteristiche morfologiche e sintattiche.

Tra le altre caratteristiche specifiche o che connotano comunque in maniera unitaria le varietà liguri:

  • Poca diffusione della sincope: in ligure le vocali atone sono generalmente conservate, fanno eccezioni le varianti dell'Oltregioco occidentale che hanno una forte influenza piemontese, come ad esempio Calizzano dove in alcuni casi [e] viene ridotta a scevà (ə) o addirittura soppressa [dzə'ɹɒ] / [dzɹɒ] "gelare".
  • Caratteristici del ligure sono poi la conservazione dei suoni [ʃ] e [ʒ] (presenti ancora in alcune varietà gallo-italiche e reto romanze conservative), sviluppati a partire rispettivamente da KS, PSJ, e da SJ[18]; piemontese, emiliano e veneto hanno invece [s̠] e [z̠], che sono un'evoluzione successiva (es. ligure [lä'ʃä], emiliano [lɐ's̠ɛr], piemontese [lä's̠e], veneto [lä's̠är], “lasciare”)
  • Davanti ad [r] la [ä] tonica passa ad [ɛ], es. arborem > ['ɛrbʊ] "albero" (pronuncia più antica ['ɛrbʊɹʊ]).
  • Il passaggio da [l] a [r] e l'indebolimento di [r] in [ɹ], che nei dialetti più evoluti, compreso il genovese, arriva fino alla caduta: CARU > ['kaɹʊ] > ['ka:ʊ] ('caro'), [maɹa'veʤa] > [ma: 'veʤa] ('meraviglia'), ['ʧɛɹu] > ['ʧɛ:u] ('chiaro'), ecc. Questo fatto tra gli altri ha avuto conseguenze notevoli nella struttura delle parole: ad esempio FARINA è passato a [fa'ɹiŋna] e da qui a [fa'iŋa], con successiva ritrazione dell'accento in ['fajna] e chiusura del dittongo nel genovese moderno ['fɛŋa]; PATRE ha dato in genovese medievale l'esito ['pajɹe], conservato nei dialetti arcaici, in seguito al quale, dopo lo sviluppo di un'appendice semivocalica alla consonante labiale (['pwajɹe]) e alla chiusura del dittongo si è arrivati al genovese moderno ['pwɛ:] attraverso le fasi ['pwɛ:ɹe], ['pwɛ:ɹe]: sempre in genovese, tra le conseguenze di questi fenomeni di ristrutturazione fonetica, la quantità vocalica ha assunto valore fonologico, sia che si tratti di vocali toniche che atone: si distingue pertanto, ad esempio, tra [ka: 'seta] 'calza', con vocale atona lunga, e [ka'seta] 'mestolo' con vocale breve.

Il lessico ligure è per la stragrande maggioranza di derivazione latina, con rari affioramenti di sostrato (ad es. la voce ligure occidentale barma ‘grotta’) ed elementi di superstrato germanico per lo più comuni all'area italiana settentrionale. I caratteri della latinità rimandano di volta in volta all'Italia settentrionale o a quella centro-meridionale, per la presenza di forme estranee alla tipologia dialettale galloitalica (ad esempio il tipo ['ne:vu] nipote, le forme ['frɛ:] ‘fratello’ e ['sø:] ‘sorella’, ecc.). Durante i secoli, a causa dell'espansione marittima di Genova e dei traffici commerciali, i dialetti liguri si sono arricchiti di numerosi elementi lessicali di varia provenienza araba (es. [ka'malu] ‘facchino’), greca ([maŋ'dilu] ‘fazzoletto’), spagnola, inglesi, francesi ecc.

Per la grafia tradizionale e i problemi connessi si rimanda alla voce ortografia ligure.

Divisioni dialettali

[modifica | modifica wikitesto]
Confini orientali delle parlate liguri: dettaglio sulle zone di transizione dei dialetti parlati in Provincia della Spezia.

     Varietà di tipo genovese

     Transizione tra spezzino e varietà genovesi

     Dialetto spezzino

     Transizione tra dialetto spezzino e dialetto lunense (questo class. come parte della lingua emiliana)

     Dialetto lunense (classificato come parte lingua emiliana)

Parlate liguri in Francia e a Monaco. Il dialetto figun si è estinto nella prima metà del secolo scorso.

     + Figun (Alpes-Maritimes)

     + Figun (Var)

     Roiasco

     Tendasco (subvarietà del roiasco)

     Brigasco (subvarietà del roiasco)

     Monegasco

     Bonifacino

La comunità scientifica è ampiamente concorde nell'escludere la presenza di aree occitanofone in Liguria, nonostante quanto dichiarato da alcuni comuni e frazioni della Provincia di Imperia[19]. Nell'immagine, la descrizione delle Valli occitane del nord-ovest italiano secondo quanto concesso dalla L.N. 482/1999 messa a confronto con i dati dei linguisti.

I dialetti liguri rappresentano un gruppo sostanzialmente unitario nel quale le forze centrifughe date dal frazionamento territoriale sono state controbilanciate dall'influsso politico e culturale di Genova su gran parte del restante territorio. Se questo fatto ha marginalizzato da un lato i dialetti più eccentrici, come quelli arcaici delle Alpi Marittime (dialetto brigasco) o delle Cinque Terre, in alcuni casi si è verificata la conservazione nelle parlate provinciali di caratteristiche un tempo comuni al genovese urbano: ad esempio, la [ɹ] palatale caduta nella variante illustre a partire dal XVIII secolo è ancora saldamente presente in molte varietà della Riviera di Ponente, e i suoni [ts] e [dz] del genovese medievale si mantengono ancora in alcune aree montane. Al di là dell'influenza genovese, alcuni elementi di differenziazione interna sono comunque antichi: verso ovest e da quello occidentale estremo che è ['speʎu] Taggia inclusa; al contrario, l'esito del nesso latino -LI- è [ʤ] in un'area che va dai confini orientali fino alla zona di Finale Ligure (SV) (che ne è esclusa) (FAMILIA > [fa'miʤa]), mentre più a ovest si ha [ʎ] ([fa'miʎa]); tra i fenomeni di tipo galloitalico, inoltre, la velarizzazione di -N- e il passaggio di Ē latina ad [ej] sono estesi solo nella zona più direttamente influenzata da Genova, con LANA > ['laŋa] ('lana') e BIBERE > ['bejve] ('bere'), che va da Noli a Bonassola.

Sulla base di queste e di altre differenziazioni è ormai invalso l'uso di classificare i dialetti liguri secondo lo schema seguente:

  • ligure orientale, dai confini orientali della Liguria fino a Levanto sulla costa (con l'area particolarmente conservativa delle Cinque Terre, ove la parlata è peculiare in quanto presenta influenze sia spezzine che genovesi), e fino a Brugnato (SP); il dialetto del centro urbano di La Spezia (spezzino) anche a causa di forti flussi migratori esterni che lo hanno interessato già a partire dal XIX secolo di presenta caratteristiche di confine fra l'area ligure, cui appartiene, e quella lunigianese; la Val di Vara mostra concordanze con il lunigianese, sempre maggiori procedendo verso sud-est, parimenti la percorrenza lungo l'asse nord-ovest trova progressivamente sempre più influenze genovesi: è proprio Sesta Godano a segnare uno spartiacque linguistico tra le due varietà fonetico-lessicali.
  • ligure centrale o genovese, da Bonassola a Capo Noli, col corrispondente entroterra al di sotto dello spartiacque appenninico e appendici in valle Scrivia; si tratta della varietà più diffusa e parlata, riconosciuta come "illustre";
  • ligure centro-occidentale, da Finale Ligure a Taggia.
  • ligure occidentale (compreso l'intemelio), da Taggia a Monaco (monegasco);
  • ligure alpino (o roiasco), nelle zone montane a nord della fascia occidentale, con caratteri conservativi; il dialetto brigasco di Realdo, Verdeggia e Olivetta San Michele, in provincia di Imperia, oltre a quello di Briga Alta (CN), appartengono a questa sottovarietà e la loro attribuzione al tipo occitano è legata strumentalmente all'accesso ai fondi della legge 482 in materia di minoranze linguistiche storiche; Appartiene alla famiglia delle parlate liguri alpine anche il dialetto ormeasco.
  • ligure dell'Oltregiogo,, parlato al di sopra dello spartiacque alpino-appeninico: con caratteri di transizione verso il piemontese (Oltregiogo occidentale, che comprende la Val Roia, l’alta val Tanaro (Garessio, Ormea) a gran parte dell'alta val Bormida, Sasselo e Ovadese) il lombardo (Oltregiogo centrale, con centro a Novi Ligure, dove si parla il novese) e l'emiliano (Oltregiogo orientale con la val Staffora e Oltregiogo orientale, dalla val Trebbia alla val di Taro);
  • Non costituisce un gruppo a sé il ligure coloniale, definizione convenzionale sotto la quale si raggruppano come si è visto il tabarchino, sostanzialmente aderente al genovese rustico, il dialetto ajaccino e il bonifacino, che rappresentano un'autonoma evoluzione dei dialetti liguri orientali degli originari coloni, con influssi del genovese urbano.

All'interno di questi raggruppamenti vigono differenziazioni anche sostanziali, ma in linea di massima le parlate liguri rimangono nettamente riconoscibili nel loro insieme e risultano caratterizzati da una forte unitarietà lessicale, che ne favorisce l'intercomprensione; il gruppo genovese è comunque il più compatto, anche se le differenze areali (ad esempio tra l'area del Tigullio e la varietà del capoluogo) e di ordine sociolinguistico (varianti rustiche, popolari, della borghesia urbana, ecc.) hanno una loro importanza. Esempi in proposito: il termine italiano "casa" rimane invariato nelle città di Genova e il suo litorale, mentre si dice "ca'" nell'entroterra genovese e nel ponente ligure; "lavoro" a Genova città è "lóu", mentre altrove nella genovesato e fino a Finale Ligure è "travagio" , che diventa "travajo" e "travaglio" spostandosi sempre più a ponente; gli avverbi italiani "forse" e "poi" non cambiano nel genovese cittadino, ma diventano "pöi", "forsci" e "fosci", andando verso ovest soprattutto nei vari entroterra. Sintomi generali questi di un'italianizzazione più precoce dei dialetti di città, ancor più se costiere, rispetto a quelli delle campagne.

Le varianti dialettali della lingua ligure

Storia linguistica esterna

[modifica | modifica wikitesto]
Fortezza genovese a Caffa, in Crimea. Qui nel 1380-1381 fu redatto in volgare ligure un trattato fra la Repubblica di Genova e il Khan dei Tartari.
Case colorate nel quartiere di La Boca, Buenos Aires. La varietà di spagnolo rioplatense risulta ancor oggi fortemente influenzata, dal punto di vista lessicale, da numerosissimi genovesismi di uso quotidiano.

Accanto all'originale evoluzione linguistica, che denuncia l'alternarsi nel periodo di formazione di fasi di apertura verso il settentrione a momenti di maggiore orientamento verso sud (coincidenti probabilmente con la fase della resistenza bizantina all'espansione longobarda tra il VI e il VII secolo), un aspetto costitutivo della personalità attuale della lingua ligure è dato dalle conseguenze della precoce espansione politico-commerciale di Genova nell'Oltremare: più ancora che Venezia, interessata al controllo di un settore significativo del proprio retroterra, Genova, unificato lo stato regionale lungo l'arco rivierasco e oltre, si dimostrò poco attratta dai modelli culturali e linguistici del settentrione, al punto che l'alterità etnica rispetto ai "Lombardi" è un luogo comune costantemente rappresentato nella letteratura medievale.

Come si è visto, le dinamiche dell'espansione mediterranea introdussero precocemente, nel genovese e nelle parlate liguri, una serie di elementi lessicali di varia provenienza che contribuirono in maniera decisiva allo sviluppo di una personalità linguistica autonoma rispetto al retroterra: al contempo, il diretto raccordo con la Toscana eludeva la partecipazione dell'area ligure ai modelli di koinè italiana settentrionale, isolando Genova e le Riviere anche dai più recenti processi evolutivi in ambito galloitalico: "lingua del mare" quanto poche altre, il genovese ha lasciato inoltre una quantità notevole di prestiti non soltanto nelle lingue con le quali ha avuto più lunghi e durevoli contatti, come il corso, ma anche in diversi idiomi orientali, in spagnolo, in francese e naturalmente nell'italiano, che dal genovese ha mutuato una parte importante del proprio lessico marinaresco (parole come scoglio, cavo, gassa, bolentino, tra le altre, sono di derivazione ligure).

Va considerato, inoltre, che il genovese godette in epoca medievale e moderna di un notevole prestigio come lingua commerciale, diffusa poi a lungo nei grandi porti del Mediterraneo orientale e occidentale e lungo le coste americane dell'Atlantico: non solo le colonie commerciali genovesi, da Pera presso Costantinopoli a Caffa in Crimea assistettero a questa espansione linguistica (puntualmente rintracciabile nei documenti), ma ancora in pieno Ottocento il genovese ebbe un ruolo preminente nei contatti commerciali tra operatori locali ed europei ad esempio a Tunisi, e fu lingua tecnica della navigazione fluviale lungo il Río de la Plata in Argentina. Questa diffusione ebbe come riflesso interno una crescita del genovese come lingua scritta a partire dalla fine del XIII secolo.

Atti ufficiali redatti in volgare genovese appaiono con sempre maggiore frequenza fra il Trecento e il Quattrocento, e solo a partire dalla metà del Cinquecento si può parlare di una generalizzata sostituzione dell'italiano negli usi scritti (ove peraltro a prevalere fu sempre il latino). In questo modo il genovese finì per rappresentare un elemento caratterizzante nella rappresentazione retorica della "diversità" genovese, denunciata da Dante nella Divina Commedia ma assunta dalla classe dirigente locale come punto di forza della propria prassi politica: le peculiarità istituzionali della Repubblica, soprattutto a partire dal 1528, furono associate strettamente all'utilizzo di una lingua che gli umanisti italiani, come il Varchi, definirono "barbara" e "da tutte l'altre diversa", ma che proprio per questo gli intellettuali locali, come Paolo Foglietta non cessarono di promuovere come espressione originale di un senso di autonoma appartenenza.

Il rapporto lingua-identità divenne particolarmente vistoso tra il XVII e il XIX secolo, prima in polemica con l'italiano fiorentino e lo spagnolo, lingue "forestiere" rifiutate da una parte dell'aristocrazia locale, poi come elemento di coesione interclassista ai tempi della guerra di liberazione dall'occupazione austro-piemontese del 1745-1748.

Se a differenza dei vicini stati sabaudi l'italiano, per quanto piuttosto diffuso (e non soltanto nei ceti intellettuali), non ebbe mai prerogative di ufficialità durante l'Ancien régime, con l'occupazione piemontese (1815) il suo uso pubblico incise profondamente il prestigio del genovese, sempre più relegato al rango di linguaggio tecnico della navigazione e del commercio, oltre che, ovviamente, come linguaggio parlato: la reazione autonomista sviluppatasi soprattutto prima della proclamazione del Regno d'Italia (1861) si servì comunque del genovese in funzione anti-monarchica, e tracce significative di questo atteggiamento, che confermava il nesso imprescindibile tra identità linguistica e senso di appartenenza, si ritroveranno nella prassi di scrittori attivi fino ai primi decenni del Novecento. A partire da allora, il regresso del genovese e delle parlate liguri segue modalità analoghe a quelle che contraddistinguono il progressivo calo di prestigio delle diverse parlate regionali in Italia.

La legislazione regionale in materia linguistica è tra le più arretrate in Italia e le attività di promozione e valorizzazione del patrimonio linguistico restano allo stato attuale affidate essenzialmente a iniziative di volontariato non sempre sostenute da un'opportuna preparazione scientifico-culturale.

Quella in genovese presenta caratteri insoliti nel quadro delle letterature regionali italiane: è dotata anzitutto di una propria continuità storica e contenutistica, verificabile a partire dai testi delle origini, e si distingue per il deciso prevalere di temi e caratteri che esulano da quelli modernamente individuati come caratteristici della “dialettalità”.

Il primo testo, risalente al 1190, è il contrasto bilingue di un trovatore provenzale, Raimbaut de Vaqueiras, nel quale una dama genovese risponde per le rime a un corteggiatore occitano. Questo esperimento letterario isolato, tra i primi a prevedere l'uso di un volgare di area italiana, spicca tra i documenti di carattere notarile anticipando solo dal punto di vista linguistico i successivi frammenti epico-lirici e la complessa opera poetica dell'Anonimo Genovese (contenuta nel Codice Molfino), che tra la fine del Duecento e i primi del Trecento sviluppa nelle sue Rime temi di carattere religioso e morale, ma soprattutto l'esaltazione patriottica delle vittorie navali sui veneziani: è l'iniziatore di un robusto filone di poesia civile che continuerà nei secoli successivi accanto alla produzione lirica, orientata in un primo tempo su contenuti religiosi (le Laudi di tradizione tosco-umbra, primo embrione del teatro in volgare).

Il Trecento tuttavia vede soprattutto una notevole fioritura di testi in prosa (prevalentemente anonimi, ma anche di autori come Gerolamo da Bavari o Antonio de Regibus), opere originali o tradotte dal latino, dal francese, dal toscano e dal catalano con le quali Genova si propone quale centro di ricezione e di trasmissione per un tipo di letteratura moraleggiante, a carattere narrativo, cronachistico e dottrinale, che tocca i suoi vertici nella Passion de lo Segnor Gexù Christe e in alcune raccolte di vite di santi e leggende mariane (Miràcori de la biâ Verzem). Questo filone continua nel Quattrocento arricchendosi di contenuti escatologici nella Istòria de lo complimento de lo mondo e avegnimento de Antechriste, ma intanto l'uso del genovese come lingua cancelleresca implica la trascrizione di orazioni politiche e altre prose civili. La poesia in volgare stigmatizza in quell'epoca le discordie intestine, ma celebra anche, con Andreolo Giustiniani, le più recenti vittorie d'oltremare.

Nel corso del Cinquecento la lirica religiosa cede progressivamente il passo a quella di carattere amoroso, condotta tra gli altri da Paolo Foglietta e Barnaba Cigala Casero sui registri sostenuti del petrarchismo. Con Foglietta in particolare riprende vigore la poesia civilmente impegnata che riflette il complesso dibattito istituzionale interno della Repubblica: nasce in quell'epoca anche un teatro plurilingue, destinato a grande fortuna nel secolo successivo grazie all'opera di Anton Giulio Brignole Sale, in cui i personaggi che si esprimono in genovese rappresentano dietro metafora le problematiche politiche che si agitano in quel periodo. Gian Giacomo Cavalli è l'autore più rappresentativo del concettismo barocco della prima metà del Seicento e il poeta che più di ogni altro sviluppa, con la sua lirica amorosa e i poemetti encomiastici e patriottici raccolti nella Çìttara zeneize (1636) una lingua letteraria nettamente distinta dalla parlata popolare fatta propria tra gli altri, nello stesso periodo, da Giuliano Rossi.

Dopo la crisi di metà Seicento l'espressione in genovese riprende vigore su temi politico-patriottici, prima con le opere di Carlo Andrea Castagnola e Gio. Agostino Pollinari che celebrano la resistenza genovese al bombardamento francese del 1684, poi con la fioritura intorno al 1745-1748 di un'ampia produzione epica dedicata alla guerra di liberazione dall'occupazione austro-piemontese (la cosiddetta guerra di Balilla) e alle ultime vittorie sui corsari barbareschi: a opere anonime come la Libeaçion de Zena e il Trionfo dro pòpolo zeneize si associa in particolare la multiforme attività poetica e teatrale di Stefano de Franchi, autore aristocratico che apre tuttavia al gusto popolaresco nelle sue traduzioni da Molière (Comedie transportæ da ro françeize in lengua zeneize) e nelle poesie originali di contenuto lirico e patriottico. Questa vena sarà continuata con accenti diversi durante la breve stagione della poesia rivoluzionaria legata all'instaurazione (1797) del regime filofrancese.

Nonostante l'uso di una lingua volutamente ricercata e non di rado «straniante»[20], nell'ambito della musica d'autore in genovese l'opera di Fabrizio De André segna lo spartiacque fra il generale modello novecentesco e le sperimentazioni più moderne.

