Özdemiroğlu Osman Pascià

Özdemiroğlu Osman Pascià

XL Gran visir dell'Impero ottomano
Durata mandato28 luglio 1584 –
29 ottobre 1585
MonarcaMurad III
PredecessoreKanijeli Siyavuş Pascià (I mandato)
SuccessoreHadim Mesih Pascià

Özdemiroğlu Osman Pascià letteralmente "Osman Pascià, figlio di Özdemir" (Il Cairo, 1526Iran, 29 ottobre 1585) è stato un militare e politico ottomano.[1]

Özdemiroğlu Osman Pascià
NascitaIl Cairo, 1526
MorteIran, 29 Ottobre 1585
Dati militari
Paese servitoBandiera dell'Impero ottomano Impero ottomano
Anni di servizio1578–1585
GradoSerdar
GuerreGuerra ottomano-safavide
BattaglieBattaglia di Çıldır
Battaglia delle Torce
voci di militari presenti su Wikipedia

Dopo la conquista ottomana dell'Egitto nel 1517, l'ex élite mamelucca (turchi e circassi) aveva accettato il dominio ottomano e divenne parte della burocrazia e dell'esercito ottomano. Özdemir Pascià, il padre di Osman, era uno di loro. Dopo le campagne nell'Oceano Indiano, è stato nominato beylerbey (alto governatore) dell'Eyalet di Habesh (l'odierna Etiopia, ma praticamente solo la fascia costiera dell'Eritrea e del Sudan).

Osman nacque nel 1526 a Il Cairo, nell'Eyalet d'Egitto dell'Impero Ottomano.

Osman fu nominato a vari incarichi in Egitto dalla Porta. Dopo la morte di suo padre nel 1561, Osman continuò come governatore dell'Eyalet di Habesh per 7 anni. Nel 1569 fu nominato governatore dello Yemen e nel 1573 governatore dell'Eyalet di Diyarbekir (l'attuale Diyarbakir, Turchia).[2]

Mentre si trovava a Diyarbekir, fu assegnato all'esercito durante la guerra ottomano-safavide (1578-1590). Le sue truppe combatterono bene e contribuirono molto alla vittoria durante la battaglia di Çıldır. Dopo la battaglia, fu incaricato di organizzare i territori appena conquistati nel Caucaso. Mentre stabiliva un'efficace amministrazione ottomana, dovette anche combattere contro i persiani che stavano cercando di recuperare le loro perdite.[3] Nel 1583, combatté contro un esercito persiano a Baştepe, una località nel Caucaso settentrionale (moderna Repubblica russa del Daghestan), in uno scontro di tre giorni chiamato Battaglia delle Torce, (così chiamata perché continuò nella notte). Ha sconfitto l'esercito persiano e ha assicurato la presenza ottomana nel Caucaso.[4]

La sua prossima missione fu la detronizzazione del khan di Crimea Mehmed II Giray, che era un vassallo inaffidabile, e l'intronizzazione di un nuovo khan, in cui ebbe anche successo. Quindi, dalla Crimea salpò per Istanbul, la capitale, dove fu lodato dal sultano Murat III.[5]

Il 28 maggio 1584 fu promosso gran visir, mantenendo anche il titolo di alto comandante dell'esercito (turco: serdar). L'anno successivo era di nuovo al fronte, conquistando Tebriz, nell'Iran occidentale. Tuttavia, poche settimane dopo, il 29 ottobre 1585, si ammalò e morì. Fu sepolto a Diyarbekir.

  1. ^ (TR) İsmail Hâmi Danişmend, Osmanlı Devlet Erkânı, İstanbul, Türkiye Yayınevi, 1971, p. 22.
  2. ^ Buz, Ayhan, Sokullu'dan Damat Ferit'e Osmanlı sadrazamları, Neden Kitap, 2009, ISBN 978-975-254-278-5, OCLC 1089178490. URL consultato l'8 febbraio 2021.
  3. ^ (TR) Yunus ZEYREK, TÂRÎH-İ OSMAN PAŞA (PDF), Ankara, Kültür Bakanlığ, 2001.
  4. ^ (TR) Prof. Yaşar Yüce-Prof. Ali Sevim, Türkiye tarihi Cilt III, İstanbul, AKDTYKTTK Yayınları, 1991, pp. 21-23.
  5. ^ Joseph von Hammer, Osmanlı Tarihi, a cura di Abdülkadir Karahan, II, İstanbul, Milliyet yayınları, pp. 100-101.

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN24268687 · LCCN (ENno2002050601