Funicolare di San Pellegrino

Coordinate: 45°50′24.48″N 9°39′34.1″E / 45.840132°N 9.659472°E45.840132; 9.659472

Funicolare di San Pellegrino
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàSan Pellegrino Terme
Dati tecnici
Tipofunicolare
Stato attualeattiva
Apertura1909
Portata60 passeggeri/ora
GestoreGestione Fonti Minerali SpA
Percorso
Stazione a valleSan Pellegrino Terme
Stazione a monteVetta
Numero di stazioni e fermate5
Lunghezza720 m
Dislivello287 m
Pendenza max55%
Interscambioloc. Botta
DintorniGrand Hotel, Casinò, Stabilimento Termale
Trasporto a fune

La funicolare di San Pellegrino è un impianto di collegamento fra San Pellegrino Terme e la frazione Vetta, la cui gestione è legata allo sfruttamento turistico e termale della località.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

San Pellegrino Terme nel 1921, con visibile il tracciato della funicolare

L'idea di una funicolare che collegasse l'abitato di San Pellegrino Terme, che nel 1906 era stata raggiunta dalla ferrovia della Valle Brembana, con la frazione Vetta, posta sul Pizzo del Sole e chiamata anche San Pellegrino Kulm, fu concepita dai titolari della Società Anonima Fonte Bracca, che avevano intenzione di realizzare altresì un ristorante con terrazza panoramica, secondo la moda dell'epoca.

San Pellegrino Funicolar - Panorama

Nel 1907 l'ingegner Villoresi, già progettista della funicolare Como-Brunate, venne dunque incaricato di redigere il progetto esecutivo dell'impianto. La sua realizzazione fu affidata alla Ceretti e Tanfani che avviò i lavori nel 1907[1].

La concessione governativa, della durata di 70 anni, venne rilasciata due anni dopo, il 1 luglio 1909, consentendo l'avvio dell'esercizio il successivo 7 luglio. L'approvazione definitiva della concessione, oggetto di un iter particolarmente lungo, fu rilasciata con regio decreto legislativo n. 1913 del 10 novembre 1918[1].

Nel primo dopoguerra la gestione passò alla neocostituita Società Anonima Immobiliare San Pellegrino Vetta, che dieci anni dopo lo cedette alla Società Anonima Termale Fonte Bracca[1].

Acquisita la nuova denominazione di Gestione Fonti Minerali SpA l'azienda, che aveva avviato lo sfruttamento economico della nota acqua minerale, provvedette alla revisione della funicolare fra il 1978 e il 1980 e a fare eseguire ulteriori lavori di manutenzione fra la fine del 1982 e il 1983[1].

L'esercizio solo estivo che fin dall'origine aveva caratterizzato la funicolare, attiva in pratica nella sola stagione termale fra giugno e settembre, ne penalizzò i risultati di esercizio[1] e il conseguente scarso interesse nella sua gestione indusse alla sua chiusura il 6 marzo 1989[2].

Un primo tentativo per il ripristino della funicolare fu condotto nel 1990, allorché la Regione Lombardia stanziò a tale scopo un miliardo di lire a favore del Comune di San Pellegrino Terme[3]; a tale fine il 17 febbraio 1989 la Regione stessa aveva nel frattempo provveduto ad classificare l'impianto come servizio di trasporto pubblico[4].

Un nuovo stanziamento di 5 milioni di euro da parte della Regione Lombardia permise di avviare l'iter per la ricostruzione della funicolare[5]: in seguito a un accordo fra gli enti locali interessati e il gruppo Percassi siglato il 30 novembre precedente[6], nel gennaio 2016 il Comune di San Pellegrino Terme bandì dunque l'appalto integrato per il ripristino della funicolare[7] aggiudicando nel giro di qualche mese lo stesso alla Leitner.

L'impianto doveva essere riaperto nella primavera del 2018 ma i lavori di ripristino sono continuati fino alla fine del 2019. La riapertura è prevista per l'estate 2020[8].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

San Pellegrino Funicolar - Vehicle

Progettata con una lunghezza orizzontale di 664 m ed una inclinata di 712, dislivello 295 metri[1] la funicolare presentò un tracciato definitivo di 720 m per un dislivello pari a 287 metri[9].

Il binario, a scartamento metrico, è armato con rotaie Vignoles da 30 kg/m posate su piattaforma in cemento. La pendenza risulta compresa fra il 41 e il 55 %[1].

