Alfred Nobel

Alfred Nobel nel 1883 circa
Firma di Alfred Nobel

Alfred Bernhard Nobel (pronuncia svedese [ˈǎlfrɛd 'bæːɳhaɖ nʊˈbɛl][1] ascolta; Stoccolma, 21 ottobre 1833Sanremo, 10 dicembre 1896) è stato un chimico, imprenditore e filantropo svedese.

È noto per essere stato l'inventore della dinamite e l'ideatore e fondatore del premio Nobel.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Lontano discendente dello scienziato e scrittore svedese del XVII secolo Olof Rudbeck[2][3] e membro della famiglia Nobel (eminente dinastia di industriali svedesi), nacque da Immanuel Nobel, detto "il Giovane", a sua volta inventore e ingegnere, e da Karolina Ahlsell. Il padre, dopo una bancarotta, si trasferì con moglie e figli a San Pietroburgo, in Russia, nel 1838, dove riuscì a risollevare le economie di famiglia, entrando nell'industria degli armamenti russi.

Alfred venne qui istruito privatamente[4], eccellendo soprattutto in lingue straniere e in chimica[3] (ebbe come insegnante privato lo scienziato Zinin[3]). All'epoca, l'industria degli esplosivi era ferma alla polvere da sparo; tuttavia, erano già in atto promettenti esperimenti chimici sui nitrati come, ad esempio, il nitrobenzene, la nitronaftalina e l'acido picrico[5]. Nel 1850 il giovane Alfred Nobel giunse a Parigi, dove frequentò i laboratori dello scienziato Théophile-Jules Pelouze e incontrò il professor Ascanio Sobrero,[6] che, pochi anni prima, nel 1847, aveva inventato la nitroglicerina[7]. Due anni dopo, nel 1852, si stabilì negli Stati Uniti, dove perfezionò gli studi chimici[4], collaborando con l'ingegnere minerario Ericsson e brevettando qui anche il primo contatore a gas; nel frattempo, in Russia, l'azienda del padre si accingeva a costruire gli armamenti per la guerra di Crimea. Di estrema importanza furono gli investimenti della famiglia Nobel presso Baku, nell'attuale Azerbaigian.

L’estrazione della nafta e la conseguente raffinazione rese i Nobel tra i primi magnati dell'industria petrolifera.[senza fonte]

L'invenzione della dinamite[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Dinamite.

Tornato in Europa, nel 1856, Nobel brevettò una serie di perfezionamenti per le bombe. Inventò un primo detonatore relativamente sicuro nel 1863, mentre due anni dopo inventò il primo tappo di sabbiatura. Purtroppo, il 3 settembre 1864, Emil, il fratello più giovane, perse la vita durante una grave esplosione nel capannone-laboratorio. Altri incidenti meno gravi con la nitroglicerina accaddero nei mesi successivi, finché Alfred, in uno stabilimento di Geesthacht, in Germania, riuscì a perfezionare l'uso della stessa, attraverso una polvere inerte composta da farina fossile e, in seguito, anche di semplice segatura compressa, rendendo quindi l'esplosivo più maneggevole, solido e stabile. Nacque così la dinamite, il cui brevetto però venne depositato soltanto agli inizi del 1867. L'invenzione gli consentì, in breve tempo, di aprire società e laboratori in una ventina di paesi esteri, fra cui uno dei più grandi stabilimenti proprio in Italia, presso la località Valloja di Avigliana, nelle vicinanze di Torino.[8] Socio francese di Nobel e suo rappresentante in Francia fu l'abile imprenditore e politico francese Paul Barbe, assai più spregiudicato dell'inventore.

Assommando la disponibilità dei suoi allora 360 brevetti industriali, Nobel diventò quindi un ricco imprenditore, acquistando anche la Saab Bofors Dynamics, una grande industria svedese, e riconoscendo una parte di paternità dell'invenzione della dinamite anche al collega chimico piemontese Sobrero, intestandogli un vitalizio. Dopo la morte del padre, Nobel continuò sia i suoi affari che i suoi esperimenti: nel 1875 inventò la gelignite, esplosivo gelatinoso ancor più stabile e potente della dinamite, e nel 1887 brevettò la balistite, base della futura cordite.

