Carlo III di Navarra

Carlo III di Navarra
Carlo III di Navarra, acquerello del XVII secolo raffigurante una vetrata della cattedrale di Évreux
Re di Navarra
Stemma
Stemma
In carica1º gennaio 1387 –
8 settembre 1425
PredecessoreCarlo II
SuccessoreBianca I con Giovanni II
Duca di Nemours
In carica9 giugno 1404 –
8 settembre 1425
Predecessoretitolo creato
Successoretitolo estinto
Altri titoliConte d'Évreux
NascitaMantes-la-Jolie, 22 luglio 1361
MorteOlite, 8 settembre 1425 (64 anni)
Luogo di sepolturaCattedrale di Santa Maria la Reale
Casa realeCasa di Évreux
PadreCarlo II di Navarra
MadreGiovanna di Francia
ConsorteEleonora di Castiglia
FigliGiovanna
Maria
Bianca
Beatrice
Isabella
Carlo
Luigi
Margherita
ReligioneCattolicesimo
Statua di Carlo III nel viale che porta il suo nome a Pamplona.

Carlo III di Navarra, detto il Nobile (Mantes-la-Jolie, 22 luglio 1361Olite, 8 settembre 1425), fu re di Navarra dal 1387 fino alla sua morte, conte di Évreux dal 1387 al 1404 e duca di Nemours dal 1404 fino alla sua morte.

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Carlo era il figlio maschio primogenito del re di Navarra e conte di Évreux Carlo II il Malvagio e di Giovanna di Francia, figlia del re di Francia Giovanni II il Buono e Bona di Lussemburgo.[1][2][3][4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1370, per garantire il buon comportamento di suo padre nei confronti del re di Francia, Carlo fu lasciato come ostaggio alla corte francese di Carlo V[1]. Carlo rimase alla corte del re di Francia fino al 1381[1].

Nel 1373, per armonizzare i rapporti con la Castiglia, fu concordato il matrimonio di Carlo con Eleonora Enriquez[1], figlia secondogenita del re di Castiglia e León Enrico II di Trastamara e di Giovanna Manuele, figlia ultimogenita dello scrittore e uomo politico Giovanni Manuele di Castiglia, duca di Penafiel (discendente di Ferdinando III di Castiglia, che era suo nonno, mentre Alfonso X di Castiglia era suo zio) e della sua terza moglie, Bianca de la Cerda (1311 - 1347), figlia di Fernando de la Cerda[5] (1272 - 1333) e di Giovanna Núñez di Lara (1286 - 1351), detta la Palomilla[6]. Il matrimonio fu celebrato a Soria il 27 maggio del 1375[1].

Nel 1378 il conte di Foix catturò alcuni agenti del re di Navarra e provò al re di Francia Carlo V il Saggio, che il re di Navarra, Carlo il Malvagio, nel 1370, poi nel 1372 e infine nel 1378, aveva progettato la divisione del regno di Francia con il re d'Inghilterra e inoltre aveva organizzato un complotto per avvelenare Carlo V. Quest'ultimo senza esitare fece occupare i territori normanni del re di Navarra, proprio mentre Carlo il Nobile si trovava in Normandia per conto del padre, alla testa di una delegazione che avrebbe dovuto parlamentare venne con Carlo V. Carlo il Nobile, che continuava a essere in ostaggio del re di Francia, fu costretto a ripudiare il padre. Nel contempo la Navarra veniva attaccata dal re di Castiglia Enrico II di Trastamara, alleato della Francia, che l'invase, assediò Pamplona e tolse una quindicina di castelli a Carlo il Malvagio, che, sempre nel 1378, dovette subire l'umiliante pace della Castiglia (secondo trattato di Briones), dove riconobbe alla Castiglia la proprietà, per dieci anni, dei castelli conquistati dai castigliani.

Carlo il Nobile succedette al padre come Carlo III, re di Navarra e conte di Évreux, il 1º gennaio 1387[1], quando Carlo il Malvagio morì, avvolto dalle fiamme, a causa di un terribile incidente. Carlo fu incoronato a Pamplona il 13 febbraio 1390[1].

Statua sulla tomba di Carlo III, cattedrale di Pamplona.

Nel 1390 intervenne nella questione del grande scisma, aperto dalla doppia elezione del papa Urbano VI e dell'[antipapa Clemente VII]], entrambi eletti nel corso del 1378. Dopo avere inviato, negli anni precedenti, ambascerie a Avignone, Roma e Napoli, per ascoltare tutte le testimonianze dei cardinali presenti all'elezione di Urbano VI, il 6 febbraio del 1390, pronunciò il consenso a Clemente VII. Carlo mantenne l'appoggio ai papi di Avignone sino al 1415, quando tolse l'appoggio all'antipapa Benedetto XIII ed inviò i suoi rappresentanti al concilio di Costanza per porre fine allo scisma d'Occidente.

Sempre nel 1390 la moglie Eleonora, con le figlie più piccole, ritornò in Castiglia, per la successione al trono, dopo la morte del fratello, Giovanni I di Trastamara, lasciando però la figlia primogenita, Giovanna, alla corte di Navarra[1], affinché Carlo la potesse educare come erede al trono di Navarra. Solo nel febbraio del 1395 il nuovo re di Castiglia, il nipote Enrico III, costrinse Eleonora a ritornare in Navarra[1].

Nei primi anni di regno Carlo aveva recuperato il rapporto con il cognato, il re di Castiglia, Giovanni I di Trastamara, tanto da partecipare ad alcune spedizioni contro il regno di Granada, pur continuando a mantenere buoni rapporti con il regno d'Inghilterra, tradizionale alleato di suo padre. Inaugurando poi una politica matrimoniale migliorò i rapporti oltre che con la Castiglia anche con l'Aragona e con i vicini feudi francesi in special modo con i conti di Foix.