In origine l'iimpianto era mosso da un argano azionato da un motore elettrico trifase da 34 kW realizzato da Ceretti e Tanfani così come le vetture, pesanti 12 tonnellate e capaci di trasportare 50 passeggeri[1]; ammodernate le stesse rispetto alla conformazione originaria, tale valore fu ridotto a 30 persone[9].

Dall'abitato posto sulla riva del Brembo l'impianto conduce alla frazione Vetta, a 654 metri sul livello del mare[9] ove furono realizzati alcuni complessi di pregio architettonico legati allo sfruttamento delle terme quali il Grand Hotel, il Casinò, lo Stabilimento Termale e alcune ville storiche. L'edificio originario con pianta a croce disponeva di tre locali per piano dislocati su tre livelli, cui nel tempo furono aggiunte alcune superfetazioni. La costruzione dello stesso fu avviata nel 1906 e ultimata nel 1909 con l'inaugurazione della Funicolare[10].

Oltre all'originaria fermata intermedia presso il punto d'incrocio, sito in località La Botta, nel tempo furono aggiunte le ulteriori fermate simmetriche di Paradiso e Falecchio[1].


Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Unknown route-map component "tKBHFa"
San Pellegrino Terme
Unknown route-map component "tBHF"
Paradiso
Unknown route-map component "tSPLa"
Unknown route-map component "tSPLe"
Unknown route-map component "tBHF"
Aplecchio
Unknown route-map component "tBHF"
La Botta
Unknown route-map component "tKBHFe"
La Vetta
La stazione inferiore della funicolare di San Pellegrino Terme

Nel 1989, in seguito alla chiusura dell'impianto, la stazione di partenza venne chiusa e adibita ad abitazione privata. Nel 2011, in seguito alla preparazione dell'EXPO, il fabbricato viaggiatori, la piazzetta circostante e la scalinata, vennero ristrutturati. Il fabbricato viaggiatori venne adibito a spazio espositivo e sui binari venne posizionata una delle due carrozze originali del 1909. Nel 2017 partirono i lavori di riqualificazione dell'intero immobile, sostituendo le carrozze oramai vetuste e inutilizzabili, posizionando la carrozza numero 1 sulla vicina collina, sostituendo i binari su tutto l'impianto e ammodernando l'arrivo e la partenza della stazione inferiore e superiore della funicolare[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i G. Russo, La Funicolare San Pellegrino-Vetta, op. cit.
  2. ^ Enzo Novesi, Iniziato il recupero della funicolare di S.Pellegrino Terme, 9 novembre 2010. URL consultato nell'agosto 2016.
  3. ^ Notizia su I Treni, n. 107, settembre 1990, p. 10.
  4. ^ Notizia su I Treni, n. 94, giugno 1989, p. 7.
  5. ^ San Pellegrino, rinasce la funicolare Archiviato il 20 agosto 2016 in Internet Archive., 19 aprile 2016. URL consultato nell'agosto 2016.
  6. ^ San Pellegrino, rinasce la funicolare, 1 dicembre 2015. URL consultato nell'agosto 2016.
  7. ^ Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Quinta Serie Speciale - Contratti Pubblici n.5 del 15-1-2016.
  8. ^ Bergamonews, https://www.bergamonews.it/2019/10/19/funicolare-di-san-pellegrino-apertura-prevista-per-lestate-2020/331693/
  9. ^ a b c N. Molino, La Funicolare di San Pellegrino, op. cit.
  10. ^ funicolare di san pellegrino-vetta Archiviato il 19 settembre 2016 in Internet Archive.. URL consultato nell'agosto 2016.
  11. ^ Funicolare di San Pellegrino: apertura prevista per l'estate 2020 - Bergamo News, su BergamoNews, 19 ottobre 2019. URL consultato il 31 marzo 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nico Molino, La Funicolare di San Pellegrino, in Mondo Ferroviario, n. 24, aprile 1988, p. 21.
  • Giovanni Cornolò e Francesco Ogliari, La funicolare San Pellegrino Terme - Vetta (1909 - 1988), in Si viaggia.. anche all'insù. Le funicolari d'Italia. Volume secondo (1901-1945), Arcipelago edizioni, Milano, 2006, pp. 543-562. ISBN 88-7695-325-6.
  • Guerino Russo, La Funicolare San Pellegrino-Vetta, in Strade Ferrate, n. 35, aprile 1988, pp. 53–55.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]