Fuerza Aérea Argentina

Fuerza Aérea Argentina
trad. Forza aerea argentina
Descrizione generale
AbbreviazioneFAA
Attiva1945 - oggi
NazioneBandiera dell'Argentina Argentina
Servizioaeronautica militare
Dimensione632 tra velivoli ed elicotteri
Battaglie/guerreGuerra delle Falkland
Parte di
forze armate argentine
Comandanti
Capo di stato maggioreBrigadier mayor Fernando Luis Mengo (29 dicembre 2023 - presente)[1]
Degni di notaBasilio Lami Dozo
Orlando Ramón Agosti
Omar Domingo Rubens Graffigna
Augusto Jorge Hughes
Teodoro Guillermo Waldner
Simboli
Coccarda
Distintivo di coda
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Fuerza Aérea Argentina, spesso abbreviata in FAA,[2] è l'attuale aeronautica militare dell'Argentina e parte integrante delle Fuerzas Armadas de la República Argentina, le forze armate della nazione sudamericana.

Nel 1945 acquisisce l'autonomia dalle forze armate continuando le tradizioni aeronautiche del precedente Servicio Aéronautico del Ejército fondato nel 1912, la quale ne fa una delle prime forze aeree mondiali ad essere costituita.

Rimasto al di fuori dei conflitti mondiali di inizio e metà del XX secolo, venne coinvolta nell'unica guerra realmente combattuta, la Guerra delle Falkland del 1982, dove si impegnò coraggiosamente per contrastare le notevoli forze navali britanniche inviate per riconquistare le isole. I suoi piloti subirono numerose perdite contro le forze aeronavali britanniche, ma inflissero a loro volta importanti danni, dimostrando valore e preparazione durante i pericolosi attacchi anti-nave portati contro la squadra navale della Royal Navy.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La Fuerza Aérea Argentina è una delle tre forze, assieme all'Ejército Argentino ed alla Armada de la República Argentina, che costituiscono le Fuerzas Armadas de la República Argentina e che godono della stessa parità di status. Al vertice dell'aeronautica militare, come delle altre forze armate, si trova il Presidente che detiene il grado di comandante in capo.

L'aeronautica militare è comandata dal Jefe del Estado Mayor General, equivalente all'italiano Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica, direttamente nominato ed eventualmente rimosso dal Presidente. Questo detiene normalmente l'equivalente grado di Generale di Brigata, il più alto grado della forza aerea. Il Capo di Stato Maggiore è coadiuvato da un generale superiore e da quattro alti ufficiali responsabili delle forze aeree dei quattro Comandi: il Comando delle operazioni aeree, il Comando di operazione aerea, il Comando del personale e il Comando materiali.

Il Comando di operazione aerea, in spagnolo Comando de Operaciones Aéreas, è il ramo dell'aeronautica militare responsabile della difesa aerea, operazioni aeree, pianificazione, formazione, supporto tecnico e logistico delle unità aeree. Subordinato al Comando delle operazioni sono le Brigate aeree (Brigadas Aéreas), le principali unità operative del settore. Attualmente sono operative un totale di otto Brigadas Aéreas. Le Brigate hanno sede nelle basi aeree militari (Base Aérea Militar, comunemente abbreviata "BAM").

Ogni brigata aerea è composta da tre gruppi, ognuno dei quali reca lo stesso numero di reparto. Questi gruppi comprendono:

  • Un Grupo Aéreo, che gestisce i velivoli assegnati alla Brigata. Il Gruppo si divide in un numero variabile di Squadroni.
  • Un Grupo Técnico, con l'incarico di manutenzione e riparazione delle unità in forza alle Brigate.
  • Un Grupo Base, responsabile della stessa base aerea, delle previsioni meteorologiche, di controllo di volo, la manutenzione della pista e di tutte le altre attività di supporto.

La composizione e dislocazione dei reparti di volo[3] è la seguente:

Escuela de Aviación Militar - Base Aérea Córdoba

I Brigada Aérea - Base Aérea El Palomar

II Brigada Aérea - Base Aérea "General Urquiza" - Paraná

III Brigada Aérea - Base Aérea Reconquista

IV Brigada Aérea - Base Aérea "El Plumerillo" - Mendoza

  • Grupo Aéreo 4 de Caza y Caza-Bombardeo
    • I Escuadrón de Caza-Bombardeo (IA-63 Pampa II)
    • III Escuadrón de Búsqueda y Rescate y Tareas Especiales (SA315B)
    • IV Escuadrón "Cruz del Sur" (Su-29AR)
    • Escuadrón Convencionales (Ce182 e RC500U)

V Brigada Aérea - Base Aérea Villa Reynolds

  • Grupo Aéreo 5 de Caza
    • I Escuadrón (OA-4AR Fightinghawk)
    • II Escuadrón (OA-4AR)
    • Escuadrón Convencionales (Ce182 e RC500U)

VII Brigada Aérea - Base Aérea "Jose C.Paz" - Aeropuerto Mariano Moreno

IX Brigada Aérea - Base Aérea "General Mosconi" - Comodoro Rivadavia

  • Grupo Aéreo de Transporte 9

Sono anche operativi i seguenti reparti di supporto:

  • Comando de Personal, responsabile dell'addestramento, l'assegnazione ed il benessere del personale della FAA. Sotto la direzione del Comando del personale c'è la scuola aerea militare, che addestra i futuri ufficiali, la scuola sottufficiali ed altre unità di formazione ed istruzione.
  • Comando de Material, che si occupa di pianificazione e di esecuzione della FAA per quanto riguarda la logistica di volo e di terra di materiale. Il comando comprende le "Quilmes" e "Río Cuarto" aree de Material (unità di riparazione e manutenzione) e l'unità logistica "El Palomar".
  • Comando de Regiones Aéreas, responsabile del controllo del traffico aereo, delle previsioni meteorologiche, della registrazione di velivoli e piloti civili, delle indagini in caso di incidente (sia civile che militare) e comunicazioni aeree. Vale anche la pena di notare che funge da autorità nazionale in materia di trasporto aereo.

Gradi[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Il grado più alto nella Fuerza Aérea Argentina è Brigadier Generale, che è riservato al Jefe del Estado mayor general de la Fuerza Aérea o al Capo di Stato maggiore delle forze armate (Jefe del Estado Mayor Conjunto de las Fuerzas Armadas Argentinas), nel caso appartenesse alla Fuerza Aérea. Il grado di Teniente general ha come corrispondente nell'Aeronautica Militare Italiana quello di Generale di squadra aerea con incarichi speciali, riservato al Capo di stato maggiore dell'Aeronautica Militare e a quello di generale che nelle forze armate italiane è riservato al Capo di stato maggiore della difesa nel caso appartenga all'Aeronautica Militare.

Distintivo di grado Equivalente NATO Grado in spagnolo grado in italiano Equivalente Aeronautica militare
OF-9 Brigadier General Brigadier Generale generale
Generale di squadra aerea con incarichi speciali
OF-8 Brigadier Mayor Brigadiere-Maggiore Generale di squadra aerea
Generale di divisione aerea
OF-7 Brigadier Brigadiere Generale di brigata aerea
OF-6 (onorario) Comodoro Mayor Commodoro Maggiore
(grado oonorario conferito ai Commodoro)
non equivalente
OF-5 Comodoro Commodoro Colonnello
OF-4 Vicecomodoro Vice-Commodoro Tenente colonnello
OF-3 Mayor Maggiore Maggiore
OF-2 Capitán Capitano Capitano
OF-1 Primer Teniente Primo tenente Tenente
Teniente Tenente sottotenente
OF-D Alférez Alfiere Non equivalente[4][5][6]

Sottufficiali e comuni[modifica | modifica wikitesto]

Distintivo di grado Equivalente NATO Grado in spagnolo grado in italiano Equivalente Aeronautica militare
OR-9 Suboficial Mayor Sottufficiale maggiore maresciallo di prima classe
OR-8 Suboficial Principal Sottufficiale principale maresciallo di seconda classe
OR-7 Suboficial Ayudante Sottufficiale aiutante sergente maggiore capo
OR-6 Suboficial Auxiliar Sottufficiale ausiliario sergente maggiore
OR-5 Cabo Principal Capo principale sergente
OR-4 Cabo Primero Primo capo Primo aviere capo
OR-3 Cabo Capo Aviere capo
OR-2 Voluntario Primero Volontario di prima classe Aviere scelto
OR-1 Voluntario Segundo Volontario di seconda classe Aviere

Aeromobili in uso[modifica | modifica wikitesto]

Sezione aggiornata annualmente in base al World Air Force di Flightglobal del corrente anno. Tale dossier non contempla UAV, aerei da trasporto VIP ed eventuali incidenti accorsi durante l'anno della sua pubblicazione. Modifiche giornaliere o mensili che potrebbero portare a discordanze nel tipo di modelli in servizio e nel loro numero rispetto a WAF, vengono apportate in base a siti specializzati, periodici mensili e bimestrali. Tali modifiche vengono apportate onde rendere quanto più aggiornata la tabella.

