Amago Hisayuki

Amago Yoshihisa[1] (尼子 久幸?; ... – 1541) è stato un samurai giapponese del periodo Sengoku appartenente al clan Amago.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hisayuki fu il secondo figlio di Amago Kiyosada e fratello minore di Amago Tsunehisa. Era considerato un leader capace anche se cauto.

Quando Tsunehisa fu bandito dal castello di Gassan-Toda nel 1486 dopo aver pianificato di rendersi indipendente dal clan Kyōgoku, Hisayuki, che non era ancora diventato maggiorenne, fu a lungo posto sotto la protezione dei Takeda nel castello di Kanayama, dove compì il suo genpuku (cerimonia di raggiungimento della maggiore età). Quando Tsunehisa riprese possesso di Gassan-Toda, Hisayuki tornò dal fratello diventandone uno dei più importanti generali. Nel 1516 sposò la figlia di Takeda Motoshige quando questi ultimi interruppero i legami con gli Ōuchi e si allearono con gli Amago. Nel 1525, otto anni dopo la morte di Motoshige, Hisayuki guidò una forza per aiutare i Takeda quando furono minacciati dagli Ōuchi[2].

Nel 1518 il figlio di Tsunehisa, Masahisa, fu ucciso attaccando il castello del servitore ribelle degli Amago Sakurai Sōteki (桜井 宗的?). Tsunehisa fu colpito dal dolore quando sentì la notizia e pensò di ritirarsi a favore di Hisayuki ma quest'ultimo gli fece cambiare idea.

Nel 1540, dopo che Tsunehisa si era ritirato in favore di suo nipote Haruhisa, quest'ultimo iniziò una grande campagna per distruggere i Mōri della provincia di Aki. Quando un consiglio dei servitori degli Amago fu chiamato a discutere la pianificazione della spedizione, quasi tutti parlarono a favore dell'attacco. Hisayuki, tuttavia, considerò i rischi troppo grandi e si dichiarò contrario, sostenendo che sarebbe stato necessario adottare un approccio più cauto per sconfiggere Motonari. Per questo fu deriso da Tsunehisa e marcato come codardo; venne soprannominato il timido Yasu. Lui e suo nipote Kunihisa furono inviati contro il clan Shishido della provincia di Aki in quella che fu un'operazione secondaria della prossima campagna contro la capitale dei Mōri a Yoshida-Koriyama. Alla fine di quella che divenne la fallita battaglia di Haruhisa di Yoshida-Koriyama, le truppe Môri e Ōuchi attaccarono improvvisamente gli Amago mentre si ritiravano e causarono un tale caos tra i ranghi che lo stesso Haruhisa fu in pericolo di morte. Hisayuki caricò le linee nemiche per coprire Haruhisa e fu ucciso.

Il suo corpo fu sepolto a Kōriyama dai Mōri. La sua lapide porta il nome Yoshikatsu (義勝?).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Amago" è il cognome.
  2. ^ (EN) Amako Hisayuki, su wiki.samurai-archives.com. URL consultato il 5 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2019).