L'istituzione del Premio Nobel[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Premio Nobel.

Una consigliera critica sull'utilizzo della dinamite a scopo bellico fu la sua segretaria pacifista Bertha von Suttner.

Nel 1888 il fratello di Alfred, Ludvig, morì mentre si trovava a Cannes. Per errore, un giornale francese pubblicò il necrologio della morte di Alfred, condannandolo aspramente per l'invenzione della dinamite. Il titolo del necrologio recitava Il mercante di morte è morto (Le marchand de la mort est mort), continuando poi: "Alfred Nobel, che divenne ricco trovando il modo di uccidere il maggior numero di persone nel modo più veloce possibile, è morto ieri".

A seguito di questo episodio, Nobel avrebbe iniziato a preoccuparsi di come sarebbe stato ricordato dopo la sua morte e sarebbe quindi maturata la volontà di lasciare un'eredità migliore. Perciò, il 27 novembre 1895 sottoscrisse il suo famoso testamento, con il quale istituì quei riconoscimenti che sono diventati noti come premi Nobel.[9] Il patrimonio stimato di Alfred Nobel si aggirava intorno ai trenta milioni di corone svedesi, corrispondente a circa 180 milioni di euro odierni.

Gli ultimi anni e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Filantropo nella più classica delle accezioni, negli ultimi anni Alfred Nobel fu sinceramente tormentato in coscienza dalle possibili applicazioni belliche e distruttive delle sue scoperte[10]. In tale contesto contraddittorio istituì quindi il premio Nobel, che rese immortale il suo nome, per stimolare con la premiazione la ricerca nei campi che illuminano e aiutano l'essere umano a vivere degnamente. Ebbe anche delle velleità letterarie: scrisse infatti un certo numero di poesie e drammi e pensò anche di dedicarsi esclusivamente a questa attività. Non si sposò mai; tuttavia, dal 1876 circa, il suo grande amore fu l'austriaca Sofie Hess.

Nel 1896 Nobel morì per un'emorragia cerebrale in Italia, nella sua villa sulla Riviera ligure, precisamente a Sanremo. Il suo corpo venne quindi restituito alla Svezia, dove riposa al Norra begravningsplatsen, cimitero di Stoccolma.

Premio Nobel

Alfred Nobel
Pace vincitori
Letteratura vincitori, candidati
Medicina vincitori
Fisica vincitori, candidati
Chimica vincitori, candidati
Economia vincitori

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per Hedelin, Svenska uttals-lexikon, Stoccolma, Norstedts, 1997.
  2. ^ (EN) Alfred Nobel's life - NobelPrize.org, su nobelprize.org. URL consultato il 25 febbraio 2024.
  3. ^ a b c LA CHIMICA NELLA SCUOLA - Anno XXXII Aprile - Giugno 2010 (PDF), su soc.chim.it, p. 67. URL consultato il 25 agosto 2024.
  4. ^ a b Nobel, Alfred Bernhard nell'Enciclopedia Treccani - Treccani - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 25 febbraio 2024.
  5. ^ Esplosivi, su earmi.it.
  6. ^ (EN) Alfred Nobel, su sciencehistory.org, Science History Institute. URL consultato il 18 dicembre 2019.
  7. ^ Dario Basile, Torino, Ascanio Sobrero e lo «strano miscuglio» da cui nacque la nitroglicerina, in Corriere Torino, 23 ottobre 2022. URL consultato il 23 febbraio 2024.
  8. ^ Dinamitificio Nobel, su vallesusa-tesori.it.
  9. ^ Frederic Golden, The Worst And The Brightest, in Time, Time Warner, 16 ottobre 2000. URL consultato il 27 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2007).
  10. ^ L'enciclopedia Treccani spiega questa sua contraddizione interiore

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241927177 · ISNI (EN0000 0001 2129 0017 · SBN PUVV346000 · BAV 495/196008 · LCCN (ENn81147736 · GND (DE118588370 · BNE (ESXX1049083 (data) · BNF (FRcb125092450 (data) · J9U (ENHE987007265900305171 · NDL (ENJA00621216 · CONOR.SI (SL25265251