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2023)[7][8]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Lockheed Martin A-4AR Fightinghawk Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da attacco al suolo A-4AR 12[7][8][9] 32 A-4M e 4 TA-4F ex Marines acquistati nel 1994 ed aggiornati allo standard A-4AR Fightinghawk, consegnati tra il 1997 ed il 2000 dopo essere stati sottoposti ad un programma di aggiornamento.[8] Il programma, gestito da Lockheed Martin, comprendeva ammodernamento del motore, cellula ed avionica, con l'installazione di sensoristica allo stato dell'arte, compreso il radar AN/APG-66V2.[8] Tutti gli A-4AR sono stati messi a terra il 26 gennaio 2016 per carenza di pezzi di ricambio.[10] Il 17 febbraio 2017 il ministero della difesa ha comunicato che ogni decisione sull'acquisto di un nuovo cacciabombardiere sarà rinviata al 2018, pertanto si cercherà di mantenere operativi 12-14 A-4AR.[11]
Lockheed Martin F-16 Fighting Falcon Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti cacciabombardiere
conversione operativa
F-16AM
F-16BM
0 20 F-16AM e 4 F-16BM (equivalenti ai Block 50/52) acquistati di seconda mano dalla Flyvevåbnet danese il 16 aprile 2024.[12][13][14][15][16][17]
FMA IA-63 Pampa III Bandiera dell'Argentina Argentina aereo da attacco al suolo AT-63 Pampa III 10[7][18][19][20][21][22][23][24] 6 IA-63 Pampa III nuovi ordinati e tutti consegnati al 27 marzo 2020.[7][20][21][22][23][24][25] Ulteriori 3 Pampa III, come aggiornamento di Pampa II già in servizio, sono stati ordinati il 7 marzo 2019.[22] Ulteriori 6 Pampa III ordinati a maggio 2021, il primo dei quali è stato consegnato ad aprile 2022.[19][20][26] Un ulteriore Pampa III consegnato il 18 maggio 2023.[18]
Aerei per impieghi speciali
Learjet C-21 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo per guerra elettronica
aereo da ricognizione
Lj 35 (EW)
Lj 36 Recce
1[7][8]
1[7][8]
4 Learjet 35A per sorveglianza ed intelligence elettronica acquistati nel 1977-1981, aggiornati con nuovi equipaggiamenti, uno dei quali convertito nel 2013 come piattaforma ELINT/SIGINT.[8]
FMA IA-58 Pucará Fénix Bandiera dell'Argentina Argentina aereo da ricognizione IA-58H 1[27] Versione da ricognizione e sorveglianza dei confini subentrata alla versione da attacco leggero che è stata radiata ad ottobre 2019.[27][28][29] Questa è dotata di due nuove turboeliche Pratt & Whitney Canada PT-6A-62 migliorate, nuove eliche a quattro pale, una torretta elettro-ottica della Fixview dotata di sensori agli infrarossi, un datalink ed un radar ad apertura sintetica.[27][28][29] Al momento della presentazione risultava convertito un solo aereo, ma l'Aeronautica spera che ne vengano convertiti almeno altri due.[27] Sono 15, in totale, gli aerei che dovrebbero essere aggiornati alla nuova versione.[8][28]
Aerei per il rifornimento in volo
Lockheed KC-130 Hercules Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo per il rifornimento in volo KC-130H 2[7][30][8][31][32][33] 2 KC-130H consegnati nel 1979.[8][32][34]
Aerei da trasporto
Lockheed C-130 Hercules Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto C-130H
L-100-30
4[7][8][31][32][33]
1[30][7][8][31][32]
3 C-130E entrati in servizio dal dicembre 1968, 5 C-130H nel 1971-1975, 1 L-100 nel 1982, più 5 C-130B ex USAF nel 1992-1994, ma destinati alla cannibalizzazione.[8][32] 5 aerei sono in fase di aggiornamento il che li porterà ad allungare la vita operativa di ulteriori 20 anni.[8][32][34] L'ultimo dei cinque aerei aggiornati è stato consegnato il 22 dicembre 2022.[31] Un ulteriore C-130H ex USAF acquistato a gennaio 2023 e consegnato a giugno dello stesso anno.[35][30]
de Havilland Canada DHC-6 Twin Otter Bandiera del Canada Canada aereo da trasporto DHC-6-400 4[8][36] 8 DHC-6 consegnati, aggiornati a standard simile al Twin Otter 400 nel 2015-2018.[8] L'aggiornamento comprende nuovi motori Pratt & Whitney Canada PT6A-27 da 620shp di potenza, eliche di tipo "Paddle" Hartzell a tre pale, sistemi di frenatura di Cleveland W & B, suite avionica Rockwell Collins comprendente un radar meteo Bendix, navigatore GPS, nonché una nuova cabina di pilotaggio con schermi LCD Garmin e una nuova suite per lecomunicazioni.[36]
Saab 340 Bandiera della Svezia Svezia aereo da trasporto Saab 340B 5[8][37][38] 3 Saab 340B consegnati nel 2009.[8][38] Quattro esemplari in servizio al febbraio 2023, di cui uno acquistato nello stesso mese dalla società statunitense C&L Aerospace.[37]
Learjet 60 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo trasporto VIP Learjet 60 1[39][8][40] 1 Learjet 60 da trasporto VIP consegnato nel 1998.[8] Impiegato dalla Flota Aérea Presidencial, ma di proprietà della FAA.[39]
Boeing 737 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo trasporto VIP
aereo da trasporto
B737-500
B737-700
1[39][41]
1[42][43]
1 B737-500 consegnato nel 2014.[41] Un ulteriore B737-700 ex SAS è stato acquistato a dicembre 2020 ed è stato consegnato alla fine di aprile 2021.[42][43][44] Il B737-500 appartenente alla Flota Aérea Presidencial, da marzo 2024 è stato trasferito definitivamente alla FAA che, fino a quel momento, forniva solo gli equipaggi.[39]
Fokker F28 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi aereo da trasporto VIP F28-1000C 2[7][33][45] 6 consegnati a partire dal 1978, l'ultimo dei quali era stato ritirato a settembre 2019.[8][46] Non essendoci fondi per ordinare nuovi aerei da trasporto VIP, l'ultimo F28 ad essere stato ritirato, il TC-52, è stato riportato in condizioni di volo il 23 dicembre 2019.[45][47] Utilizzati sia per il trasporto VIP, sia per operazioni MEDEVAC.[8] Un secondo F28 (il TC-53) verrà riportato in servizio per fine 2020.[47]
Boeing 757 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto VIP B757-256 VVIP 1[48][39] 1 B757 757-23A in servizio dal 1992 al 2016.[49][48] 1 B757-256 VVIP acquistato di seconda mano da C&L Aerospace ad aprile 2023 e consegnato nel maggio dello stesso anno.[48][49][50] Appartenente alla Flota Aérea Presidencial, da marzo 2024 trasferito definitivamente alla FAA che, fino a quel momento, forniva solo gli equipaggi.[39]
Airbus C-295 Bandiera dell'Unione europea Unione europea aereo da trasporto C-295 0 2 aerei ordinati ed un requisito per 8 esemplari.[51]
Beechcraft TC-12 Huron Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto TC-12B
UC-12B
1[7]
2[7][52]
9 Beechcraft TC-12B e 1 UC-12B Huron ex US Navy acquistati ad aprile 2021, con consegne iniziate il 26 agosto 2021 e che termineranno entro il 2024.[33][52][53] Saranno utilizzati per collegamenti tra le basi e l'addestramento dei piloti destianti alla linea trasporto della forza armata.[33][52]
Embraer ERJ 140 Bandiera del Brasile Brasile aereo da trasporto ERJ-140LR 2[54][55] 2 ERJ-140LR ex American Eagle acquistati a dicembre 2023.[56] Primo esemplare consegnato ad inizio febbraio 2024.[55] Secondo esemplare consegnato a fine febbraio 2024.[54]
Basler BT-67 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da trasporto BT-67 0 Il 18 aprile 2024 il Dipartimento di Stato americano ha autorizzato l'Argentina all'acquisto di 2 BT-67, aerei che saranno utilizzati per i voli in Antartide.[57]
Aerei da addestramento
Embraer EMB-312 Tucano Bandiera del Brasile Brasile aereo da addestramento EMB-312A 12[7][8][58] 30 EMB-312A consegnati tra il 1987 ed il 1988 impiegati per l'addestramento, ma anche per missioni COIN.[8]
Grob G 120 Bandiera della Germania Germania aereo da addestramento G 120TP-A 8[7][58] 10 G 120TP-A consegnati nel 2013-2014.[8]
FMA IA-63 Pampa Bandiera dell'Argentina Argentina aereo da addestramento IA-63 Pampa I
IA-63 Pampa II
16[7][8][20][25][58] 18 IA-63 Pampa consegnati dal 1984 al 1995.[8] Nel 2000 fu assegnato a FMA-Lockheed Martin un contratto da 230 milioni di dollari per la produzione di ulteriori 12 nuovi IA-63 Pampa II e l'aggiornamento dei 17 Pampa I ancora in servizio, ma la crisi del 2001-2002 portò alla sospensione del programma e la conseguente consegna di soli 6 aerei nel 2006-2007.[8] 3 Pampa II saranno aggiornati allo standard Pampa III.[20][25][26]
Tecnam P2002 Sierra Bandiera dell'Italia Italia aereo da addestramento basico P2002JF 8[8][58] 8 presi con un contratto di leasing per 18 mesi e 5.846 ore di volo.[8][59]
Beechcraft T-6 Texan II Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti aereo da addestramento T-6C
T-6C+
12[7][60][61][62][63][64][65][66] Il fabbisogno indicato è di 24 esemplari.[64] Ad agosto 2017 sono stati ordinati 12 esemplari.[65][66] 4 esemplari saranno aggiornati alla versione T-6C+ entro novembre 2018.[8][67]
Elicotteri
Mil Mi-171 Hip Bandiera della Russia Russia elicottero da trasporto pesante Mi-171E Hip-K 2[68][8] 2 Mi-171E consegnati nel 2012.[8][68]
Bell 212 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 212A 8[7][8]
Bell 412 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 412EP 6[7][8][69] 4 ordinati e consegnati a dicembre 2017, che vanno ad integrare i due 412EP consegnati nel 2013.[7][8][66][69]
MD Helicopters MD 500 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility MD500D 8[7][8][70] 30 MD500D ricevuti a partire dal 1968.[71] 9 in servizio al gennaio 2023.[70]
Aérospatiale SA 315 Lama Bandiera della Francia Francia elicottero da addestramento SA 315B 5[7][8][72]
Bell 407 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero utility Bell 407GXi 0 3 Bell 407GXi selezionati a febbraio 2023, e ordinati il giugno successivo.[72][73][74]
Sikorsky S-70 Black Hawk Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto VIP S-70A-30 1[39][75] 1 S-70A-30 acquistato nel 1994.[75] Appartenente alla Flota Aérea Presidencial, da marzo 2024 trasferito definitivamente alla FAA che, fino a quel momento, forniva solo gli equipaggi.[39]
Sikorsky S-76 Spirit Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti elicottero da trasporto VIP S-76B 1[39][76] 2 S-76B acquistati nel 1996.[76] Appartenenti alla Flota Aérea Presidencial, da marzo 2024 trasferiti definitivamente alla FAA che, fino a quel momento, forniva solo gli equipaggi.[39]

Aeromobili ritirati[modifica | modifica wikitesto]

Programmi futuri[modifica | modifica wikitesto]

In una intervsita presente nel sito web infodefensa.com il comandante in capo dell'Aeronautica militare argentina Xavier Isaac definiva il MiG-35 come uno dei candidati per il nuovo caccia.[81]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "EL GOBIERNO ARGENTINO DESIGNA A SU NUOVA CÚPULA MILITAR", su infodefensa.com, 3 gennaio 2024, URL consultato il 8 gennaio 2024.
  2. ^ Munro, Bob (a cura di), Central and South America, in The World's Air Forces, London, Salamander books, 1991, pp. p.26.
  3. ^ Aggiornata al 1 giugno 2016.
  4. ^ Nell'Aeronautica Militare Italiana esiste la qualifica di Aspirante ufficiale che è una qualifica conseguita dagli allievi frequentatori dell'Accademia Aeronautica all'inizio del terzo anno di studi, ma differenza di quanto accade per gli aspiranti guardiamarina della Marina Militare, quello di aspirante non è un grado militare, ma una qualifica per un allievo dell'Aeronautica Militare, infatti il primo grado nella forza armata è quello di sottotenente, ottenuto dopo non meno di quattro anni di studi e in occasione del cui conferimento viene effettuato il giuramento di fedeltà alla Repubblica da ufficiale
  5. ^ Ministero Dell'Interno - Legislazione, su interno.it. URL consultato il 2 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2011).
  6. ^ Commissione difesa seduta di giovedì 15 settembre 1977 (PDF), su legislature.camera.it. URL consultato il 2 dicembre 2010.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u (EN) World Air Force 2024 (PDF), su Flightglobal.com, p. 12. URL consultato il 6 dicembre 2023.
  8. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar "L'Aeronautica Argentina" - "Rivista italiana difesa" N. 10 - 10/2019 pp. 74-79
  9. ^ "L’Argentina invia a Mosca una RFQ per 15 MiG-29", su analisidifesa.it, 9 marzo 2017, URL consultato il 10 marzo 2017.
  10. ^ "ARGENTINIAN MoD CONFIRMS ALL FIGHTERS GROUNDED" (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2016)., su janes.com, 29 gennaio 2016, URL consultato il 19 ottobre 2016.
  11. ^ "Keeping Argentine A-4ARs airworthy will challenge maintenance lines" (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2017), su janes.com, 17 febbraio 2017, URL consultato il 18 febbraio 2017.
  12. ^ "DENMARK SIGNS DEAL WITH ARGENTINA TO SELL 24 F-16 AIRCRAFT", su defensemirror.com, 16 aprile 2024, URL consultato il 16 aprile 2024.
  13. ^ "SE ACABÓ LA ESPERA! ARGENTINA FIRMÓ LA ADQUISICIÓN DE 24 CAZAS F-16 A DINAMARCA PARA LA FUERZA AÉREA!", su aviacionline.com, 16 aprile 2024, URL consultato il 16 aprile 2024.
  14. ^ "ARGENTINE AIR FORCE FIGHTING FALCON SIGHTED", su scramble.nl, 16 aprile 2024, URL consultato il 16 aprile 2024.
  15. ^ "ARGENTINA FIRMA UNA CARTA DE INTECIÓN CON DINAMARCA PARA LA COMPRA DE LOS F-16", su infodefensa.com, 27 marzo 2024, URL consultato il 28 marzo 2024.
  16. ^ "F-16 PARA ARGENTINA: EL RIESGO INELUDIBLE DE QUE SEA SUFICIENTE", su aviacionline.com, 27 marzo 2024, URL consultato il 28 marzo 2024.
  17. ^ "LE DANEMARK VEND 24 GENERAL DYNAMICS F-16MLU FIGHTING FALCON À L’ARGENTINE", su avionslegendaires.net, 30 marzo 2024, URL consultato il 30 marzo 2024.
  18. ^ a b "FADEA DELIVERS A NEW PAMPA, PRESENTS PUCARÁ COCKPIT MODERNISATION", su janes.com, 23 maggio 2023, URL consultato il 24 maggio 2023.
  19. ^ a b "ENTREGADO UN IA-63 PAMPA III A LA FUERZA AÉREA ARGENTINA", su defensa.com, 28 aprile 2022, URL consultato il 28 aprile 2022.
  20. ^ a b c d e "L'AERONAUTICA ARGENTINA ORDINA SEI IA-63 PAMPA III BLOCK II"., su aresdifesa.it, 19 maggio 2021, URL consultato il 23 maggio 2021.
  21. ^ a b "OTRO PAMPA III PARA LA FUERZA AÉREA ARGENTINA"., su defence-blog.com, 20 novembre 2019, URL consultato il 26 novembre 2019.
  22. ^ a b c "ARGENTINA ORDERS THREE MORE PAMPA IIIs"., su janes.com, 11 marzo 2019, URL consultato il 21 marzo 2019.
  23. ^ a b "FADEA ENTREGA EL CUARTO PAMPA III A LA FUERZA AÉREA ARGENTINA"., su defence-blog.com, 18 settembre 2019, URL consultato il 1 ottobre 2019.
  24. ^ a b "ARGENTINE AIR FORCE RECEIVED THREE IA 63 PAMPA III AIRCRAFT"., su defence-blog.com, 7 dicembre 2018, URL consultato il 8 dicembre 2018.
  25. ^ a b c "FIRST SERIES PRODUCTION PAMPA III MAKES MAIDEN FLIGHT"., su janes.com, 24 settembre 2018, URL consultato il 25 settembre 2018.
  26. ^ a b "ARGENTINE AIR FORCE ORDERS SIX IA-63 PAMPA III TRAINER AND LIGHT COMBAT AIRCRAFT"., su militaryleak.com, 19 maggio 2021, URL consultato il 23 maggio 2021.
  27. ^ a b c d e "ARGENTINA RE-ROLES PUCARÁ FROM LIGHT STRIKE TO SURVEILLANCE"., su janes.com, 8 ottobre 2019, URL consultato il 9 ottobre 2019.
  28. ^ a b c d "FENIX, LA RENAISSANCE DU LÉGENDAIRE PUCARÁ ARGENTIN"., su avionslegendaires.net, 11 ottobre 2019, URL consultato il 14 ottobre 2019.
  29. ^ a b c "ARGENTINA REEMPLAZA A SUS AVIONES PUCARÁ CON LOS NUEVOS FÉNIX" (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2019), su infodefensa.com, 7 ottobre 2019, URL consultato il 9 ottobre 2019.
  30. ^ a b c "OTRO C-130H HERCULES PARA LA FUERZA AÉREA ARGENTINA", su infodefensa.com, 8 giugno 2023, URL consultato il 8 giugno 2023.
  31. ^ a b c d "LA FUERZA AÉREA ARGENTINA RECIBIÓ UN NUEVO C-130 HERCULES MODERNIZADO"., su infodefensa.com, 27 dicembre 2022, URL consultato il 1 gennaio 2023.
  32. ^ a b c d e f "EL C-130 HERCULES ACAPARA LATINOAMÉRICA CON MEDIO CENTENAR DE AVIONES EN 11 PAÍSES"., su infodefensa.com, 11 luglio 2022, URL consultato il 22 novembre 2022.
  33. ^ a b c d e "ARGENTINA PROGRESSES AIRCRAFT PROCUREMENT AND UPGRADES", su janes.com, 30 aprile 2020, URL consultato il 8 maggio 2020.
  34. ^ a b "Argentina. Aggiornato il primo Hercules" - "Aeronautica & Difesa" N. 365 - 03/2017 pag. 68
  35. ^ "L’US AIR FORCE REVEND UN DE SES VIEUX C-130H HERCULES À L’ARGENTINE", su avionslegendaires.net, 24 gennaio 2023, URL consultato il 24 gennaio 2023.
  36. ^ a b "ARGENTINA RECEIVES FOURTH UPGRADED AIR FORCE DHC-6 TWIN OTTER" (archiviato dall'url originale il 30 agosto 2017), su janes.com, 29 agosto 2017, URL consultato il 30 agosto 2017.
  37. ^ a b "LA FUERZA AÉREA ARGENTINA INCORPORA OTRO SAAB 340B", su defensa.com, 16 febbraio 2023, URL consultato il 21 febbraio 2023.
  38. ^ a b "SAAB 340"., su avionslegendaires.net, 20 novembre 2019, URL consultato il 21 novembre 2019.
  39. ^ a b c d e f g h i j "EL REGALO ENVENENADO DE MILEI A LA FUERZA AÉREA ARGENTINA", su defensa.com, 11 marzo 2024, URL consultato il 14 marzo 2024.
  40. ^ defensa.com/ "EL FIN DE LA FLOTA AÉREA PRESIDENCIAL ARGENTINA", su defensa.com, 26 gennaio 2016, URL consultato il 4 novembre 2017
  41. ^ a b (EN) Fuerza Aérea Argentina Fleet Details and History, su planespotters.net. URL consultato il 21 febbraio 2021.
  42. ^ a b "LA FUERZA AÉREA ARGENTINA INCORPORA UN AVIÓN BOEING 737-700". URL consultato il 1º maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2021)., su infodefensa.com, 28 aprile 2021, URL consultato il 1 maggio 2021.
  43. ^ a b "ARGENTINA AIR FORCE INDUCTS BOEING 737, ITS FIRST NEW TRANSPORT PLANE IN 15 YEARS"., su defenseworld.net, 1 maggio 2021, URL consultato il 1 maggio 2021.
  44. ^ "NEW B737 FOR FUERZA AÉREA ARGENTINA", su scramble.nl, 5 aprile 2021, URL consultato il 5 aprile 2021.
  45. ^ a b "FAA RETURNS F28 TO SERVICE"., su janes.com, 2 gennaio 2020, URL consultato il 2 gennaio 2020.
  46. ^ "LA FUERZA AÉREA ARGENTINA DA FE BAJA A ÚLTIMO BIRREACTOR DE TRANSPORTE FOKKER F28"., su defensa.com, 3 settembre 2019, URL consultato il 4 settembre 2019.
  47. ^ a b "FOKKER F-28 DE LA FUERZA AÉREA ARGENTINA: GLORIA Y RESURRECCIÓN", su defensa.com, 24 maggio 2020, URL consultato il 25 maggio 2020.
  48. ^ a b c d "EL AVIÓN PRESIDENCIAL DE ARGENTINA EN ESPANA", su defensa.com, 22 maggio 2024, URL consultato il 22 maggio 2024.
  49. ^ a b c "IL NUOVO AEREO PRESIDENZIALE ARGENTINO", su aresdifesa.it, 23 aprile 2023, URL consultato il 23 aprile 2023.
  50. ^ (ES) Buenos Aires recibe en medio de la polémica el nuevo avión presidencial Boeing 757, su infodefensa.com, 29 maggio 2023. URL consultato il 5 dicembre 2023.
  51. ^ "Argentina: si riequipaggiano le forze armate" - "Aeronautica & Difesa" N. 364 - 02/2017 pag. 77
  52. ^ a b c "DELIVERY OF FIRST ARGENTINIAN AIR FORCE HURON"., su scramble.nl, 26 agosto 2021, URL consultato il 30 agosto 2021.
  53. ^ "HURONS FOR ARGENTINA", su scramble.nl, 23 aprile 2021, URL consultato il 25 aprile 2021.
  54. ^ a b "LLEGA EL SEGUNDO ERJ140LR PARA LA FUERZA AÉREA ARGENTINA", su defensa.com, 20 febbraio 2024, URL consultato il 20 febbraio 2024.
  55. ^ a b "LA FUERZA AÉREA ARGENTINA RECIBIÓ SU PRIMER EMBRAER ERJ-145LR", su defensa.com, 7 febbraio 2024, URL consultato il 8 febbraio 2024.
  56. ^ "TWO ERJ140LR FOR ARGENTINA", su scramble.nl, 17 dicembre 2023, URL consultato il 17 dicembre 2023.
  57. ^ "ARGENTINA GOES BASLER", su scramble.nl, 19 aprile 2024, URL consultato il 19 aprile 2024.
  58. ^ a b c d "Il ritorno del trainer" - "Aeronautica & Difesa" N. 372 - 10/2017 pp. 60-61
  59. ^ "L'Argentina sceglie il Tecnam P2002JF" - "Aeronautica & Difesa" N. 361 - 11/2016 pag. 27
  60. ^ "OTROS DOS AVIONES TEXAN II PARA LA FUERZA AÉREA ARGENTINA", su defensa.com, 28 febbraio 2019, URL consultato il 1 marzo 2019.
  61. ^ "ARGENTINA RECEIVES FURTHER TEXAN IIs, ASSIGNS TUCANOS TO BORDER PATROL MISSION" (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2018), su janes.com, 27 giugno 2018, URL consultato il 27 giugno 2018.
  62. ^ "ARGENTINE AIR FORCE RECEIVES TEXAN IIs" (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2017), su janes.com, 3 ottobre 2017, URL consultato il 3 ottobre 2017.
  63. ^ "ARGENTINA RECEIVES FIRST TEXAN II TRAINERS" (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2017), su janes.com, 29 settembre 2017, URL consultato il 29 settembre 2017.
  64. ^ a b "Argentina. Luce verde per i T-6C" - "Aeronautica & Difesa" N. 361 - 11/2016 pag. 64
  65. ^ a b "ARGENTINA MOVING FORWARD ON MULTIPLE DEFENCE ACQUISITIONS" (archiviato dall'url originale il 1º agosto 2017)., su janes.com, 1 agosto 2017, URL consultato il 1 agosto 2017.
  66. ^ a b c "ARGENTINA TO RECEIVE FIRST TEXAN IIs IN OCTOBER, BUY BELL 412s" (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2017), su janes.com, 14 agosto 2017, URL consultato il 14 agosto 2017.
  67. ^ "Argentina. Aggiornamento per 4 T-6" - "Aeronautica & Difesa" N. 384 - 10/2018 pag. 66
  68. ^ a b "LES GALÈRES DE LA FUERZA AÉREA ARGENTINA AVEC SES DEUX MI-171 HIP-K", su avionslegendaires.net, 11 settembre 2023, URL consultato il 11 settembre 2023.
  69. ^ a b "ARGENTINA RECEIVES BELL 412EP HELOS" (archiviato dall'url originale il 12 dicembre 2017), su janes.com, 12 dicembre 2017, URL consultato il 12 dicembre 2017.
  70. ^ a b "FAUTE DE MOYENS FINANCIERS L’ARGENTINE PROLONGE LA CARRIÈRE DE SES HUGHES 500D", su avionslegendaires.net, 3 gennaio 2023, URL consultato il 3 gennaio 2023.
  71. ^ "Hughes 369/500/H-6 IN FUERZA AÉREA ARGENTINA"., su helis.com, URL consultato il 3 gennaio 2023.
  72. ^ a b "ARGENTINIAN MILITARY ORDERS BELL 407", su scramble.nl, 26 dicembre 2022, URL consultato il 26 dicembre 2022.
  73. ^ "ARGENTINA FORMALIZA LA COMPRA DE SEIS HELICÓPTEROS BELL 407 GXI POR 32,4 MILLONES DE DÓLARES"., su defensa.com, 1 febbraio 2023, URL consultato il 1 febbraio 2023.
  74. ^ "SEI ELICOTTERI BELL 407GXi ALLA ARGENTINA", su aresdifesa.it, 3 giugno 2023, URL consultato il 4 giugno 2023.
  75. ^ a b "SIKORSKY S-70 H-60 IN FUERZA AÉREA ARGENTINA", su helis.com, URL consultato il 22 giugno 2023.
  76. ^ a b "SIKORSKY S-76 IN FUERZA AÉREA ARGENTINA", su helis.com, URL consultato il 14 febbraio 2024.
  77. ^ "ARGENTINA INICIA EL PROCESO DE COMPRA DE CUATRO HELICÓPTEROS BOEING CH-47 CHINOOK"., su aviacionline.com, 11 giugno 2022, URL consultato il 3 luglio 2022.
  78. ^ "BOEING-VERTOL CH-47C CHINOOK IN FUERZA AÉREA ARGENTINA", su helis.com, URL consultato il 3 luglio 2022.
  79. ^ "Argentina. Upgrade ai Pucará" - "Aeronautica & Difesa" N. 365 - 03/2017 pag. 71
  80. ^ a b c d L'Argentina ritira i Mirage" - "Aeronautica & Difesa" N. 349 - 11/2015 pp. 60-61.
  81. ^ X. Isaac (Argentina): "La prioridad absoluta está en la búsqueda de un avión de 4º generación", su infodefensa.com. URL consultato il 17 ottobre 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Peacock, Lindsay (a cura di), World Air Forces, Coulsdon, UK, Jane's Information Group Ltd., 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137228353 · ISNI (EN0000 0001 0691 774X · LCCN (ENn82075766