L'Ottocento si apre all'insegna dello scoramento per l'annessione forzata alla monarchia sabauda, che genera da un lato il disimpegno, risolto in chiave introspettiva e moraleggiante, di Martin Piaggio (Esòpo zenéize), dall'altro la reazione patriottica e liberal-repubblicana di autori come Giovanni Casaccia, Giovanni Battista Vigo e soprattutto Luigi Michele Pedevilla, che col poema epico A Colombìade si inserisce a pieno titolo nel clima delle rinascenze culturali delle lingue minoritarie europee. Riprende vigore nell'Ottocento anche la produzione in prosa: sia la narrativa, per lo più legata alle appendici di giornali in genovese come O Balilla e O Staffî, dove compaiono le opere di Edoardo M. Chiozza e il romanzo anonimo di ambientazione americana Ginn-a de Sanpedænn-a; sia il teatro, che vede in Nicolò Bacigalupo il primo autore in genovese di gusto schiettamente dialettale.

Ai primi del Novecento, mentre nasce o cresce la scrittura in alcune varietà dialettali periferiche (spezzino, ventimigliese, alassino, monegasco), Angelico Federico Gazzo con la traduzione integrale della Divina Commedia si inserisce, rinnovandolo, al seguito del filone regionalista ottocentesco; dopo gli aggiornamenti tentati da Carlo Malinverni, il clima poetico del Novecento è dominato però dalla figura di Edoardo Firpo, autore attento al recupero della tradizione classica ma aperto al decadentismo e al rinnovato gusto della poesia dialettale italiana contemporanea. Nello stesso periodo si distingue anche il poeta savonese Giuseppe Cava. Degno di nota è anche Francesco Augusto Masnata autore della prima commedia storica in genovese, intitolata, Che l'inse? narrante le vicende del 1749.

Nel secondo dopoguerra la poesia in genovese e nelle varietà liguri cresce per qualità e quantità con autori come l'imperiese Cesare Vivaldi, i ventimigliesi Renzo Villa e Andrea Capano, il lericino Paolo Bertolani, e soprattutto i genovesi, da Alfredo Gismondi e Aldo Acquarone, a Plinio Guidoni (anche drammaturgo), Roberto Giannoni, Luigi Anselmi, Vito Elio Petrucci, Silvio Opisso, Giuliano Balestreri, Sergio Sileri, Sandro Patrone, Angelo de Ferrari, Daniele Caviglia, Alessandro Guasoni, Enrica Arvigo, Anselmo Roveda e numerosi altri, non sempre meritevoli di menzione per l'eccellenza artistica, ma comunque rappresentativi dell'interesse che circonda nella fase attuale l'uso letterario del genovese. Una certa sclerosi riguarda negli ultimi tempi il teatro, legato ai modelli farseschi imposti dall'attore Gilberto Govi, mentre la canzone d'autore, dopo le punte di eccellenza inaugurate da Fabrizio De André, si è solidamente avviata verso i modelli propri della canzone d'autore, aprendosi al contempo a sonorità internazionali e vicine ai gusti dei giovani quali il pop, il reggae e il rap[21]. Accanto a una rinnovata attività di traduzione, l'attuale produzione in prosa si sviluppa soprattutto nell'ambito della pubblicistica (anche all'interno di emittenti e testate particolarmente rilevanti in ambito locale, quali Primocanale e Il Secolo XIX) ed evidenzia la ricerca di rinnovati ambiti espressivi come la prosa scientifica e divulgativa[22].

Fonologia e pronuncia

[modifica | modifica wikitesto]

La lingua ligure presenta suoni vocalici che non esistono nell'italiano standard [23]. Il suono [ø] si trova in varie lingue tra cui il francese dove è scritto con la legatura eu, ad esempio in feu (fuoco) e peu (poco). Il suono [ø] è frequente anche in tedesco ove è scritto con la lettera ö e lo si trova in schön (bello). In genovese si trova il suono [ø] ad esempio in cieuve (piove) e si scrive il suono con la grafia eu.

Nell'ortografia della lingua ligure, la lettera x indica il suono [ʒ], che si trova ad esempio in Francese espresso con la lettera j, in parole come je (io), jour (giorno), e jeune (giovane).

Nel ligure esiste una distinzione tra vocali lunghe e corte. La legatura æ indica il suono [ɛː] che è una e aperta e lunga. Lo si trova ad esempio in mainæ (marinai), arrivæ (arrivati)

Nell'ortografia ufficiale della lingua ligure, la lettera o senza accenti si pronuncia [u]. Ad esempio la parola genovese diségno si trascriverebbe in italiano come disegnu. Questa regola ortografica esiste anche nel portoghese. Il dialetto ligure spezzino, che ha ortografia e pronuncia diversa, non segue questa regola.

Mentre la lettera o senza accenti si pronuncia [u], la lettera ò con accento tonico corrisponde alla stessa ò aperta italiana.

Infine una eccezione è che la o senza accenti nella combinazione ou come in mangiou (mangiato) si pronuncia [ɔw] con una o aperta.

Nella lingua ligure esiste il suono [y] che si trova in francese ad esempio in venu, /və.ny/ (venuto) ed esiste in tedesco ad esempio in über [ˈyːbɐ] (sopra). In ligure, nell'ortografia ufficiale, il suono [y] si trova scritto con la lettera u, ad esempio in nuo, pronunciato /nyu/ (nudo). Tuttavia, in alcuni casi la lettera u genovese potrebbe anche leggersi come u in italiano, ad esempio in genovese quello si pronuncia "quelu".

Nell'ortografia ufficiale del genovese, la lunghezza delle vocali si marca con l'accento circonflesso ^ e altre volte con i due punti sopra la lettera. Ad esempio i verbi all'infinito della prima coniugazione come cantâ (cantare) hanno una a finale accentata e lunga. Tuttavia, altre volte alcune parole contengono vocali lunghe che secondo l'ortografia ufficiale non si marcano.

Una particolarità della lingua genovese riguarda l'utilizzo della consonante nasale velare [ŋ]. In italiano la lettera n si pronuncia in due modi. Ad esempio nella parola italiana "nonna" la n si realizza toccando le radici dei denti con la punta della lingua, tuttavia quando la n si trova prima di una consonante, come in anca, mango, mangiare, insomma, incapace la lettera n si pronuncia stringendo la gola, senza usare la punta della lingua.

In fonologia questo tipo di n articolato con la gola è chiamata consonante velare denotata ed è denotata con [ŋ]. La particolarità del genovese è che la [ŋ] si trova anche tra due vocali, ad esempio nella parola boña (buona) la lettera ñ si realizza stringendo la gola, in contrasto all'italiano in cui per pronunciare la n in "buona" si toccano le radici dei denti con la punta della lingua. Allo stesso modo l'articolo indeterminativo femminile genovese una si pronuncia con la n "in gola".

