Alfred Lesbros

Strada di Villeneuve-lès-Avignon

Alfred Lesbros (Montfavet, 18731940) è stato un pittore francese. Pittore paesaggista provenzale, fece parte del Gruppo dei Tredici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alfred Lesbros (pron. Lebrò) nacque in un sobborgo di Avignone e fece i suoi primi studi alla Scuola di Belle arti della città. Frequentò poi diverse scuole d'arte e diversi atelier di maestri provenzali, come Jules Flour e Pierre Grivolas. Assieme ad altri pittori che contestavano la Società Valchiusana di Amici dell'Arte, venne a far parte del Gruppo dei Tredici.
Partecipò al Salon di Lione, e a Parigi al Salon degli indipendenti e al Salon d'Autunno.

Lesbros ha eseguito più di cento opere, oggi esposte nei musei e nelle collezioni pubbliche di Aix-en-Provence, Arles, Avignone, Marsiglia, Montpellier e Tournon-sur-Rhône. Il Museo Calvet di Avignone possiede di lui La Cour de la livrèe de Thury, Le Jardin e Promenade.

Lesbros subì l'influenza artistica delle correnti d'inizio secolo, dall'impressionismo al cubismo, che egli traspose sulle sue tele mutuandole con il suo temperamento tipicamente provenzale. I suoi quadri sono in prevalenza paesaggi realizzati ad olio su tela o cartone, ma le tecniche che usava variavano spesso; in questo modo si può trovare la stessa veduta realizzata con tecniche differenti: puntinismo, realismo, sintetismo e persino astrattismo.

A partire dagli anni venti i suoi paesaggi sono colti nelle vicinanze di pochi paesi e borghi: Graveson, Barbentane, Villeneuve-lès-Avignon o la stessa Avignone.
Come per la sua nascita, si sa poco sulla data e sul luogo della sua morte. Scomparve, comunque, nel 1940 e fu sepolto nel cimitero di Montfavet.

Alcune opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1920 - La Tour Philippe Le Bel[1]
  • 1926 - Porte de Roussillon avec les plantes sauvages o La Peau de la panthère[2]
  • 1927 - Jardin du musée Calvet[3]
  • 1927-1928 - Le Pont Saint-Bénezet aux galets,
  • 1928 - Le Chemin à Villeneuve[4]
  • 1932 - Rue Pente-Rapide à Avignon
  • 1932 - La Vierge au jardin[5]
  • 1936 - Le Tournant de Barbentane
  • 1937 - Vallon des Grenadiers Sauvages
  • 1937 - Le Pont Saint-Bénezet[6]
  • 1937 - Le Jardin fleuri[7]
  • 1938 - Le Vieux Moulin à Barbentane[8]
  • 1939 - La Maison rose[9]
  • La Cour de la livrée de Thury
  • Le Jardin
  • Promenade
  • Maison en Provence

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lesbros su: artistesprovencaux.free.fr
  2. ^ Porte de Roussillon avec les plantes sauvages, su impressionism-art.org. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  3. ^ Jardin du musée Calvet, su impressionism-art.org. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  4. ^ Le Chemin à Villeneuve, su impressionism-art.org. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  5. ^ Lesbros su: artnet.fr
  6. ^ Le Pont Saint-Bénezet, su impressionism-art.org. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  7. ^ Le Jardin fleuri, su impressionism-art.org. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  8. ^ Le Vieux Moulin à Barbentane, su impressionism-art.org. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).
  9. ^ La Maison rose, su impressionism-art.org. URL consultato il 5 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • André Alauzen, Laurent Noet, Dictionnaire des peintres et sculpteurs de Provence-Alpes-Côte d'Azur, ediz. Jeanne Laffitte, Marsiglia, 2006 - ISBN 9782862764412, pag. 283-284.
  • Éliane Aujard-Catot, Alfred Lesbros, Fondazione Louis Vouland, Avignone
  • Jacques Marseille (a cura di), Dictionnaire de la Provence et de la Côte d'Azur, Ediz. Larousse, Parigi, 2002 - ISBN 2-03-575105-5

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27965765 · ISNI (EN0000 0000 2653 2188 · Europeana agent/base/10289 · ULAN (EN500197777 · LCCN (ENn83154314 · GND (DE122922484 · BNF (FRcb11956139n (data)