Dal 1397 al 1406 Carlo visse alla corte del re di Francia, Carlo VI il Beneamato[1][7], dove subì pressioni affinché rinunciasse definitivamente alle sue pretese sulle contee di Champagne e Brie e cedesse al regno di Francia le contee di Évreux e di Beaumont-le-Roger, finché, a Parigi, il 9 giugno 1404, rinunciò definitivamente alle contee succitate[1], migliorò le relazioni anche con la corte del re di Francia, tanto da ottenere in cambio il Ducato di Nemours[1].

Carlo, tornato definitivamente in Navarra nominò a tutte le più importanti cariche amministrative e di governo navarresi e non più francesi, come aveva fatto suo padre, portando il regno e quindi la casa di Évreux alla navarrizzazione; inoltre tra i suoi interventi si deve annoverare la creazione della «Cort» o tribunale supremo (1413).

Per l'erede al trono del regno di Navarra creò il titolo di Principe di Viana (1423) e il primo principe fu suo nipote Carlo. Protesse le arti, portò a termine la costruzione della cattedrale gotica di Pamplona e fece costruire i palazzi reali di Tafalla e di Olite. Morì a Olite l'8 settembre 1425[1], e fu sepolto nella cattedrale di Pamplona[1], dove raggiunse la moglie Eleonora[1], già deceduta da una decina d'anni.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Carlo ed Eleonora ebbero nove figli; poi Carlo ebbe cinque figli illegittimi da Maria Miguel de Esparza; da un'altra amante, della quale non si conoscono né il nome né gli ascendenti, un figlio.[1][2][3][8]

Da Eleonora ebbe:

Da Maria Miguel de Esparza ebbe:

  • Lancillotto o Lanzarotto (1386-1420), religioso;
  • Goffredo (1394-1429/1432), fu maresciallo del regno di Navarra e conte di Cortes, ma fu privato di tutti i suoi titoli e possedimenti, nel 1429, dalla sorellastra, Bianca e da Giovanni II. Sposò Teresa Ramirez che gli diede due figli;
  • Giovanna (?-1456), che nel 1396 sposò Íñigo Ortiz de Zúñiga e nel 1420, in seconde nozze, il cugino Luigi de Beaumont, Conte di Lerín;
  • Lionello (?- dopo il 1441);
  • Maria, che fu suora.

Dall'amante ignota ebbe:

  • Francesco (?-1418/1421).

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Luigi d'Évreux Filippo III di Francia  
 
Maria di Brabante  
Filippo III di Navarra  
Margherita d'Artois Filippo d'Artois  
 
Bianca di Bretagna  
Carlo II di Navarra  
Luigi X di Francia Filippo IV di Francia  
 
Giovanna I di Navarra  
Giovanna II di Navarra  
Margherita di Borgogna Roberto II di Borgogna  
 
Agnese di Francia  
Carlo III di Navarra  
Filippo VI di Francia Carlo di Valois  
 
Margherita d'Angiò  
Giovanni II di Francia  
Giovanna di Borgogna Roberto II di Borgogna  
 
Agnese di Francia  
Giovanna di Valois  
Giovanni I di Boemia Enrico VII di Lussemburgo  
 
Margherita di Brabante  
Bona di Lussemburgo  
Elisabetta di Boemia Venceslao II di Boemia  
 
Guta d'Asburgo  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (EN) Reali di Navarra
  2. ^ a b (EN) Capetingi di Navarra- genealogy
  3. ^ a b (EN) Carlo III di Navarra PEDIGREE
  4. ^ (DE) Carlo II di Navarra genealogie mittelalter Archiviato il 10 marzo 2011 in Internet Archive.
  5. ^ Fernando de la Cerda era figlio secondogenito di Ferdinando de la Cerda (figlio del re di Castiglia e León Alfonso X il Saggio e di Violante d'Aragona) e di Bianca di Francia (1253 – 1320), figlia del re di Francia Luigi IX il Santo e di Margherita di Provenza
  6. ^ Giovanna Núñez di Lara era la figlia di Giovanni Núñez di Lara, detta il Gordo, signore di Lara e sovrano di Biscaglia e di Teresa Álvarez de Azagra Signora di Albarracín. Bianca de La Cerda era ereditiera dei possedimenti della famiglia Lara nonché della signoria di Biscaglia
  7. ^ Carlo VI, dopo essere stato colto da pazzia, a partire dal 1392 cominciava a essere denominato il Pazzo.
  8. ^ (DE) Carlo III di Navarra genealogie mittelalter Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive.
  9. ^ Come risulta da un documento del gennaio 1406

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. Coville, Francia. La guerra dei cent'anni (fino al 1380), in «Storia del mondo medievale», vol. VI, 1999, pp. 608–641.
  • Guillaime Mollat, I papi di Avignone e il grande scisma, in «Storia del mondo medievale», vol. VI, 1999, pp. 531–568.
  • W.T. Waugh, I concilii di Costanza e di Basilea, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 5–56.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Navarra Successore
Carlo II di Navarra
13491387
13871425 Bianca di Navarra
14251441
Controllo di autoritàVIAF (EN11122826 · ISNI (EN0000 0000 5488 8034 · CERL cnp01150892 · LCCN (ENn79063956 · GND (DE134172868 · BNE (ESXX878116 (data) · BNF (FRcb155533698 (data) · J9U (ENHE987007360411905171