Per la lingua ligure esistono ortografia alternative, ad esempio per l'album Creuza de mä di Fabrizio de André si utilizzò un'ortografia alternativa[24], in cui la grafia "û" indica la [y], e la grafia "n-" col trattino indica la consonante velare [ŋ]. In questa ortografia, boña si scrive bun-a, nuo si scrive nûu.

Morfo-sintassi

[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua ligure la formazione del plurale ha regole più complesse dell'italiano standard[25]. Come in Italiano, le parole al maschile singolare in -o hanno il plurale in -i, mentre le parole al femminile singolare in -a, hanno il plurale in -e. Inoltre la lingua ligure ha forme irregolari del plurale, la lingua include alcune parole come can (plurale: chen) che formano il plurale con la metafonia, ovvero la modificazione di vocali interne alla parola. Nella lingua ligure rimangono col plurale invariato le parole che terminano in -eu (figeu), le parole che terminano in -in, le parole che terminano in æ (veitæ), infine rimangono invariate le parole che al femminile singolare terminano in -e, come luce

singolare plurale traduzione
o mego i meghi il medico, i medici
a carega e careghe la sedia, le sedie
o mainâ i mainæ il marinaio, i marinai
a canson e cansoin la canzone, le canzoni
o can i chen il cane, i cani
o pescòu i pescoei il pescatore, i pescatori
a ciave e ciave la chiave, le chiavi
a luxe [ˈlyːʒe] e luxe la luce, le luci

Aggettivi Numerali

[modifica | modifica wikitesto]

Nella morfologia della lingua ligure gli aggettivi cardinali due e tre hanno una forma femminile, a differenza dell'italiano in cui due e tre hanno genere invariato. Le ore della giornata si riportano in maniera simile alla lingua francese, con il sostantivo oe (ore, pronunciato "ue") che segue il numero cardinale.

cardinali 1-5 6-10 11-15 16-20 ordinali 1-5 6-10 11-15
un /'yŋ/ (masc)

una /'yŋˑa/ (fem)

sëi unze [ˈyŋze] sezze primmo sesto unzen

unzeximo

doî [ˈdwiː] (masc)

doe [ˈduːe] (fem)

sette dozze [ˈduzˑe] dïsette segondo setten

settimo

dozzen

dozzeximo

trei (masc)

træ (fem)

eutto [ˈøtˑu] trezze [ˈtrezˑe] dixeutto terso eutten

ottavo

trezzen

trezzesimo

quattro neuve [ˈnøːve] quattòrze dixineuve quarto noven [nuˈveŋ]

nöno [ˈnɔːnu]

quattorzen

quattorzeximo

çinque dexe [ˈdeːʒe] chinze vinti quinto

chinto

dëxen

deximo

chinzen

chinzeximo

Esempi di utilizzo

  • - Pe piaxei, scià me o sa dî che oa l’é? - L'é za çinque oe! (- Per piacere, lei sa dirmi che ora è? - Sono già le cinque!)

Aggettivi e pronomi dimostrativi

[modifica | modifica wikitesto]

Gli aggettivi dimostrativi del ligure sono gli stessi dell'Italiano: sto (pronunciato "stu"), questo (pronunciato "questu"), sta, questa, sti, questi, ste, queste. Seguono poi quello (pronunciato "quelu"), quelli, quella, quelle.[26]

Aggettivi e pronomi indefiniti

[modifica | modifica wikitesto]

Gli aggettivi che esprimono una quantità indefinita sono quarche (qualche), dötrei (maschile plurale, lett: due o tre), dötræ (femminile plurale, lett: due o tre), tanto (pronunciato "tantu"), tanti, tanta, tante, nisciun, nisciuña.

Esempi di utilizzo

  • Gh'ò dötræ patatte into frigo (pronunciato "Gh'ò dòtrè patate intu frigu", ho qualche patata nel frigo)
  • Gh'ò dötrei salammi into frigo
  • No gh'é niscuña torta into forno (non c'è nessuna torta nel forno)

I pronomi indefiniti italiani "qualcuno", "qualcuna", "alcune persone" si esprimono con quarchedun (maschile singolare), quarcheduña (femminile singolare), çertidun (maschile plurale), çertiduñe (femminile plurale)

Pronomi personali

[modifica | modifica wikitesto]

I pronomi personali soggetto indicano il soggetto della frase e si possono omettere. La lingua ligure, in modo simile alla lingua emiliana, prevede dei pronomi personali clitici che vanno inseriti obbligatoriamente prima del verbo, alla seconda persona singolare ed alla terza persona singolare. Quindi nella frase ti ti parli, il primo ti è un pronome soggetto che si può omettere, il secondo ti è un pronome soggetto clitico che va inserito obbligatoriamente alla seconda persona singolare.

Il pronome personale soggetto della terza singolare, , traduce sia "egli" che "ella", ma tale ambiguità è risolta dal pronome clitico che segue, o (pronunciato [u]) per un soggetto maschile, a per un soggetto femminile.[27] La forma di cortesia è sciâ, e si coniuga alla terza singolare come il Lei dell'italiano standard.

soggetto soggetto clitico complemento diretto / indiretto
mi me
ti ti te
o (maschile)/ a (femminile) /

l' (prima di verbo che inizia con vocale)

ô ['uː] / â ['a:]
niatri [ˈnjaːtri], niatre ne
viatri [ˈvjaːtri], viatre ve
lô ['lu:], liatri ['lja:tri] î [ˈiː](maschile)

ê [ˈeː] (femminile)

Esempi di utilizzo

  • i vòstri messaggi me son arrivæ (i vostri messaggi mi sono arrivati)
  • te saluo! (ti saluto)
  • ti ô veu o vin? (lo vuoi il vino?)
  • nòstro poæ ne a delongo vosciuo ben (nostro padre ci ha sempre voluto bene)
  • ve l’an za dito? (ve l'hanno già detto?)
  • ti î veddi? (li vedi?)
  • ti ê saveivi ste cöse? (le sapevi ste cose?)

Aggettivi e pronomi possessivi

[modifica | modifica wikitesto]

Nella lingua ligure, prendendo come riferimento il dialetto genovese, gli aggettivi possessivi corrispondenti a mio, tuo, suo, loro sono invariati per genere e numero dell'oggetto posseduto. Il possessivo corrispondente a tuo/tuoi/tua/tue si può esprimere equivalentemente con pronunciato [ˈtɔ] oppure con teu [ˈtøː]. Allo stesso modo suo ha due forme equivalenti seu [ˈsøː] e [ˈsɔ].

