Fulvio Pellegrino Morato

Fulvio Pellegrino Morato, cognome originario Moreto o Moretto (Mantova, 1483 circa – Ferrara, 1548), è stato un umanista italiano, marito di Lucrezia Gozzi e padre di Olimpia Morata, visse a Ferrara presso gli Este.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Invitato dai maggiorenti della Scuola Pubblica di Vicenza, gli fu affidata una cattedra in questa città dal 1532 al 1539. A partire dal 1536 venne sorvegliato dalle autorità cittadine, perché sospettato di diffondere le idee luterane, cui era stato iniziato a Ferrara dalla duchessa Renata d'Este. Forse per queste accuse, ma senza essere molestato dai vicentini - buona parte della nobiltà professava le stesse idee - cessò dal suo incarico tre anni dopo[1].

Degno di nota fra le sue opere il Rimario di tutte le cadentie di Dante e Petrarca del 1528, considerato il primo rimario italiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Mantese, 1964, pp. 85, 759-61.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Mantese, Memorie storiche della Chiesa vicentina, III/2, Vicenza, Neri Pozza, 1964

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10190438 · ISNI (EN0000 0001 0777 1164 · SBN BVEV039658 · BAV 495/172133 · LCCN (ENnr91028781 · GND (DE1055537295 · BNE (ESXX1695161 (data) · BNF (FRcb130060559 (data)
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie