Chiesa di Santa Maria dell'Umiltà (Roma)

Chiesa di Santa Maria dell'Umiltà
Scorcio della facciata
StatoBandiera dell'Italia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
Coordinate41°53′59.5″N 12°29′00.4″E
Religionecattolica di rito romano
Diocesi Roma
Stile architettonicobarocco
Inizio costruzione1601
Completamento1641

La chiesa di Santa Maria dell'Umiltà è un luogo di culto cattolico del centro storico di Roma, situato nel rione Trevi, in via dell'Umiltà.

Storia e descrizione

[modifica | modifica wikitesto]

Essa venne costruita nella prima metà del XVII secolo ed ebbe come committente Francesca Baglioni, vedova di Francesco Orsini, che oltre alla chiesa fece costruire anche un annesso monastero,[1] destinato in origine alle nobildonne romane cadute in povertà, ma che col tempo divenne uno dei più esclusivi conventi della città, ed arrivò ad abbracciare l'intero isolato.

Nel 1703 la facciata fu ricostruita da Carlo Fontana. Fu poi rifatta nel 1859 da Andrea Busiri Vici, architetto di Pio IX e principale architetto del Vaticano anche dopo l'Unità d'Italia, inglobandola nella facciata del convento che era stato destinato a convitto e sopraelevato di un piano. Dopo l'Unità infatti chiesa e convento furono affidati alla Congregazione di Propaganda Fide che trasformò il convento in convitto per studenti di teologia del Nordamerica. Ancora oggi è sede del Pontificio Collegio Nordamericano.

L'interno della chiesa è ad un'unica navata, con decorazioni settecentesche di Carlo Fontana. Vi si possono ammirare:

Nella chiesa è presente anche un piccolo organo, di appena 10 registri, di Aristide Cavaillé-Coll risalente al 1868.

  1. ^ bibliotecaviterbo.it, https://www.bibliotecaviterbo.it/biblioteca-e-societa/1997_3/Mancini.pdf.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàGND (DE4581834-4