Possessivi italiani Possessivi liguri
mio, mia, miei, mie mæ [ˈmɛː]
tuo, tua, tuoi, tue tò [ˈtɔ] / teu [ˈtøː]
suo, sua, suoi, sue seu [ˈsøː] / sò [ˈsɔ]
nostro, nostra, nostri, nostre nòstro [nɔstru], nòstra, nòstri, nòstre
vostro, vostra, vostri, vostre vòstro, vòstra, vòstri, vòstre
loro seu [ˈsøː] / sò [ˈsɔ]

Esempi di utilizzo

  • O tò conseggio o l'é sbaliou (il tuo consiglio è sbagliato) [U tɔ cunseggiu u l'e sbaliɔu]
  • E seu çioule son boñe (Le sue cipolle sono buone) [E sø siɔule sun buŋe]

La lingua ligure, prendendo la varietà genovese, presenta una morfologia dei verbi con quattro coniugazioni e vari verbi irregolari[28]. La prima coniugazione ha l'infinito in , la seconda coniugazione ha l'infinito in -éi, la terza coniugazione ha l'infinito in -e, la quarta coniugazione ha l'infinito in . Viene presentata la flessione di quattro verbi: parlâ (parlare), dovéi (dovere), vende (vendere), sentî (sentire)

Tempo presente indicativo

[modifica | modifica wikitesto]
essere avere 1a coniugazione 2a coniugazione 3a coniugazione 4a coniugazione
(mi) son (mi) ò (mi) parlo (mi) devo (mi) vendo (mi) sento
(ti) t'ê (ti) æ (ti) ti parli (ti) ti devi (ti) ti vendi (ti) ti senti
(lê) o l'é

(lê) a l'é

(lê) à

(lê) o l'à

(lê) a l'à

(lê) o parla

(lê) a parla

(lê) o deve

(lê) a deve

(lê) o vende

(lê) a vende

(lê) o sente

(lê) a sente

(niatri) semmo (niatri) emmo (niatri) parlemmo (niatri) dovemmo (niatri) vendemmo (niatri) sentimmo
(viatri) sei (viatri) ei (viatri) parlæ (viatri) duvéi (viatri) vendéi (viatri) sentî
(liatri) son (liatri) an (liatri) parlan (liatri) devan (liatri) vendan (liatri) séntan

Confronto tra il ligure (varietà genovese) e altre lingue neolatine

[modifica | modifica wikitesto]

Si propone nelle tabelle che seguono un confronto tra il tipo ligure e le principali lingue neolatine e una panoramica lessicale dei vari dialetti liguri, utile a fare risaltare l'unità e la varietà all'interno dell'area.[29]

Bandiera della Liguria Ligure Bandiera dell'Italia Italiano Latino Piemontese Lombardo Bandiera della Francia Francese Siciliano Bandiera della Spagna Spagnolo Bandiera del Portogallo Portoghese Occitano Bandiera della Catalogna Catalano Sardo Bandiera della Corsica Corso
primmaveia [prima'veja] primavera *prīmavēra prima primavera printemps primavera primavera primavera Prima primavera beranu veranu/primavera
domenega [du'menega] domenica dominicus domìnica/domegna domènega dimanche duminica domingo domingo Dimenche diumenge domìniga/o dumènica
zenâ [ze'na:] gennaio iānuārius gené genar/gener janvier Jinnaru enero janeiro genier gener ghennàrgiu ghjennaghju
eutto ['øtu] otto octō eut vòt huit ottu ocho oito uech vuit oto ottu
òmmo ['ɔmu] uomo homo òm òm homme omu hombre homem òme home òmine omu
ascordâse [askur'da:se] scordare/ dimenticare s-recordārī dësmentié/oblié descordar oublier scurdari olvidar esquecer demembrar/oblidar oblidar ismentigare/olvidare/scadesciri scurdassi
cösa ['kɔ:sa] cosa causa còsa cossa chose cosa cosa coisa causa cosa cosa cosa
nio ['ni:u] nido nīdus ni nid nid nidu nido ninho nis niu niu nidu
teito ['tejtu] tetto tēctum covert covert/tecc toit tettu/dammusu techo tecto cubert/teulat sostre teulado tettu
freido ['frejdu] freddo frīgidus frèid frègg froid friddu frío frio freg fred fritu/frius fretu
ceuve ['ʧø:ve] piovere *plŏvĕre pieuve pioeuv pleuvoir chioviri llover chover plòure ploure pròere piove
graçie ['grasje] grazie grātia mersì/grassie grazie/mersì merci grazzi gracias obrigado mercés gràcies l gràtzias grazie
gexa ['ʤe:ʒa] chiesa ecclesia gesia cesa église chiesa iglesia igreja glèisa església crèsia ghjesgia
rosso ['rusu] rosso russus ross ross rouge russu rojo vermelho rotge/ros vermell/roig arrubiu/ruju rossu
giano ['ʤa:nu] giallo galbinus giàun giald jaune giarnu amarillo amarelo jaune groc grogu giallu
gianco ['ʤaŋku] bianco *blancus bianch bianc blanc jancu blanco branco blanc blanc biancu/arbu biancu
sciô ['ʃu:] fiore florem fior fior fleur çiuri flor flor flor flor frore fiore
fæña ['fɛŋa] farina farīna farin-a farina farine farina harina farinha farina farina farina/arina/scetti farina
moæ ['mwɛ:] madre mater mare màder mère matri madre mãe maire mare mama mamma/madre
lalla ['lala] zia thia magna zia tante zà/ziana tía tia tanta tia tzia zìa

Confronto tra le pronunce nelle diverse varietà liguri

[modifica | modifica wikitesto]
Ortografia La Spezia Novi Ligure Genova Savona Carloforte Calizzano Albenga Ventimiglia Bandiera dell'Italia Italiano
ciù - pù ['ʧy] ['py] ['ʧy] ['ʧy] ['ʧy] ['ʧy] ['ʧy] ['ʧy] più
gianco - bianco ['ʤaŋko] ['bjaŋku] ['ʤaŋku] ['ʤaŋku] ['ʤaŋku] ['ʤaŋku] ['ʤaŋku] ['ʤaŋku] bianco
sciama - fiama ['fjama] ['fjɒma] ['ʃama] ['ʃɒma] ['ʃɒma] ['ʃɒma] ['ʃama] ['ʃama] fiamma
coniglio - conigio - conì - conijo [ko'niʤo] [ku'ni] [ku'niʤu] [ku'niʤu] [ku'niʤu] [ku'niju] [ku'niju] [ku'niʎu] coniglio
famiglia - famigia - famîa - famija [fa'miʤa] [fa'mi:a] [fa'miʤa] [fa'miʤa] [fa'miʤa] [fa'mia] [fa'mi:a] [fa'miʎa] famiglia
muraglia - muraja - miagia - mi-âgia - miâgia ['mia:ʤa] [my'rɒja] ['mja:ʤa] ['mjɒʤa] ['mjɒ:ʤa] [my'ɹɒja] [my'ɹaja] [my'ɹaʎa] muro
mandriglio - mandilo [maŋ'dilo] [maŋ'dilu] [maŋ'dilu] [maŋ'dilu] [maŋ'dilu] [maŋ'dilu] [maŋ'dilu] [maŋ'driʎu] fazzoletto
speglio -spejo - specio -spêgio - spegiu ['speʧo] ['spe:ʤu] ['spe:ʤu] ['spe:ʤu] ['ʃpe:ʤu] ['ʃpeʤu] ['spe: ʤu] ['speʎu] specchio
scausà - scosà -scösà - scösâ - scosarein [sko'sa] [skusa'rejŋ] [skɔ: 'sa:] [skɔ:'sɒ:] [ʃko: 'sɒ] [ʃku:'sɒ:] [ʃku'sa] [ʃkaw'sa] grembiule
masca ['maska] ['mɒʃka] ['maska] ['mɒska] ['mɒʃka] ['mɒʃka] ['maʃka] ['maʃka] guancia
sgavàudora - sgavàdoa - ziârdoa - giòrdora - giârdia - briloêa [brilo'e:a] ['ʤɔrdura] ['zja:rdwa] ['zjɒ:rdwa] ['ʤɒːrdja] - [ʒga'vadwa] [ʒga'vawduɹa] trottola
tòura - tòra - töa ['tɔ:a] ['tɔra] ['tɔ:a] ['tɔ:a] ['to:a] ['tɔɹa] ['tɔɹa] ['tɔwɹa] tavolo
bronzin - bronzein - pregin [broŋ'ziŋ] [bruŋ'zejŋ] [bruŋ'ziŋ] [bruŋ'ziŋ]/[preˈd͡ʒiŋ] [bruŋ'ziŋ] [bɹuŋ'zei̯ŋ] [bruŋ'ziŋ] - rubinetto
brico ['briko] ['briku] ['briku] ['briku] ['briku] ['bɹiku] ['briku] ['briku] monte
portegalo - portogalo - portogà - setron - sitròn - setròn [se'trɔŋ] [si'trɔŋ] [se'truŋ] [se'truŋ] [purtu'gɒ] [puɹtu'gɒlu] [purtu'galu] [purte'galu] arancia
bancarà - bancâ - brancaà [baŋka'a] [baŋka'ɹɒ] [baŋ'ka:] [baŋ'kɒ:] [baŋ'kɒ] [baŋka'ɹɒ] [baŋka'ɹa] [baŋka'ɹa] falegname
fàrina - farina - faìna - faina - fènna - fareinna [fa'ina] [fa'rejŋna] ['fɛŋa] [fa'iŋa] ['fajna] [fa'ɹei̯na] ['faɹina] ['faɹina] farina
luna - lunna - leuinna - lugna ['lyna] ['løjŋna] ['lyŋa] ['lyŋa] ['lyŋa]/['lyɲa] ['lyna] ['lyna] ['lyna] luna
beve - bêve - bèive - beive - baive ['beve] ['bajve] ['bejve] ['bejve] ['bajve] ['bɛjve] ['be:ve] ['beve] bere
meze - mêze - mèize - meize - maize ['meze] ['majze] ['mejze] ['mejze] ['majze] ['mɛjze] ['me:ze] ['meze] mese
sangiuto - crescentin - cresentein - cresentin [kreseŋ'tiŋ] [kreʃeŋ'tɛiŋ] [kreʃeŋ'tiŋ] [kreʃeŋ'tiŋ] [kreʃeŋ'tiŋ] [kɹeʃeŋ'tei̯ŋ [kreʃeŋ'tiŋ] [saŋ'ʤytu] singhiozzo

Citazioni celebri

[modifica | modifica wikitesto]
Monumento a Balilla a Genova. Al personaggio è tradizionalmente associata l'espressione «Che l'inse?».

Citazioni letterarie

[modifica | modifica wikitesto]
  • «E tanti sun li Zenoexi, e per lo mondo sì destexi, che und'eli van o stan un'atra Zenoa ge fan» («Tanti sono i genovesi, per il mondo così dispersi, che dove vanno e stanno un'altra Genova fanno»); da una rima dell'Anonimo Genovese, XIII-XIV secc.
  • «Questa è particolâ feliçitæ / à ri Zeneixi dæta da ro Çê, / d'avei paròlle in bocca con l'amê, / da proferîre tutte insuccaræ» («Questa è la particolare felicità data dal Cielo ai Genovesi: di avere parole in bocca [dolci] come il miele, da proferire tutte inzuccherate»); versi da un sonetto di Gian Giacomo Cavalli (1590-1657).

Citazioni storiche

[modifica | modifica wikitesto]
  1. ^ Mair Parry, Parluma 'd Còiri. Sociolinguistica e grammatica del dialetto di Cairo Montenotte., p. Pag. 295.
  2. ^ Saggio sui dialetti gallo-italici, Bernardino Biondelli, pag.474
  3. ^ Variante tabarchina
  4. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" in accordo alle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Negli altri casi, viene usato il termine "dialetto".
  5. ^ Ligurian, in Ethnologue. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  6. ^ Per quanto riguarda il glottonimo relativo alle parlate liguri si veda Fiorenzo Toso, Per una storia sociolinguistica del glottonimo genovese, in Jean M. Eloy (cur.), Le nom des langues, vol. IV, Nommer les langues romanes, Louvain, Peeters, 2016, pp. 109-123 [ISBN 978-90-429-3235-7].
  7. ^ La Carta è stata firmata il 25 giugno 1992 ed è entrata in vigore il 1º marzo 1998 (l'Italia l'ha firmata il 27 giugno 2000 ma non l'ha ancora ratificata)
  8. ^ Lotte Zörner, L'ottonese: un dialetto ligure, in: Studi linguistici sull'anfizona ligure-padana, Alessandria, 1992, pagg. 79-175
  9. ^ Art. 8. - La langue française est la langue officielle de l'État. Archiviato il 17 giugno 2006 in Internet Archive., Costituzione di Monaco del 1962
  10. ^ Stefano Lusito, L’insegnamento scolastico del monegasco dagli esordi al panorama attuale: presenza nei programmi di istruzione, metodologie pedagogiche, strumenti didattici e aspetti linguistici, in «Bollettino dell’Atlante linguistico italiano», 46/III (2022), pp. 181-213.
  11. ^ Carloforte, isola di San Pietro, Sardegna, su carloforte.com. URL consultato il 1º maggio 2022 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2013).
  12. ^ Per le varietà liguri esportate si veda la voce ligure coloniale.
  13. ^ Si veda in merito AA.VV. L'italiano nelle regioni. Lingua nazionale e identità regionali a cura di Francesco Bruni, UTET, Torino 1992, e soprattutto il saggio relativo alla Liguria di Alberto Beniscelli, Vittorio Coletti e Lorenzo Coveri.
  14. ^ http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20070420_00/testointegrale.pdf
  15. ^ Stefano Lusito, «La presenza attuale del monegasco nel paesaggio linguistico e nello spazio pubblico del Principato di Monaco», in Intemelion. Cultura e territorio, 29 (2023), pp. 5-48.
  16. ^ Raymond Arveiller, Étude sur le parler de Monaco. Comité National des Traditions Monégasques, 1967.
  17. ^ Dati e rimandi bibliografici sono disponibili presso questo indirizzo.
  18. ^ Da questa regola sono esclusi varietà periferiche come lo spezzino, dove si ha [s] e [z].
  19. ^ Il parere della comunità scientifica, corredato da ampia bibliografia in proposito, è riassunto ad esempio in F. Toso, L'occitanizzazione delle Alpi liguri e il caso del brigasco: un episodio di glottofagia (disponibile presso questo indirizzo).
  20. ^ Coveri: il genovese di De André.
  21. ^ Stefano Lusito, «Fra repertorio popolare e opera d’autore. La canzone in genovese», in Il genovese. Storia di una lingua, a cura di Fiorenzo Toso e Giustina Olgiati, Genova, SAGEP, 2017, pp. 46-53; Stefano Lusito, «Sviluppi recenti di teatro e canzone in genovese», in Il patrimonio linguistico storico della Liguria. Raccolta di studi, a cura di Fiorenzo Toso, Savona, InSedicesimo, 2019, pp. 91-100
  22. ^ Stefano Lusito, «Tipologie testuali e modalità di circolazione della prosa contemporanea in genovese», in La presenza dei dialetti italo-romanzi nel paesaggio linguistico: ricerche e riflessioni, a cura di Giuliano Bernini, Federica Guerini e Gabriele Iannaccaro, Bergamo, Bergamo University Press/Sestante Edizioni, 2021, pp. 155-174.
  23. ^ https://conseggio-ligure.org/it/grammatica/grafia/
  24. ^ https://www.ilmugugnogenovese.it/creuza-de-ma-de-andre-testo-traduzione/
  25. ^ https://www.facebook.com/sitodipaolino/posts/i-plurali-dei-nomi-in-lingua-genovese/10153146882313025/?locale=it_IT
  26. ^ dizionario ligure conseggio - lemma alcuno, su conseggio-ligure.org.
  27. ^ lemma lê nel dizionario ligure di conseggio, su conseggio-ligure.org.
  28. ^ i verbi zeneixi, su zeneize.net.
  29. ^ Gli esempi sono tratti da un fascicolo illustrativo, Per conoscere il genovese, Genova, Amministrazione Provinciale, 2000. Il sardo si riferisce alla variante della Limba Sarda Comuna
  30. ^ F. Toso, Piccolo dizionario etimologico ligure, Ed. Zona, Fano 2015, pag. 156-157.
  • E. Azaretti, L'evoluzione dei dialetti liguri esaminata attraverso la grammatica storica del ventimigliese, Sanremo, Casabianca 1977;
  • F. Bampi, Nuovo Dizionario Italiano Genovese Genova, Nuova Editrice Genovese 2008;
  • A. Beniscelli, V. Coletti e L. Coveri, Liguria, in L'italiano nelle regioni a c. di F. Bruni, Torino, Utet 1992, pp. 45–84, con un'appendice a c. di L. Coveri nel volume Testi e Documenti, Torino, Utet 1994, pp. 55–100;
  • P. Carli, Dizionario dialettale sanremasco-italiano, Sanremo, in proprio, 1973;
  • G. Casaccia, Vocabolario genovese-italiano, Genova, Pagano 1851 [ed. anastatica, Genova 1997];
  • G. Casaccia, Dizionario genovese-italiano, Genova, Schenone Genova 1876 (II ed.) svariate edd. anastatiche];
  • C. Costa, Grammatica genovese, Rapallo, Tigullio-Bacherontius 1993;
  • W. Forner, Generative Phonologie des Dialekts von Genua, Hamburg, Buske 1975;
  • W. Forner, Italienisch: Areallinguistik I. Ligurien
  • F. Lena, Nuovo dizionario del dialetto spezzino, La Spezia, Accademia Lunigianese G. Capellini 1992;
  • S. Lusito, Anthologie de la littérature et de l'usage écrit du monégasque, Monaco, Éditions EGC / Académie des langues dialectales 2024;
  • C. Olivari, Zeneise Riso Ræo - Vocabolario Genovese-Italiano Italiano-Genovese, Genova, Libero di Scrivere 2006
  • E.G. Parodi, Studi liguri, Archivio Glottologico Italiano, XIV/XVI-1898/1905, pp. 1–110, 1-82, 105-161;
  • G.B. Pellegrini, Contributo allo studio dell'influsso arabo in Liguria, «Miscellanea Storica Ligure II», Genova 1961, pp. 17–95; F. Toso, Gli ispanismi nei dialetti liguri, Alessandria, Ed. dell'Orso 1993; P. Scarsi,
  • G. Petracco Sicardi, Prontuario etimologico ligure, Alessandria, Ed. dell'Orso 1998;
  • C. Randaccio, Archive.org Dell'idioma e della letteratura genovese; studio seguìto da un Vocabolario etimologico genovese, Roma, Forzani e C. Tipografi del Senato, 1894;
  • S. Ravera, Ti veu scrive in dialetto?, Savona, s.a. (ma 1985);
  • R. e A. Sguerso, Compendio di voci ed espressioni del dialetto savonese, Savona, A Campanassa 1985;
  • F. Toso, Grammatica del genovese, Recco, Le Mani 1997;
  • F. Toso, La letteratura ligure in genovese e nei dialetti locali. Profilo storico e antologia a cura di Fiorenzo Toso, Recco (GE), Le Mani 2009 (in 7 volumi);
  • F. Toso, Liguria, in M. Cortelazzo, C. Marcato, N. De Blasi, e G.P. Clivio
  • F. Toso, Storia linguistica della Liguria dalle origini al 1528, Recco, Le Mani 1995;
  • F. Toso, Un modello di plurilinguismo urbano rinascimentale. Presupposti ideologici e risvolti culturali delle polemiche linguistiche nella Genova cinquecentesca, in Città plurilingui.
  • F. Toso, Emigranti do rïe. Poeti in genovese del Novecento, «Rivista in forma di parole» (numero monografico), a. XIX (1999), serie IV,
  • F. Toso e G. Olgiati (a cura di), Il genovese: storia di una lingua, Genova, Sagep 2017;
  • I dialetti italiani. Storia struttura uso, Torino, UTET 2002, pp. 196–225
  • La Lingua dialettale monegasca e la parentela con il Ligure https://monacoitaliamagazine.net/lingua-dialettale-monegasca-parentela-ligure
  • Werner Forner, Morphologie comparée du mentonnais et du ligurien alpin: Analyse synchronique et essai de reconstruction. DeGruyter, 2022.

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàGND (DE4167663-4 · BNF (FRcb11994811j (data)